Utente 152XXX
Gentile dottore,vorrei riportarle la mia situazione che inizia ben 2 anni fa,e che tutt'ora ancora mi tormenta.
Tutto inizia a Giugno 2008.
All'improvviso mi prende un'intenso prurito/formicolio su tutto il corpo.All'inizio non do molto peso alla cosa,pensando che fosse qualche bagnoschiuma o profumo nuovo.Con il tempo,però,la situazione non sembrava migliorare e quindi mi rivolgo al mio medico,il quale mi prescrive degli antistaminici.
Il prurito però non passava,cosi inziai a pensare a malattie serie,come ad esempio i linfomi.
Ho eseguito,quindi,ad ottobre 2008 i seguenti esami del sangue :
Sideremia 117
Got/AST 19
Got/Alt 19
Tranferrina 178
Ferritina 12
Ige totali 18,4
Albumina 61,6%
Alfa1 2,3%
Alfa2 9,0%
Gamma 16,9%
Proteine Totali 7,1
Rapporto A/G 1,60
Emocromo: Globuli Bianchi 7.51
Globuli rossi 4.52
Emoglobina 14.2
Ematocrito 42.0
MCV 92.9
MCH 31.4
MCHC 33.8
RDW-SD 42.3
RDW-CV 13.1
Piastrine 359
Formula Leucocitaria
Neutrofili 61.2
Linfociti 31.8
Monociti 5.1
Eosinofili 1.6
Basofili 0.3
Eseguo inoltre gli esami per la celiachia che danno esito negativo.
Il mio medico,mi dice quindi,che sono somatizzazioni ansiose.
Non contenta a gennaio 2009 mi rivolgo ad un altro medico che esegue questi accertamenti:
Sideremia 86
PCR 0,6 (fino a 5)
Calcio 10,1
Ferritina 8
Ige totali 17.8 (fino a 200)
FT3 2,2 TSH 2,85 FT4 1,4 PTH 114,0 (fino a 72,9)
Eseguo quindi un eco tiroidea:
Tiroide in sede,normoconformata,ecotessitura fine ed omogenea,margini regolari,dimensioni nella norma.Non linfoadenopatie laterocervicali.
Eseguo poi un'eco addome che rileva tutto nella norma.
Richiedo poi,un eco-mammaria:
Bilateralmente regolare spessore cutaneo.Regolare rapprensetazione dei piani adiposi sottocutaneo e profondo.Fascia pre e retroghiandolare normoecoiche.Campi mammari con aree ghiandolari maggiormente rappresentate in sede retroaeolare e ai QSE,dove si prensentano ad ecostruttura lievemente disomogenea senza evidenza di immagini da riferire a formazioni nodulari solide o cistiche che infiltrnao o distrocono i piani contigui.Non adenopatie sospette in cavità ascellare.
A quel punto ho eseguito una visita psichiatrica che ha riscontarto depressione e attacchi di panico,a tratti ossessivo compulisvo.
Il mio prurito,però,ritornava a fasi inetrmittenti,fin quando a dicembre 2009 ho sentito un linfonodo alla trachea.
Subito ho esguito un'eco che non ha riscontrato nulla di anomalo.
A gennaio 2010,ho richiesto una nuova eco--tiroidea,tutto nella norma,ma avevo dei linfonodi reattivi in area sottomandibolare.
Ho eseguito:
Cupremia 108 (80-150)
PCR 0,6
LDH 382 (200-480)
Ferritina 9
Ves 14 alla prima ora e 26 alla seconda ora.
FT3 2,6 TSH 2,16 FT4 0,9 Tireoglobulina <3 Ant.Tireoglobulina 0,9 Antiperossidasi 0,5 PTh 76,0.
Adesso io continuo a sentire prurito e i linfonodi sottomandibolari non sono diminuti neanche con la cura antibiotica.
Posso escludere la presenza di linfoma??
Quali esami posso eseguire?

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Stia tranquilla per i linfonodi reattivi in senso oncologico e consideri il quadro nei limiti della normalità

https://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=40590

http://www.senosalvo.com/approfondimenti/lifonodisentinella.htm

Per fare il punto della situazione farei una visita ematologica e discutendone con il collega specialista una eventuale visita dermatologica non tralasciando nel frattempo eventuali trattamenti psichiatrici cui ha fatto cenno.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 152XXX

Dottore grazie per la risposta.
Ho letto i suoi link dove c'è scritto che solitamente i linfonoidi "reattivi" sono dolenti al tatto.
I miei non lo sono,ma sono abbastanza mobili,nel senso che quando li tocco mi sfuggono.
Ho,però,letto sempre in questo sito che spesso anche i linfonodi "cattivi" possono essere mobili all'inizio per poi essere inglobati nel tessuto neoplastico...è vero?
Io,comunque,un anno fa ho mostrato i miei esami all'ematologo di mia zia che è in cura per una leucemia,e mi ha detto che a parte la ferritina basse non era tutto nella norma,perchè i globuli rossi e l'emoglobina erano ottimali.
Quello che io mi chiedo è se puo essere che questi linfonoidi che ho gonfi da pochi mesi possano essere "sfogo" di malattia,inziata già 2 anni fa con il prurito?
Inoltre,gli ultimi accertamenti che ho fatto (VES,LDH,CUpremia;PCR) possono escludere la presenza di linfoma,o possono essere normali con la presenza della malattia in corso?
Grazie

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Se non sono dolenti non vuol dire che si tratti di linfonodi di competenza oncologica e anche quelli reattivi
possono persistere per molto tempo soprattutto in soggetti magri.
Purtroppo l'esame clinico è fondamentale in questi casi e forse un controllo per fare il punto della situazione potrebbe essere opportuno.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com