Utente
Salve sono un ragazzo di 22 anni da più di cinque anni soffro di mal di gola ricorrente. In pratica la gola mi si infiamma facilmente tutti i giorni solamente parlando. Per esempio basta che parlo per più di 5 min già la gola inizio a sentirla sforzata e se continuo o nei giorni successivi la maltratto prendendo freddo, mi viene subito un mal di gola che mi dura una settimana. Sottolineo che il mal di gola mi scaturisce ogni qualvolta sforzo(a mio modo) la voce. Ma come ho già detto bastano anche 5-10 min di parlare che già la sento molto sforzata. 4 anni fa esatti ho effettuato una visita da un medico otorinolaringoiatra. Ha controllato le corde vocali e non ha trovato tutto normale. Secondo lui il problema scaturiva dal fatto che io respirassi prevalentemente dal naso, in quanto avevo una narice completamente otturata da una deformazione del setto. Ho fatto un'operazione per correggere questo difetto ed è andata bene. Ora dopo 4 anni dall'intervento non noto miglioramente di alcun genere, anche dovuto al fatto che già dopo una settimana dall'intervento il naso mi si è chiuso di nuovo, dovuto probabilmente al fatto che soffro di allergia sin da bambino. Ora vorrei cercare di risolvere questo problema, in quanto mi provoca serie limitazioni nel parlare. Il naso ce l'ho sempre molto tappato ma non è pieno di muco in quanto anche soffiandolo non risolvo il problema. A me sembra causato da una qualche infiammazione dei canali nasali che li fa restringere. Vorrei qualche parere da parte vostra. Aggiungo anche che da piccolo nel momento in cui mi è cambiata la voce, proprio il cambiamento di voce stessa mi è venuto come un forte mal di gola durato circa un mese, al termine del quale mi sono ritrovato con la voce cambiata, poi ci sono voluti un po di mesi affinchè la gola ritornasse sana al 100%. Non so se questo è normale oppure se è correlato al fatto del mal di gola che provo ora, vorrei dei chiarimenti, grazie anticipatamente.

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Purtroppo, a distanza, senza un esame clinico, non sono in grado di dirti la causa determinante la sintomatologia sofferta. Per quanto riguarda la respirazione nasale, potrebbe esserci una ipertrofia dei turbinati a dare la sindrome da ostruzione nasale o, una nuova deviazione del setto, considerando che la cartilagine ha una memoria e, pertanto, potrebbe, nel corso degli anni, aver ripreso la deviazione. Per il mal di gola, potrebbe trattarsi di una esofagite da reflusso o di una forma batterica. Per questo, è necessario un tampone faringeo per la ricerca di germi patogeni, oltre una visita specialistica otorinolaringoiatrica con rinolaringoscopia a fibre ottiche. Mi farà piacere ricevere notizie in merito. un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
Il naso mi si è tappato già dopo 2 settimane dall'intervento, quindi non penso che sia una deviazione del setto. Per la visita, il medico otorinolaringoiatra che mi ha operato l'ha fatta prima dell'intervento e con la fibra ottica non ha trovato nulla di strano nelle corde vocali. Quindi penso che le corde non siano danneggiate, in quanto già prima dell'intervento avevo gli stessi sintomi identici di ora e come ho già scritto il medico non aveva trovato nulla di strano. Può essere magari che avendo sempre il naso parzialmente otturato adotto una tecnica sbagliata nel parlare che sforza le corde vocali? Ora il medico di base per trovare una soluzione al naso otturato mi ha prescritto L'AVAMYS spray. E' da una settimana che lo spruzzo ma non noto nessun risultato.

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Per capire la natura del disturbo, occorre che ti sottoponga ad una visita specialistica.
Dr. Raffaello Brunori

[#4] dopo  
Utente
Ok grazie, Ma se per esempio la causa fosse un'ipertrofia dei turbinati, cosa si potrebbe fare? esistono cure definitive?

[#5]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Si puo' intervenire con le radiofrequenze, per esempio. Comunque, sarà lo Specialista cui ti rivolgerai ad indicarti la terapia piu' utile nel tuo caso.
Dr. Raffaello Brunori