Utente 576XXX
buon giorno, vi espongo il mio problema:
soffro di esostosi multiple e nel mese di giugno mentre guidavo ho avuto un blocco della gamba (dolore nella parte dietro al ginocchio, verso l'interno che si è propagato a polpaccio e piede sottoforma di contrattura dei nervi) che mi ha costretta a recarmi al pronto soccorso. Lì dopo una lastra l'ortopedico mi ha suggerito di fare una visita specialistica; durante la visita la dott.ssa mi ha detto che il dolore non può essere ricondotto alle esostosi perchè il dolore sarebbe in sede anteriore e ha suggerito che il problema potrebbe essere al menisco mediale....mi ha prescritto anche una RMN al ginocchio. Dato che il controllo sarà a dicembre volevo nel frattempo avere dei pareri da voi, quindi vi espongo il referto:
" normale aspetto del legamento crociato e dei collaterali. il legamento crociato anteriore appare lievemente assottigliato e disomogeneo ma continuo. irregolarità esostosica del tratto mtafisario prossimale della tibia sia sul versante laterale che in particolare sul versante mediale con alterazioni si segnale di tipo irritativo dei tessuti molli adiacenti più evidenti in sede postero laterale. Analoghe alterazioni sono apprezzabili anche sul tratto metafisario distale del femore e prossimale del perone. Piccola irregolarità esostosica è inoltre apprezzabile alla gola intercondiloidea (si consiglia eventuale precisazione diagnostica con TC). non evidenti segni di lesioni al menisco laterale. Alterazioni di segnale del corno posteriore del menisco mediale che non sembrano determinare soluzioni di continuità delle superfici articolari. versamento articolare di minima entità; modesta distensione cistica della borsa del gastrocnemio-semimembranoso. note artrosiche femoro rotulee con aree geodetiche subcondrali dei capi articolari."

Ho praticato per molti anni, a livello agonistico, pallavolo ma mi hanno consigliato di smettere per la mia malattia (fino a 14 anni). sono rimasta ferma fino all'anno scorso quando ho fatto un anno di sala pesi-sala fitness.
ora, a causa del blocco, non ho più fatto attività fisica.

grazie.

[#1]  
Dr. Enzo Massimo Caruso

20% attività
0% attualità
8% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2011
Gentile Signora

Il dolore al ginocchio che ha avuto è più probabilmente riconducibile ad una patologia del menisco. Di solito il menisco, quando si lacera, può causare un blocco articolare ed un dolore all'interno del ginocchio, se si tratta del menisco mediale e all'esterno, se si tratta del menisco laterale.
Ora, in base al referto della sua RMN sembrerebbe che il menisco mediale sia leso.
Consiglierei una valutazione ortopedica per capire se il dolore ha origine meniscale, soprattuttto per capire poi se vi è indicazione ad eseguire un piccolo intervento (artroscopia) per mettere a posto il menisco mediale.

Cordiali Saluti

Enzo Caruso


Dr. ENZO MASSIMO CARUSO

[#2] dopo  
Utente 576XXX

La ringrazio della risposta,
io ho pensato fosse riconducibile al mio problema esostosico perchè toccando la parte posteriore (appena sopra l'incavo della gamba) si sente la presenza dell'esostosi.

é possibile che questo dolore causato dal menisco, si sia presentato e poi sia scomparso del tutto? il blocco è avvenuto due volte, una volta in modo più pesante (quando mi sono recata al pronto soccorso), il dolore simil "nervi contratti" è perdurato per circa 3 mesi e poi è sparito completamente (ora non ho nessun dolore, a parte qualche leggero fastidio sempre simil "nervi contratti" nel momento in cui mi trovo a dover camminare velocemente).
Il dottore del pronto soccorso mi ha prescritto il TAUXIB che ho preso nell'arco di questi 3 mesi, fino a che il dolore non è passato.

un'ultima cosa, secondo lei prima della visita di controllo di dicembre, mi conviene fare la TAC, come consigliatomi nel referto? non vorrei recarmi alla visita e dover poi prenotarne un'altra per fare anche la tac.

grazie mille.

[#3]  
Dr. Enzo Massimo Caruso

20% attività
0% attualità
8% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2011
Il dolore meniscale può regredire, quindi può essere che sia stato causato da un problema meniscale.
Se nel referto è consigliato di eseguire la TAC, generalmente lo specialista la prescrive, quindi potrebbe essere utile andare alla visita con la TAC gia fatta, ammesso che il suo medico curante condivida e gliela prescriva.
Dr. ENZO MASSIMO CARUSO

[#4] dopo  
Utente 576XXX

salve,
la ricontatto perchè il medico (sostituto del mio medico di famiglia) mi ha prescritto la tac; l'ho fatta martedì e le comunico il referto:
"Lo studio è stato effettauto con tecnica volumetrica nel piano assiale con algoritmi adeguati allo studio delle componenti scheletriche e completato con ricostruzioni elettroniche sagittali/coronali. In esiti di pregressi interventi si rilevano limitate alterazioni esostosiche al terzo distale diafisario femorale. Formazioni esostosiche di maggiori dimensioni sono apprezzabili in regione diafiso metafisaria tibio peroneale di cui quella di maggiori dimensioni lungo il margine posteriore della tibia di circa 57 mm."

Il dolore di cui le ho parlato può essere ricondotto a qualcosa riferibile a questo referto? perchè non si parla del menisco?

grazie

[#5]  
Dr. Enzo Massimo Caruso

20% attività
0% attualità
8% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2011
La TAC è un esame che serve per visualizzare in dettaglio l'osso, mentre la RMN è più indicata per la visione delle parti molli. La TAC è stata richiesta per l'approfondimento del problema delle esostosi e non da quindi informazioni più approfondite della RMN per quello che riguarda i menischi.
Il dolore che lei sente può essere dovuto sia ad un esostosi che esercita una compressione, che alla lesione meniscale rilevata alla RMN
L'esame clinico può indirizzare in una o nell'altra direzione.
Sarà quindi la visita ortopedica a chiarire il dubbio.
Cordiali Saluti
Dr. ENZO MASSIMO CARUSO

[#6] dopo  
Utente 576XXX

la ringrazio molto della disponibilità.

buona giornata