Utente 130XXX

Il mio ragazzo, 32anni, presenta una tumefazione poco sotto la nuca di cui ci siamo accorti a settembre 2009, non sapremmo dire quando sia comparsa. Recandoci dal nostro medico curante questi ci ha detto che probabilmente si tratterebbe di lipoma e ci ha prescritto di effettuare una ecografia.
Il referto dell'ecografia, datata 23/09/09 e realizzata presso una struttura privata, è il seguente:
"Ecografia regione cervicale: Esame eseguito con sonda lineare da 8 MHz. In corrispondenza della tumefazione clinicamente evidente si evidenzia la presenza di una formazione a ecogenicità media, con ecostruttura disomogenea a margini sfumati, e che misura mm 31.8x23.4. Tale formazione appare al di sopra della fascia comune. L'esame con ecocolordoppler di tale formazione non evidenzia alcuna vascolarizzazione. Tale reperto appare in prima ipotesi riferibile a lipoma."
Abbiamo quindi eseguito una seconda ecografia a distanza di circa tre mesi, presso il C.T.O. di Milano.Il referto dell'ecografia, datata 16/12/09, è il seguente:
"Ecografia regione nucale. In corrispondenza della tumefazione visivamente apprezzabile si evidenzia una formazione isoecogena al sottocute, soprafasciale, di forma ovalare, a limiti netti. Il reperto, che misura dimensioni di 46 x 34 x 14 mm circa, non presenta segnale vascolare a un estemporaneo controllo color doppler ed è riferibile in prima ipotesi a formazione fibrolipomatosa. Non lesioni dei ventri muscolari locoregionali."
Dunque il lipoma sarebbe cresciuto in circa tre mesi di 15 mm in una dimensione e di 10 mm nell'altra, mentre la terza dimensione non era riportata nella prima ecografia. Ora le mie domande sono le seguenti:
a) La velocità di crescita rilevata è compatibile con un lipoma benigno o è un "cattivo segno"?
b) E' possibile che nella prima ecografia siano state sottostimate le dimensioni del lipoma?
c) Cosa è consigliabile fare? Una nuova ecografia a distanza di tempo, e se si a che distanza? Oppure sarebbe consigliabile pensare già ad una escissione chirurgica?
Vi ringrazio anticipatamente per le risposte che mi darete
cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Premesso che le caratteristiche che descrive sono di un lipoma che è une lesione benigna non mi preoccuperei in senso oncologico.

Tuttavia la dimostrazione di un accrescimento soprattutto se rapido va tenuta in considerazione e se si trattasse di mio figlio, pur non essendoci una reale urgenza chirurgica spingerei per una asportazione in virtù anche di una altra considerazione :lesione piccola = piccola chirurgia, lesione grande=grande chirurgia , se la tendenza di questa è verso un incremento volumetrico.

Cordiali saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 130XXX

In merito alla escissione chirurgica mi potrebbe dire a quale tipo di specialista dovremmo rivolgerci? E tale operazione deve essere preceduta da altri esami diagnostici oltre l'ecografia che già è stata effettuata?

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Va bene anche il C.T.O dove ha fatto l'ecografia
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com