Utente
Buongiorno...ieri ho eseguito una visita otorinlaringoiatrica, e mi hanno diagnosticato: deviamento del setto nasale e rinite cronica ipertrofica vasomotoria. Il medico mi ha rasserenato dicendomi che non era grave, tuttavia mi ha specificato poco sull'entità della patologia etc. Mi ha prescritto uno spray (Amavym mi sembra) per 1 mese, poi una pausa di 10 giorni, dopodiché un altro mese e visita di controllo (un puff al giorno, al mattino). La sintomatologia è la seguente: spesso bruciore al naso, al suo interno, una narice particolarmente tappata con conseguente otturazione e pressione dell'orecchio collegato, sensazione di pressione al volto sinistro (la parte di cui narice e orecchio sono prevalentemente tappate) allo zigomo, zona mascellare e orecchio e ogni tanto avverto come se avessi un aumento di pressione sopra il naso nella zona tra i due occhi ), ogni tanto cefalea.
Volevo un vostro parere a riguardo.
Inoltre avrei da porvi un quesito....rifacendomi un'autoanamnesi, potrei dire di aver cominciato a soffrire di questa rinite da circa 1 mese e mezzo (nonostante magari ne soffrissi già da prima ma senza accorgermene), e dopodiché ho accusato alcuni bruciori esofagei (bruciori al petto, ma che non sono causati dall'apparato respiratorio); è possibile che lo sviluppo della rinite abbia avuto ripercussioni sullo stomaco? Non so, magari la produzione di muco ha subìto delle modifiche e inghiottendole abbia infiammato la parete esofagea?

Vi prego di darmi alcune rasserenazioni, visto che spesso le visite ambulatoriali non sono ricche di rassicurazioni e di discussioni proficue. Vi ringrazio, saluti.

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Probabilmente, a detrminarle la sintomatologia riscontrata con la visita otorinolaringoiatrica, è proprio un reflusso esofageo. Tale processo infiammatorio puo' interessare sia la faringe che la mucosa nasale con la relativa sintomatologia vasomotoria. Per questo, sarebbe utile, nel suo caso, una visita daparte di un gastroenterologo unitamente ad una esofagogastroduodenoscopia. Cordiali saluti
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
Salve. Ah...quindi mi starebbe dicendo che le cause sono inverse, ovvero che è forse un reflusso esofageo a causarmi una rinite e non il contrario? Io pensavo che una infiammazione della mucosa e della faringe portasse all'inghiottimento di batteri o altro, e che provochi reflusso...invece è il contrario?

La gastroscopia è prevista per domani mattina.

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Un processo infiammatorio del distretto gastroesofageo puo' interessare, provocandone una patologia, la laringe, la faringe ed il naso. Comunque, non resta che attendere l'esito dell'esame.
Dr. Raffaello Brunori

[#4] dopo  
Utente
Cari Dottori......mi ricopio tale l'esito della gastroscopia (e volevo domandarvi un parere...nel senso se è una forma lieve, media, forte...o comunque sfacettature diagnostiche a cui non posso accedere); il medico curante, a riguardo, mi ha semplicemente consigliato di continuare a prendere il Lansox per 6 mesi e poi di vedere come sto. Nel caso sia necessario, ricopierò sotto forma di altro consulto nella sezione specialistica apposita di Gastroenterologia, grazie.


-- Esofago ben canalizzato, mucosa di aspetto normale. Stria Z a 43 cm dall'AD. Cardias Beante a 44. mucosa gastrica di aspetto normale, peristalsi valida. Normale la mucosa bulbare e della seconda porzione duodenale.--

La questione che meglio volevo sollevare è 'otorinolaringoiatrica'; in seguito a visita e diagnosi di "setto nasale deviato e rinite cronica ipertrofica vasomotoria" mi è stato prescritto: Avamys spray (fluticasone furoato) 1 volta al giorno per 2 mesi, di mattina; in pratica, l'ho provato 1 volta, e dopo 4-5 ore ho ottenuto un buon sollievo al naso (respiravo bene in entrambe le narici) e non mi sono sentito l'orecchio corrispondente tappato; tuttavia ho accusato un forte mal di testa e soprattutto una 'pressione' fastidiosa in mezzo agli occhi. Insomma, mi ha un po' spaventato poiché il mal di testa era abbastanza forte e avevo una leggera febbre (37.2 ascellare)

Le mie domande sono:

1) quel medicnale è controindicato ai fabici?
2) è possibile che lo spray agisca anche su infiammazioni dei seni paranasali, insomma...che sia normale che per le prime volte mi senta il mal di testa e in quella zona? o che possa essere allergico?

Vi ringrazio per le risposte e suggerimenti, Saluti.

[#5]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Per quanto riguarda l'esito dela gastroscopia, questo è favorevole, ovvero non risulta alcun processo infiammatorio cronico od acuto in atto. Per il problema nasale, invece, le consiglio di sottoporsi ad una tac dei seni paranasali senza mezzo di contrasto e ad una rinomanometria con test di decongestione dei turbinati per una valutazione della sua effettiva respirazione nasale. I farmaci prescritti non sono controindicati per la patologia descritta. Una volta in possesso dei risultati degli esami, vedremo cio' che sarà piu' utile per risolvere la sintomatologia sofferta. Cordialmente
Dr. Raffaello Brunori

[#6] dopo  
Utente
Grazie mille per la risposta. Al momento non posso eseguire quel tipo di esame, non posso permettermeli a pagamento.....sicuramente dovrò prenotarla sotto convenzione e i tempi non saranno tanto brevi (secondo me riuscirò prima a fare la seconda visita otorinlaringoiatrica piuttosto che questi esami). Tuttavia, volevo capire se quel tipo di reazione possa essere considerato come una normale risposta fisiologica all'assunzione dello spray. Mi spiego....magari l'effetto dello spray si è sparso per i seni paranasali (tra cui quelli in mezzo agli occhi) e mi ha provocato un po' di dolore?
In seguito alla prima somministrazione dello spray ho smesso (l'ho fatta domenica)...e sono rimasto preoccupato da questo mal di testa, casomai domenica proverò a riniziare la cura e vedere cosa succede. Mi sono un po' spaventato. E anche ora ho timore di riprendere e che ricompaia quel mal di testa forte.

Grazie per i consigli, Saluti.

[#7]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
E' possibile che un componente dello spray nasale le possa provocare il dolore lamentato. Provi nuovamente e, in caso di recidiva, le consiglio di sostituire il farmaco con un altro. Visto che non ci sono motivi d'urgenza, inizi a prenotare gli esami indicati. Buona giornata
Dr. Raffaello Brunori

[#8] dopo  
Utente
La ringrazio per la risposta Dottore; domenica proverò e nel caso le farò sapere....Volevo aggiungere anche un'altra cosa; questa 'reazione' può essere anche accentuata dal fatto di aver smesso di fumare? preciso, ho fumato per 12 anni e negli ultimi 5 anni ho fumato parecchio (anche per stress), e ho smesso il 14 dicembre 2009 (insomma, 1 mese e mezzo fa)...non le nascondo che dal giorno sono fuoriuscite a galla problemini che forse la sigaretta 'ammortizzava' (il cardias beante, dolore ai denti, un po' di ansia...e la rinite); è possibile, come dire, che i seni paranasali (alcuni in forma maggiore) stiano 'spurgando' in seguito al mio aver smesso di fumare? ricordo che quando fumavo mi gocciolava spesso il naso (come acqua) nonostante non avessi influenza o altro etc.

In attesa, la ringrazio per i suoi consigli. Saluti

[#9]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Quando si smette di fumare, si sà, il catarro aumenta ed il tutto dura diversi mesi! Il gocciolamento del naso, invece, lo vedo piu' legato ad un processo infiammatorio del distretto gastro-esofageo. Lo stato, d'ansia, invece puo' essere legato all'astinenza da nicotina. Ha fatto bene a smettere di fumare, anche se non è e non è semplice, ma si deve essere forti e pensare alla salute, bene prezioso. Cordialmente
Dr. Raffaello Brunori

[#10] dopo  
Utente
Gentile dottore...diciamo che attualmente (e da quando ho smesso di fumare) il naso non mi gocciola più, ma ultimamente ho accusato maggiore presenza di muco in una narice (però non mi cola! è abbastanza densa e trasparente, non cola, ma rimane nelle cavità nasali....fuoriesce soltanto quando mi soffio il naso; oppure la percepisco dalla faringe se inspiro...raramente è giallognola). Non nascondo che lo smettere di fumare sia stato veramente brusco...insomma, mi domandavo che nella mia parte sinistra della faccia (ovvero dove percepisco spesso narice e orecchio tappato) si sia addensato catarro o muco nei seni (e soprattutto quelli frontali), residui o altro....e che serva un po' di tempo per smaltirli, appunto mesi come dice lei.

La ringrazio per le risposte, Saluti.

[#11]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Consulti il suo Medico di famiglia circa l'utilità, nel suo caso, di una terapia mucolitica e decongestionante delle mucose nasali.
Dr. Raffaello Brunori