Utente 472XXX
salve dottori..
allora a novembre mentre facevo la barba mi sono toccato una pallina sotto al mento, in realtà ne erano 3; cosi disse il medico di famiglia che mi fa fare un emocromo (nella norma) ed una ecografia che evidenzia appunto 3 linfonodi iperplastici reattivi di 9x4mm, 7x3mm e 5 mm.
sono consapevole di avere una situazione orale complicata per questo ho optato chiedere un consulto qui..
dunque, disturbi ATM con click e fastidio all'apertura massimale della bocca, terza classe scheletrica "cross-bite completo canino-2 molare a destra e cross-bite canino-2 premolare a sinistra" (overbite-overjet negativi, arcata superiore contratta e inferiore iperespansa, terzi molari inclusi ad eccezione del 48 in disodontiasi e presenza del 39 incluso sul 38; riassorbimento radicolare e frattura della radice mediale del 46 con annessa cisti apicale con segni di flogosi; lesioni cariose a carico de 16, 26 e 27)
dunque, il 46 è distrutto, aperto da molto anni; cisti e frattura radicolare.
il primo molare sinistro anch'esso era aperto da anni e c'erano segni di granuloma, quel dente è stato curato però.

di recente ho fatto una nuova visita odontoiatrica che riscontrava una gengivite generalizzata interpressimale ed una tasca parodontale di 5mm sul 48 uscito a metà e storto.

ora, ieri sera in laterocervicale ho trovati altri 2 piccoli linfonodi che farò sentire dal medico, di sicuro sono subcentimetrici.
siccome la paura del linfoma regna sovrana, vorrei chiedervi se la mia situazione odontoiatrica dal vostro punto di vista può causare questa linfoadenopatia sottomentoniera e laterocervicale.

Grazie

[#1] dopo  
Dr. Diego Ruffoni

28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Prenota una visita specialistica
Gentile utente, la bocca va curata in qualunque caso, questi focolai le potrebbero dare altre patologie a distanza (malattia focale, ecc.). Ora a distanza senza la minima conoscenza del caso non possiamo sapere se la linfoadenopatia è data da origini odontoiatriche. Le consiglio di iniziare le cure odontoiatriche al più presto.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/


[#2] dopo  
Utente 472XXX

So che non può essere specifico;
ho solo chiesto se in linea generale, patologie odontoiatriche potrebbero causare un rigonfiamento dei linfonodi sottomentonieri e laterocervicali.
insomma, capire se patologie del cavo orale "drenano" i linfonodi delle stazioni citate sopra.

Grazie.

[#3] dopo  
Dr. Diego Ruffoni

28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
In questo caso parliamo della salute dei pazienti e delle risposte non specifiche, le possono dare ancor più dubbi o ansie, peggio ancora potrebbero essere interpretate male da altri utenti che potrebbero trascurare una situazione che dovrebbe essere affrontata. Forse lei sa già che le patologie orali possono anche dare linfoadenopatia, visto che è stato anche da un odontoiatra. Non è possibile a distanza affermare che la sua situazione sia dovuta alla sola condizione orale, l'unica cosa certa che le posso dire che la sua bocca deve essere curata al più presto.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/


[#4] dopo  
Utente 472XXX

grazie delle repliche ma non capisco questa sua perplessità nel darmi informazioni scientifiche che lei in qualità di medico dispone.
propio perchè lei è un medico sto chiedendo spiegazioni razionali anzichè affidarmi ad alcuni siti spazzatura per quanto riguarda la medicina.
nello specifico la mia domanda è se, premesso che linfoadenopatia è causata da molteplici patologie, nel distretto laterocervicale si possono attivare i linfonodi per patologie situate nel cavo orale?
non capisco perchè un utente, qual'ora lei rispondesse in modo affermativo o negativo, dovrebbe mal interpretare le sue parole. io ho chiesto ad un medico una informazione scientifica.

a scopo informativo, il mio medico ha constatato che tali linfonodi sono reattivi e di fare una "bonifica" della bocca.

[#5] dopo  
Dr. Diego Ruffoni

28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Il suo medico ha potuto trarre questa conclusione, perché conosce il caso clinico, l'anamnesi e i risultati degli accertamenti diagnostici. Ora non le resta che seguire i nostri consigli che concordano. La risposta affermativa o negativa che tutto possa nascere dai denti a distanza senza la minima conoscenza del caso, non è possibile saperla. Che i denti siano da curare non abbiamo dubbi.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/