Utente 434XXX
In una settimana mi hanno fatto la terapia canalare in 2 fasi, la prima conclusa con una otturazione provvisoria e la seconda con chiusura canalare e otturazione definitiva in quanto a giudizio dell'odobtoiatra la mia corona non era talmente compressa da dover chiudere con una capsula.

Venendo al dunque mi sembra di accusare problemi di sensibilità termica al freddo, ma non sono sicuro sia il molare devitalizzato visto che li vicino ho entrambi i premolari con piccole recessioni gengivali.
Potrebbe essere il dente devitalizzato o i premolari ??

Il dente devitalizzato non ha dolori masticatori o dolori di qualsiasi tipo

Grazie

[#1] dopo  
Dr. Diego Ruffoni

28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Prenota una visita specialistica
Gentile utente, la sensibilità al freddo può essere data dai denti adiacenti, un trattamento desensibilizzazione potrà derimere ogni dubbio.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/


[#2] dopo  
Utente 434XXX

Cos'è questo trattamento desensibilizzanti ?
Devo richiederlo all'odontoiatra?


Grazie

[#3] dopo  
Dr. Diego Ruffoni

28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Si, può essere professionale o domiciliare, chieda al suo odontoiatra.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/


[#4] dopo  
Utente 434XXX

Salve e scusi ma non ho capito in che senso..

[#5] dopo  
Dr. Diego Ruffoni

28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
La desensibilizzazione può essere eseguita in studio e in alcuni casi anche a domicilio.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/


[#6] dopo  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
4% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Se presenta dei denti attigui con delle recessioni, con molta probabilità la sensibilità termica al freddo deriva da questi, basta una semplice visita odontoiatrica per dirimere qualsiasi dubbio. Qualora la causa fosse derivante dai denti con recessione, a quel punto sta al curante decidere quale terapia più appropriata possa fare al suo caso.
Distinti saluti
Dr.Oscar G.ppe Muraca

La risposta ha carattere puramente informativo.

[#7] dopo  
Dr. Marco Capozza

40% attività
4% attualità
16% socialità
TRICASE (LE)
LECCE (LE)
MATINO (LE)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2006
Salve, un dente devitalizzato non soffre di sensibilità termica in quanto è privo dei nervi contenuti nella polpa dentale.
A volte sono presenti contemporaneamente problemi su denti contigui e dopo la terapia canalare di un dente sembrano emergere i problemi degli altri denti adiacenti.
Purtroppo per un parere specifico è necessaria una visita.
Cordiali saluti
Dott. Marco Capozza
http://www.dentista-lecce.com
mailto: dentista.salento@gmail.com

[#8] dopo  
Utente 434XXX

Dr ruffoni per le motivazioni espresse dal dr capozza perché dovrei richiedere questa cosa desensibilizzante se un dente devitalizzato in nessun modo deve darmi stimoli?

Vedrò a breve un altro dentista che mi farà una rx a questo dente in particolare per vedere se i canali sono stati chiusi correttamente....

[#9] dopo  
Dr. Diego Ruffoni

28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
La desensibilizzazione, che non deve richiedere lei, le può essere applicata ai denti continui, al dente devitalizzato non serve a nulla.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/


[#10] dopo  
Utente 434XXX

Salve purtroppo mi è stata fatta una devitalizzazione un po' di cacca ..
Un altro dentista ha fatto una rx endorale a questo dente riscontrando che i canali non sono stati devitalizzati a fondo, constatando sofferenza apicale con formazione di un verosimile granuloma..
Quindi faranno altra terapia.

Certi dentisti sono inutili dovrebbero radiarli

[#11] dopo  
Dr. Diego Ruffoni

28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Gentile utente, aspetti a dar giudizi, perché la sintomatologia da lei riferita non concorda a fondo con la nuova diagnosi. Si ricordi che molte volte le terapie endodontiche non sono come le foto dei sacri testi e noi odontoiatri quando eseguiamo questi ritrattamenti, spesso capiamo perché il collega precedente non era arrivato a fondo. Forse mettere in contatto i due professionisti tra di loro, potrebbe darle dei vantaggi.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/


[#12] dopo  
Utente 434XXX

Dottore a me è stato spiegato che per eseguire correttamente una cura canalare vadano eseguite almeno 3-4 lastrine prima e dopo ed un rilevatore apicale, più la diga.

L'assenza di uno di questi fattori può determinare l'insuccesso.
Mi permetta di dare giudizi visto che ho buttato 300 euro con il primo dentista.

In virtù di ciò, verosimilmente la sensibilità essendo che il dente non è correttamente devitalizzato può dipendere da questo?

Grazie

A me comunque è stato detto semplicemente che il primo dentista aveva individuato il 2 canale perché avevo 3 canali uno singolo l'altro con 2 canali, ecco quello che ne ha 2, uno è stato chiuso l'altro è stato cominciato ma non completato

[#13] dopo  
Dr. Diego Ruffoni

28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Anche i migliori endodontisti con sistemi a microscopio e Rx a GoGo hanno i loro insuccessi; Chiediamoci perchè un canale è stato incominciato e non completato? Che motivo c'era per non completarlo, visto che era già stato individuato? Per questo ritengo che mettere in comunicazione i due colleghi potrebbe dare dei vantaggi. Non esiste un numero obbligatorio di Rx che da garanzia di successo nel trattamento endodontico, come non sono essenziali in tutti i casi, l'uso del rilevatore d'apice e la diga. Le faccio un esempio, donna gravida alla ventesima settimana: non eseguo RX se non in casi particolari e per facilitarmi la cura applico la diga e utilizzo il rivelatore d'apice. Si ricordi che la diga facilità la cura per l'odontoiatra, le RX sono anche un reddito e il rilevatore d'apice non sempre da ottime garanzie, per cui perchè non chiedere all'odontoiatra che la curato il perchè del mancato utilizzo? Visto che lui ne avrebbe tratto solo dei vantaggi?
Dubito che la sensibilità freddo sia data da questo dente, non sono state fatte delle semplicissime prove di sablzi termici molto meno invasivi delle RX ?
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/


[#14] dopo  
Utente 434XXX

Dottore scusi ma alla fine del trattamento endodontico la rx non da garanzia che il trattamento è stato fatto correttamente?
Allo stato attuale ho una sorta di quasi granuloma, scomparirà con il ritrattamento?

I problemi di sensibilità son dovuti a delle recessioni gengivali mi è stato detto .

Alla sua prima domanda mi verrebbe di risponderle con onestà: solo malafede.
Ti faccio un trattamento un po' scarso così che poi torni e dovrò rifarti una nuova cura.
Questo penso io.
Chiaro che fortunatamente non tutti gli odontoiatri sono così, ma a naso questa è l'impressione.
Sulla diga non saprei ma glielo chiederò personalmente con i miei genitori, visto che loro pagano per me ed in un certo senso loro hanno subito la "truffa".
Andare lì con la rx e vedere cosa dirà a sua discolpa .

[#15] dopo  
Dr. Diego Ruffoni

28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Non credo che un odontoiatria esegue un trattamento scarso per sfruttare il lato economico futuro, perché lui vive di passaparola e questo lo porterebbe a prendere pazienti. Un trattamento scarso all'occorrenza può essere completato, uno sfondamento o una falsa strada riduce drasticamente la vita di un dente, per cui non sappiamo se c'è buona o mala fede. Non occorrono discolpe ma delle chiare e semplici spiegazioni, con una lettera di accompagnamento al nuovo collega che si assumerà le responsabilità delle prossime cure.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/