Utente
Salve dottori, premetto che sono già in cura presso un otorino ma vorrei avere un altra opinione riguardo il mio problema.
Molto tempo fa, all'incirca 7 mesi ho iniziato a non percepire più gli odori di nessun tipo, salvo rarissimi casi (due o tre) in cui li sentivo per breve tempo. Non ricordo se ci è stato un forte raffreddore o un'influenza a scatenare il problema, ma suppongo di si visto che mi ammalo facilmente. Proprio questo avere quasi perennemente il raffreddore e l'assenza di olfatto mi hanno spinto ad andare prima dal mio medico di base che mi ha prescritto nasonex e antistaminico e le analisi del sangue per verificare una sospetta allergia e una visita dall'otorino in quanto ho il setto nasale deviato. Fatte le analisi le ho portate dall'otorino il quale anche visitandomi mi ha confermato la probabile presenza di un'allergia ed altre cose come i turbinati ipertrofici. Mi ha detto di fare una tc del massiccio facciale (che ancora non ho potuto fare) e per il problema dell'olfatto mi ha prescritto Deltacortene 25mg per 9 giorni iniziando da due capsule al giorno andando a scalare, il Nasonex per altri 20 giorni e il Benexol. Devo dire che subito, dopo un paio di giorni che ho preso il cortisone l'olfatto è gradualmente tornato e sentivo tutto e bene, nessun'odore distorto o altro. Il problema è che una volta smesso, dopo nemmeno due giorni mi sono trovata come prima, niente olfatto. Telefonando all'otorino mi ha detto di riprendere per 3 giorni mezza capsula in attesa della tac. ho cominciato ieri, e seppur avendo notato un ritorno parziale, mi trovo in una situazione fastidiosa perchè è molto saltuario e sento veramente poco per poco tempo. Ora mi chiedo, è perchè il cortisone che prendo è poco rispetto a quello che ho preso la prima volta? Ed è necessario che continui a usare il Nasonex sebbene anche avendolo usato per parecchi giorni prima del cortisone non mi ha causato nessun miglioramento? Vorrei sapere se è una situazione migliorabile in maniera definitiva o se dovrò continuamente prendere cortisone per risolvere momentaneamente il problema, che tra l'altro è veramente fastidioso. Grazie per l'attenzione!

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Condivido la prescrizione dello Specialista relativamente alla tac dei seni paranasali senza mezzo di contrasto ed alla cura farmacologica. Consiglio di continuare con lo spray nasale per ulteriori venti giorni. Purtroppo, in medicina, non si puo' mai garantire la guarigione al 100%. Auguriamoci che il tutto vada a buon fine. Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio per la sua rapida risposta. Volevo chiederle in aggiunta una cose: ho ricontattato l'otorino che, senza molte spiegazioni, mi ha detto di non fare più nulla, ne cortisone ne spray nasale e di aspettare la tac. Io però ho di nuovo attacchi di starnuti, raffreddore e soprattutto anosmia. Potrei prendere, secondo lei, il cortisone per qualche altro giorno? (in tutta sincerità, soprattutto in vista del Natale...vorrei mangiare una fetta di panettone sentendo che è panettone, non segatura). Se ne prendessi 1 pasticca al giorno per un paio di giorni, mezza e poi un quarto, andrebbe bene?
O non so, un'alternativa, perchè tra l'altro mi sveglio in condizioni pietose, starnuti ecc, e quando mi metto a letto non respiro bene .
Grazie!

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Puo' tranquillamente continuare la cura cortisonica come da lei prospettata, usare lo spray nasale ed aggiungere poi un antistaminico.
Le auguro un sereno Natale
Dr. Raffaello Brunori

[#4] dopo  
Utente
La ringrazio tanto Dottore, Buon Natale anche a lei.

[#5] dopo  
Utente
Salve dottore, abuso di nuovo della sua gentilezza per avere un chiarimento riguardo una cosa. Ho fatto come le ho detto nel messaggio precedente, ovvero durante questi giorni ho preso il cortisone per qualche giorno, però mentre finivo di prendere il cortisone ho iniziato ad accusare alcuni sintomi quali bruciore alla gola, muco, mal di testa ecc che poi sono esplosi in un raffreddore abbastanza forte che ho tutt'ora.
Con i sintomi iniziali sentivo ancora gli odori, ma poi gradualmente sono tornata all'anosmia iniziale. Quando ho preso il cortisone le altre volte, una volta smesso, per un paio di giorni continuavo a sentirli gli odori, ora ovviamente a causa di questo raffreddore, niente. Quello che però non capisco è perché quando prendo medicine come l'actigrip o metto la rinazina(raramente però) e respiro, comunque non sento nessun odore. Sono in attesa di fare la tc e ho la costante preoccupazione che prima o poi questa anosmia diventerà definitiva. Secondo lei è possibile?
Tra l'altro mi chiedevo se c'è la possibilità che soffra di poliposi nasale in base ai sintomi (anche se so che occorre vedere la tac).
Grazie e cordiali saluti.

[#6]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Speriamo che l'iposmia sia reversibile e che, quindi, possa riprendere quanto prima l'olfatto. Certo, la poliposi nasosinusale, la rinosinusite possono essere delle cause valide per tale patologia. L'unica cura, ripeto , è quella cortisonica, da eseguire per un periodo abbastanza lungo. Tutti gli altri farmaci non hanno effetti su tale patologia.
Le auguro un sereno Anno Nuovo!
Dr. Raffaello Brunori

[#7] dopo  
Utente
Salve dottore, le scrivo di nuovo perché finalmente ho fatto la TC e volevo sapere quali conclusioni si potrebbero trarre in attesa di farla vedere anche al mio otorino. Quello che c'è scritto è:
Il setto nasale risulta leggermente laterodeviato verso destra.
Minima ipertrofia dei turbinati nasali inferiori e medio a sinistra.
E' evidente una iperplasia mucosa a livello di entrambe le fosse nasali, con diffuso ispessimento mucoso a livello delle celle etmoidali, le pareti delle cui celle risultano diffusamente assottigliate. Bilateralmente si osserva anche un ispessimento mucoso a livello di entrambi i senti mascellari, con aspetto pseudopolipoide.
Lievemente ispessita appare la mucosa anche a livello del seno sfenoidale e del seno frontale. Non sono evidenti alterazioni a carico delle strutture scheletriche esaminate.

Grazie!

[#8]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Dalla tac cui si è sottoposta, risulta un processo infiammatorio a carico di piu' seni paranasali con probabili formazioni di aspetto polipoide all'interno dei seni mascellari. Inoltre, risulta una deviazione del setto nasale ed una ipertrofia dei turbinati. Ovviamente, le immagini della tac devono essere necessariamente lette dallo Specialista, anche per decidere il tipo di cura da approntare, ovvero farmacologica o chirurgica.
Cordialità
Dr. Raffaello Brunori

[#9] dopo  
Utente
Salve dottore
Sono stata dallo specialista il quale ha visto la tac e ha detto che praticamente soffro di sinusite cronica che ha causato un notevole ispessimento delle mucose e mi sembra di aver capito che praticamente sono polipi e che la situazione non è delle migliori perché dalla tac si vede che il naso è completamente pieno di questi rigonfiamenti. Ora, mi ha detto che con ogni probabilità c'è necessità di operare anche per rimettere il setto dritto, ma nel frattempo mi ha dato una terapia da provare che consiste in: Aerosol con Clenil, fluimucil e soluzione salina 2 vollte al giorno per 8 giorni, antibiotico per 5 giorni, narixol per 15 giorni e narivent pomata 2 volte al giorno per 7 giorni. Volevo chiederle se ritiene la terapia adatta e se secondo lei mi può effettivamente portare qualche miglioramento anche per l'anosmia.
A detta del dottore non posso prendere cortisone a vita, ovviamente, però non sarebbe stato meglio tentare di nuovo per un ciclo più lungo? E' che vorrei evitare l'operazione perchè so che c'è un alto rischio di recidiva soprattutto se è stata un allergia a causare tutto ciò (cosa che però ancora devo appurare).
Grazie

[#10]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Personalmente, non credo che la patologia possa risolversi con la cura farmacologica. Se veramente sono presenti queste formazioni di aspetto polipoide, queste devono essere necessariamente asportate ed analizzate, come da prassi. Certo, in attesa della decisione di sottoporsi all'intervento chirurgico, puo' eseguire la terapia, almeno per migliorare i sintomi.
La saluto cordialmente
Dr. Raffaello Brunori