Utente 492XXX
Salve, da qualche giorno sono afflitto da un forte dolore a un molare devitalizzato e incapsulato più di 10 anni fa, che fino a oggi non mi aveva mai dato problemi. Mi sono recato dal mio dentista tre giorni fa, il quale (esaminando la radiografia e riscontrando un'infiammazione, ipotizzo, della gengiva) mi ha prescritto Augmentin per 6 giorni (2 compresse al dì). Dopo i primi due giorni di assunzione dell'antibiotico il dolore non accenna a diminuire e, anzi, mi sembra sempre più forte. Ormai mi fa male anche lo zigomo e dormire è difficile. Ovviamente impossibile masticare da quel lato. Poiché in passato avevo già preso Augmentin per un problema simile (infiammazione a un altro dente devitalizzato o perlomeno alla gengiva intorno) ero molto ottimista su un felice e rapido decorso: l'altra volta dopo l'assunzione di 2 compresse riuscivo ad avere già dei benefici, cosa. Pe rora però, sebbene sia sotto antibiotici da due giorni, non noto benefici. Pe rora gestisco il dolore con synflex, ma non è che faccia granché.
Stamattina, in preda al dolore, essendo il mio dentista irreperibile, mi sono recato in un pronto soccorso odontoiatrico dove hanno escluso la presenza di ascessi e mi hanno consigliato di "temporeggiare" per vedere se la sintomatologia regredisce o "esplode" in un ascesso. Al momento, mi è stato detto, non è facile capire qual è il problema (e dire che mi hanno fatto una lastra anche loro): la gengiva (NON gonfia), se stimolata, sanguina e, a sentire il dottore, ci sono incrostazioni di tartaro (cosa che mi ha sorpreso visto che ho fatto di recente una pulizia dei denti e uso regolarmente il filo interdentale).
In vista di un weekend che si preannuncia lungo (il mio dentista torna lunedì), vorrei chiedervi se questa sintomatologia corrisponde a qualcosa che vi è già capitato di osservare e se c'è la speranza che l'antibiotico abbia un qualche effetto a un certo punto.

[#1] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Mi auguro le sia stata effettuata una rx endorale periapicale per escludere problemi apico-radicolari o endoperio ed un sondaggio parodontale.Verosimilmente potrebbe esserci una frattura oppure trattarsi di un problema endodontico,oppure trattarsi di un problema parodontale o misto.Continui con la terapia consigliata in attesa di un controllo presso il Collega che l'ha in cura.
Cordiali Saluti
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#2] dopo  
Utente 492XXX

Sì, mi hanno fatto una rx endorale e sono state escluse fratture. La cura canalare presente è stata definita "buona", non ci sono a prima vista dei problemi di quel tipo. Magari ci saranno... Il dente dolorante è stato oggetto di ben due vie canalari. La prima, fatta male, portò un'infezione che in seguito fu curata con una seconda cura presso un altro dentista (ho cambiato tante città e altrettanti dentisti). Ai tempi il dentista che mi "salvò" il dente con la seconda cura canalare, mi disse che prima o poi avrei dovuto mettere un impianto: era il 2006...

[#3] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
On line e senza poterla visitare ed avere report clinici è difficile esserle d'aiuto.Si chiarisca bene con il Collega.
Buona Serata
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#4] dopo  
Utente 492XXX

Grazie a lei e buona serata!