esiti riduzione frattura nasale imperfetta causa di problemi respiratori dopo molti anni

voglio risolvere un problema
ho avuto fatta una riduzione delle ossa nasali nel 1998, ed ero già con rinite da prima della frattura
negli anni ho avuto fatta la decongestione dei turbinati inferiore circa tre volte
per i turbinati i dottori dicono, uno che me lo svuota del tutto (ma mi consiglia il trattamento con cortisone a lento rilascio perchè ha paura che dopo sei mesi dall'intervento irreversibile ci torno perchè credo di non respirare "e pensare che mi ero convinto a farlo"), un altro che mi leva la coda e mi leva lo sperone osseo
già questa differenza di opinioni mi svia parecchio
ma ritengo che respiro male anche a turbinati sgonfi perché sembra che da dopo la riduzione una parete laterale del naso sia più accostata al setto e questo non permette mai di arieggiare la parte superiore, negli anni penso che a causa di questo siano dovute le cose allucinanti che ho subito tra otiti ricorrenti e emicranie lancinanti, acufeni potenti e il dover respirare in modo strano
mi chiedo e vi chiedo chi è il miglior specialista dove andare in italia o al mondo per risolvere tutto, se si può tornare a rompere le ossa per risistemarle
per favore rispondetemi grazie anticipatamente
[#1]
Dr. Raffaello Brunori Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 32,6k 1,1k
Prima di tutto, deve fare una rinomanometria con test di decongestione dei turbinati per una valutazione dell'effettiva respirazione nasale e per capire quanto la sindrome da ostruzione nasale possa dipendere dai turbinati e quanto dalla deviazione. Una volta in possesso della risposta dell'esame, vedremo il da farsi. Il test puo' farlo in Ospedale, presso la Divisione Otorino.
Un cordiale saluto

Dr. Raffaello Brunori

[#2]
dopo
Utente
Utente
la ringrazio dottore del consiglio, la informerò dei risultati
ora mi trovo in difficoltà a descrivere e gestire un ulteriore dato che le do solo per conoscenza per completezza di esposizione.
solo di recente ho conosciuto la parola glaucoma.
dopo qualche settimana dalla riduzione, l'ipertrofia dei turbinati forse per complicanza mi portò ad un intervento di turbinosettoplastica, contemporaneamente all'ipertrofia mi capitò di avere vista offuscata nell'occhio destro che sembrava scoppiare, poi risolto spontaneamente ma lasciandomi "ammaccato" nell'orbita
possono essere cose correlate? (turbinati-occhio-nistagmo)
di fronte a queste cose pluridisciplinari come consiglia di muovermi?
come correlare i dottori tra loro?
a volte sembra che i dottori in genere guardino solo quello che gli compete ignorando il resto, ma per la gente coinvolta d'improvviso in queste cose mediche è un problema trovare il danno per correlarlo allo specialista giusto
[#3]
Dr. Raffaello Brunori Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 32,6k 1,1k
In presenza di glaucoma, assolutamente non deve essere utilizzato il cortisone, pena un serio peggioramento della patologia oculare. Tale patologia, mi raccomando, deve essere riferita ad ogni Medico che consulterà in futuro. Che il Glaucoma possa essere insorto a causa dell'intervento, possiamo escluderlo. Si deve, pertanto, far seguire da un Oculista esperto in tale patologia, mentre per la respirazione, attenderei un po' di tempo, ovvero che il Glaucoma si stabilizzi. Eventuali interventi al naso devono avere il nullaosta dell'Oculista.
[#4]
dopo
Utente
Utente
grazie dottore andrò da un oculista.
in atto mi è stato fissato l'intervento per giorno 7 giugno, il dottore mi ha convertito l'intervento di taglio della coda del turbinato in decongestione della coda in anestesia locale, non so se farà anche lo sperone osseo, attualmente prendo però uno spray che è a base di antistaminico e cortisone
prima di fare tutto andrò comunque dall'oculista e poi dall'otorino per fare la rinomanometria ed avere anche un ulteriore parere.
a proposito di quest'ultima questione volevo sapere se la tac dei seni paranasali che già ho vede anche la situazione ossea
per quanto riguarda l'areazione dai meati e osti nella parte superiore che sento ostruita o se in realtà trattando il turbinato inferiore sparisce anche il problema nella parte superiore
[#5]
Dr. Raffaello Brunori Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 32,6k 1,1k
Escluderei di fare l'intervento in anestesia locale, perché dolorosissimo. Dalla tac non si vede cio' che lei vorrebbe. Mi ascolti: sentiamo prima l'Oculista, facciamo la rinomanometria e poi decideremo in merito.
[#6]
dopo
Utente
Utente
ok grazie, appena fatto ci aggiorniamo
[#7]
dopo
Utente
Utente
oggi ho fatto la visita oculistica
tutto nella norma, in particolare pressione occhi 12 e 12
dopodomani spero di ricevere un'altra consulenza da uno specialista otorinolaringoiatria in un altro ospedale e fare anche la rinomanometria, penso in definitiva di non trovarmi a mio agio con il dottore dell'intervento di giorno 7, forse solo per una questione di impressione o di caratteri differenti comunque grazie per il suo supporto e la continuerò ad aggiornare,
una buona notizia forse sto avendo un calo dell'acufene assumendo magnesio, l'ho sto prendendo per compensare a mio modo di vedere uno squilibrio elettrolitico dovuto alla massicce dosi di calcio in polvere che prendevo da bambino perché mi piaceva il sapore, un ulteriore tentativo dato che dai medici ancora non si può avere soluzione
[#8]
Dr. Raffaello Brunori Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 32,6k 1,1k
Sono d'accordo sulle sue decisioni. Mi farà sempre piacere ricevere sue notizie.
[#9]
dopo
Utente
Utente
Grazie dottore per il suo interessamento. Le riporto quanto detto da una luminare da cui sono andato a Torino. Rinite cronica ipertrofica dx in soggetto sinusopatico. Per il momento si continua con antistaminico e spray e cerotto notturno. Non continuo con otorini ne con la ulteriore tac prescritta perché cmq dalla vecchia penso che le questioni ossee non giustificano tali ostruzione nasale. Le mie indagini adesso si sono spostate più su probabili problemi dell'articolazione temporo mandibolare probabil mente contratta per un cattivo apparecchio dei denti. Per tale motivo probabilmente mi sta servendo il magnasio e portare la mascella in avanti per stirare i muscoli mascellari. Andrò da uno gnatologo ed ortodonzista e magari farò un bite

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test