Un soggetto allergico, mi è stato consigliato l'intervento chirurgico

Dopo una visita specialistica mi è stata riscontata “una deviazione stenosante del setto nasale a destra . Ipertrofia compensatoria del turbinato inferiore di sinistra”. Essendo anche un soggetto allergico, mi è stato consigliato l’intervento chirurgico (settoplastica con rimozione turbinati inferiori). Ho 28 anni, e questo problema comincia a darmi dei grossi fastidi specialmente quando faccio sport. E’ consigliabile l’intervento? Quali sono i rischi a cui posso incorrere? Abito in Provincia di Livorno, e lo specialista che mi ha visitato, opera alla Casa di Cura S. Camillo di Forte dei Marmi. E’ il caso di consultare un altro specialista? Vi ringrazio anticipatamente M.
[#1]
Dr. Alessandro Valieri Otorinolaringoiatra, Medico estetico, Chirurgo plastico 1,1k 9 27
Caro paziente,
prima di sottoporsi ad intervento di settoplastica (anestesia generale), valuterei l'opportunità della decongestione ambulatoriale dei turbinati nasali con tecnologia a radiofrequenze. Per informazioni: www.medicinapontenuovo.it

Dr. ALESSANDRO VALIERI
*Centro Laser Chirurgia Emilia e Romagna*
www.alessandrovalieri.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Mi è stata fatto anche un esame di cui non mi ricordo il nome ma che serviva a valutare la quantità di aria che riesco a inspirare con il naso, da una narica ne passa pochissima, da quella della deviazione del setto per niente, per questo mi hanno consigliato l'intervento io riesco solamente a respirare quasi esclusivamente con la bocca. Grazie ancora per la vostra gentilezza.
[#3]
Dr. Alessandro Valieri Otorinolaringoiatra, Medico estetico, Chirurgo plastico 1,1k 9 27
Caro paziente,
se questo è l'esito della rinomanometria, ahimè l'intervento risolutivo è la settoplastica.
[#4]
dopo
Utente
Utente
Ringrazio infinitamente per la sua disponibilità e gentilezza, vorrei porle un'ultima domanda: l'intervento è risolutivo per il mio problema? Leggendo alcune vostre risposte, spesso mi è capitato di capire che ci possono essere delle recidive per i turbinati in modo particolare per chi come me soffre di episodi di allergia, è vero? Un'altra domanda, posso stare tranquillo per l'intervento? Non mi vergogno a dire che ho un pò di paura, specialmente per tutto quello che si sente dire ultimamente, e perchè a parte le tonsille che ho fatto da piccolo, questo sarebbe il mio 1° intervento. Grazie
[#5]
Dr. Ivano Bruno Bertetto Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 495 18
Gentile paziente,
a giudicare dagli esami che ha effettuato, in particolare dalla rinomanometria, l'intervento chirurgico è l'unica terapia che si possa consigliare.
Sebbene la mucosa nasale possa "crescere" e diventare ipertrofica specialmente nei soggetti allergici, spesso la decongestione dei turbinati offre un vantaggio duraturo e la correzione funzionale del setto nasale ha un esito permanente.
I rischi, bassi ma possibili, dell'intervento chirurgico e della anestesia generale, nonchè le modalità dell'intervento le potranno essere dettagliatamente spiegate dal chirurgo stesso e dal medico anestesista, nel caso in cui lei prenda in considerazione tale opzione terapeutica.
Cordiali saluti

Dr. Ivano BRUNO BERTETTO

[#6]
Attivo dal 2005 al 2015
Otorinolaringoiatra
L'intervento di settoplastica è ormai rutinario e di scarso impatto per il paziente, sia da un punto di vista del dolore, sia dal punto di vista del periodo di convalescenza (ridotto al minimo).

Si operi tranquillamente.
[#7]
dopo
Utente
Utente
Vi ringrazio tutti infinitamente, affronterò l'intervento con più tranquillità.

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test