Utente 355XXX
Gentili dottori,
Circa tre anni fa è stato accertato dall'odontoiatra la presenza di un morso aperto causato da deglutizione infantile. Mi era stata prospettata l'ipotesi di un apparecchio fisso e di terapia logopedica, ma avevo temporeggiato sia per l'esborso economico (a carico della mia famiglia) sia poiché ne avevo già fatto uso in passato (ovviamente tutti i denti sono disallineati ora a causa della scorretta postura della lingua, cosa che non sapevo di avere). La nuova odontoiatra mi ha prospettato l'idea di un invisalign dopo aver accuratamente otturato alcune carie superficiali e ho deciso di accettare. Tuttavia, dopo le prime otturazioni (3 in una volta), ho molto faticato a tenere la mandibola aperta e nei giorni seguenti ho accusato notevoli dolori facciali, credo proprio a causa della mia malocclusione, per cui ho sempre in tensione i muscoli del collo e delle spalle e che mi rendo conto di aver trascurato. In più la dentista ha notato recessione gengivale e mi ha "minacciato" di parodontite e che avrei perso tutti i denti prima dei 50 anni senza un'accurata igiene orale. Premettendo che frequento regolarmente una psicoterapeuta per ipocondria e ansia (sotto controllo da tre anni ormai), la minaccia dell'odontoiatra mi ha invece creato molta ansia e lavarmi i denti un momento di ansia perenne (li sto lavando bene? Sto passando in maniera corretta il filo interdentale?). Insomma mi sono convinta di avere la parodontite, ed ho probabilmente associato il fastidio derivante dalla malocclusione a problemi d'irritazione gengivale, tanto da recarmi ad un controllo extra e venire rispedita a casa tranquilla poiché non avevo nulla! Dopo una settimana di tranquillità ma ansia in ufficio, mi rendo conto che un dente (notare: non saprei dire quale) dell'arcata superiore destra sembra muoversi poiché lo spingo con la lingua sia di notte sia di giorno. In realtà, tutti i denti sembrano essere ben saldi (per ora esame mio e di mio padre, anche perché se così fosse immagino saprei trovare il dente giusto e non pensare siano tre), ma si tratta proprio di quelli che più sono disallineati (sono più in dentro e quindi la lingua tende a toccarli facilmente). Facendo un controllo su me stessa mi sono resa conto di non riuscire più a chiudere il morso completamente, poiché le mandibole disallineate (ho una spalla più alta dell'altra e ho un po' di scoliosi, anche se niente di grave secondo il fisiatra). Da tre settiamane continuo a prestare attenzione per come deglutisco, vorrei subito coreggere la deglutizione anche se mi rendo conto che in poco tempo non è possibile, ma ora ho l'ansia che mi cadano i denti, che non riuscirò a chiudere il morso, che la mia dentista non sia competente del mio caso. Ciò che è vero è che sento la lingua infiammata dal lato destro (quello che sbatte sui denti), i due premolari sono dolenti e nel tentativo di non far aderire la lingua ai denti ho ancora infiammato di più le articolazioni mandibolari. E non ho pace

[#1] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Vanno premesse alcune cose prima di intraprendere l'ortodonzia:
I sintomi che lei riferisce sono sintomi di un Disturbo Temporo Mandibolare,quali dolori facciali ,dolori muscoli del collo ai quali vanno aggiunti(ci deve far caso) click / rumori articolari ATM,dolori muscolari /articolari,blocchi articolari,cefalea,cervicalgia,vertigini,acufeni,
disordini posturali.
Essi vanno assutamente trattati prima di un approccio ortodontico,in quanto se lei ne soffre,possono peggiorare ed essere difficili da curare.
Lo specialista di riferimento è lo gnatologo.
Per quanto riguarda la deglutizione atipica è
difficile da trattare data l'età,avrebbe avuto un senso in età infantile.
Cosi anche l'open bite doveva essere intercettato precocemente.
Attualmente il trattamento della malocclusione prevede un approccio combinato ortodontico_chirurgico.

Per il problema parodontale (recessioni,mobilita' dentale),consiglio una visita da un Collega Parodontologo.
Per il DTM le allego un link,lo legga
se ha domande chieda pure .


https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1968-disordine-temporomandibolare-dolore-facciale.html

Distinti Saluti
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#2] dopo  
Utente 355XXX

Gentile dottor De Socio,
Grazie per la solerte risposta.
In effetti mi ritrovo in molti dei sintomi, anche se alcuni sono spesa transitori (come spero quello di cui soffro ora).
In attesa di visita gnatologica che visto il periodo non sarà certo prima di settembre, suppongo di dover accettare la situazione così com'è. Durante l'infanzia la deglutizione infantile non mi è stata diagnosticata e infatti anche il precedente lavoro ortondontico è andato a farsi benedire. Questo giovedì parto per il mare e sono terrorizzata di stare male durante la vacanza, ma immagino siano paure infondate dato che sono anni che sopporto questa situazione e se ci penso razionalmente non credo possa degenerare in un mese. Lei cosa ne pensa?
Ancora grazie e perdoni il flusso di coscienza

[#3] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Parta pure per le vacanze ma tenga presente il mio consiglio.
Buona Serata
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#4] dopo  
Utente 355XXX

Gentili dottori,
In attesa di una visita da uno gnatologo come consigliato dal Dottor De Socio è in vacanza al mare continuo a pinzare tra le arcate il lato destro della lingua, fino ad aver creato un "salamino" in rilievo. Continuo a provare fastidio e non so dove posizionare la lingua, specialmente di notte dove avviene inconsciamente. Saró in Grecia ancora per dodici giorni, ma comincio a essere stufa di questa situazione. Potrei fare qualcosa? Forse un bite "provvisorio"? (Da farmacia)

[#5] dopo  
Utente 355XXX

Gentili dottori,
Come consigliato dal dott. De Socio, ho effettuato oggi una visita gnatologica in cui la diagnosi è stata di bruxismo (da stress, essendo un soggetto ansioso) e mi ha consigliato anche di mettere un bite per "limitare" il problema (legato, appunto all'ansia in primis secondo il suo parere). Il mio morso aperto e la lingua in posizione scorretta (sostiene in parte l'arcata destra) non dovrebbero creare grossi problemi funnzionali poiché la masticazione, anche se non corretta, sembra avere un suo equilibrio.
I fastidi che posso sentire sarebbero quindi da imputare al serramento dei denti. Non essendo ortodontozista, non si è espresso sulla bontà di un trattamento invisalign, anche se vede nell'uso della mascherina anche una sorta di bite surrogato che potrebbe essere utile. Per il mal di schiena che accuso ancor di più da un mese a questa parte, ho effettuato visita fisiatroca con diagnosi di rachide rettificato e marcata contrattura di sternocleidomastodei e trapezi bilaterali, postura scorretta con asimmetria del cingolo con spalla destra anteposta ed abbassata.
Posto che queste contratture (in misura minore) sono per me normale da anni anche in situazioni non di tensione e che a sinistra alla base del collo sento dolori e scrichiolii sinistri, questo consulto può dirsi attendibile? Con questi problemi alla schiena è quindi sconsigliato l'intervento ortodontico?

[#6] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Tratti prima la disfunzione cranio mandibolo vertebrale con il bite,poi si vedrà. In questi casi un trattamento irreversibile come l'Ortodonzia non è indicato.
Cordialità
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia