Utente
Buongiorno Dottori,

vi scrivo perchè da alcuni mesi ho alcuni problemi con la voce.

Nel Maggio 2012 cantavo nel coro del conservatorio dove studio e, a ridosso del concerto, sforzando molto la voce per le prove, iniziavo ad avere un fastidio in gola quando cantavo simile ad una sensazione di soffocamento (lieve), come se avessi qualcosa in gola e dovessi vomitare.

Dopo il concerto smisi di cantare, ma poi la situazione ripeggiorò quando dovetti riusare spesso la voce per delle prove teatrali, tra l'altro durante un periodo in cui avevo le placche alla gola.
Iniziai a sentire non solo la sensazione di soffocamento di cui soffrivo a Maggio, ma anche una disfonia e dei cali di voce.
Così mi feci vedere da un foniatra che mi visitò con lo specchietto e mi disse che avevo delle corde lievemente ipotese, e che il problema si sarebbe risolto da solo dandomi degli esercizi per la respirazione diaframmatica abbastanza basilari (che già conoscevo e facevo, tra l'altro).

Purtroppo il problema non si risolse, anzi, peggiorò, così andai da un altro foniatra che mi visitò facendo una laringoscopia.
Disse che le corde vocali erano a posto (a parte un sulcus glottidis che però avevo sin dalla nascita, quindi non era compatibile col fatto che il problema sia sorto in un momento ben preciso), però aveva visto molto muco, quindi mi aveva detto di prendere Fluifort e Danzen per 1 settimana, interrompere per 6 giorni, quindi riprendere entrambi i farmaci per un'altra settimana.

La mia situazione attuale è senza dubbio migliore di quella che avevo a Dicembre, dopo la visita col primo foniatra, ma certamente non ancora risolta e peggiore rispetto a Maggio 2012, agli stadi iniziali del problema.

Ora per parlare non ho grossi problemi (anche se in sale con un buon rumore di sottofondo dopo una decina di minuti inizio ad avere difficoltà), però vorrei risolvere questo problema il prima possibile dato che avevo intenzione di studiare seriamente canto lirico, ma così mi è impossibile.

Come posso procedere? A chi mi devo rivolgere?

Sarebbe utile per inquadrare meglio il problema mettere le immagini che ho della laringoscopia?

Avrebbe senso ripetere la laringoscopia magari dopo aver cantato una mezz'oretta?

Studio tromba, e l'insegnante mi dice spesso che irrigidisco troppo la gola quando suono, ed effettivamente la sensazione che avverto è simile a quella che ho quando canto... può essere che i problemi siano collegati?
Ricordo anche che il mio vecchio insegnante di coro diceva che "parlavo molto male", può essere che si tratti semplicemente di un uso scorretto della voce? Non se ne dovrebbero vedere gli effetti sulle corde?

Grazie mille per l'attenzione, spero che qualcuno possa puntarmi nella giusta direzione.

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Gli Specialisti piu' idonei nel tuo caso sono il Foniatra o l'Otorinolaringoiatra. Dovendomi basare unicamente su quanto riportato, disfonia, sensazione di soffocamento, catarro, etc., penso che una ipotesi possibile sia una esofagite da reflusso. Cio' si puo' appurare, certo, con una rinolaringoscopia a fibre ottiche e, pertanto, il Collega che ha avuto modo di visitarti avrebbe potuto evidenziarlo. Che dirti, ripetiamo un'altra fibroscopia. Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
Buongiorno, grazie per la risposta.

Il reflusso effettivamente è una cosa di cui aveva parlato l'otorino ma che poi aveva deciso di non indagare ulteriormente.

Quindi è possibile che sia reflusso nonostante sino ad ora non abbia notato una correlazione fra il mangiare ed i miei problemi, mentre ci sia sempre stato un rapporto causa\effetto con il cantare\parlare a lungo?

Inoltre, al momento sono stato già da 2 foniatri ed 1 otorino, c'è qualcuno che mi saprebbe consigliare nella mia zona?

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Io, invece, seguirei la pista dell'esofagite, non avendo altri elementi giustificativi altre ipotesi di diagnosi. A questo punto, vogliamo fare una esofagogastroduodenoscopia?
Dr. Raffaello Brunori

[#4] dopo  
Utente
Ok, allora farò così e porterò quest'ipotesi al medico di base sperando che non ci siano tempi d'attesa troppo lunghi per l'esame.

Visti i suoi suggerimenti, credo sia opportuno dirle anche che nel periodo in cui è cominciato il problema ero costantemente sotto anti-infiammatori a causa di una tendinite, ed avevo spesso mal di stomaco.
A questo punto mi pare che le 2 cose possano essere correlate, stupidamente non ho mai pensato di riferire questa cosa ai medici che mi avevano visitato.

Spero di poter presto scrivere buone novità, grazie di nuovo.

[#5]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Certo, l'uso di antinfiammatori influisce sulla mucosa gastrica, infiammandola. Spero di ricevere tue notizie favorevoli in merito. Buona serata
Dr. Raffaello Brunori

[#6] dopo  
Utente
Salve,

torno ad approfittare della sua disponibilità.

Sono tornato dal foniatra, chiedendogli esplicitamente se si potesse trattare di reflusso e specificando che il problema era cominciato proprio in concomitanza con il lungo periodo sotto anti infiammatori.

Non ha voluto effettuare altri esami, e riguardando il risultato della precedente laringoscopia, ha escluso che questo potesse essere il problema (ma quindi la laringoscopia è un esame in grado di dare la certezza della presenza o meno del reflusso? Mi pareva di aver capito che non fosse così)

Mi ha quindi detto di prendere un integratore, Vocalen, per almeno 20 giorni, e di tornare eventualmente fra un paio di mesi per iniziare un percorso di logopedia.

Cosa ne pensa?

Questo è il foglio con i risultati della laringoscopia: http://imageshack.us/f/94/larupload.jpg/

Come sempre, grazie :)

[#7]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Con la laringoscopia a fibre ottiche già si puo' evidenziare un reflusso. Per una convalida, se ritenuto necessario, si puo' sempre fare una esofagogastroduodenoscopia.
Dr. Raffaello Brunori

[#8] dopo  
Utente
Salve dottore, un'ultima cosa... quando scrive "con la laringoscopia a fibre ottiche già si puo' evidenziare un reflusso" intende in senso generale o si riferisce alla laringoscopia che avevo pubblicato al link soprastante e quindi al mio caso?

[#9]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Si tratta dello stesso esame: attraverso questo già si è in grado di fare una diagnosi di reflusso. Buona serata
Dr. Raffaello Brunori

[#10] dopo  
Utente
Mi scusi ancora, ma i malintesi via web sono frequenti, e non sono ancora sicuro di aver capito bene :)

In pratica, per farla breve, mi conferma che dalle immagini della mia laringoscopia a fibre ottiche che ho postato il 12 Febbrario (e che adesso vedo che sono state rimosse, forse lo staff le ha scambiate per qualcos'altro), mi si può fare una diagnosi di reflusso?

Buona serata anche a lei.

[#11]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Hai compreso benissimo
Dr. Raffaello Brunori

[#12] dopo  
Utente
E allora un enorme ringraziamento per lei!

Se non ci fosse stato questo sito probabilmente non sarebbe mai venuto fuori il vero problema.

[#13]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Grazie a te. Buona domenica
Dr. Raffaello Brunori