Utente
Gentilissimi Dottori,

vi scrivo dal Nicaragua dove attualmente sto svolgendo un'attività di volontariato.
Sfortunatamente ieri alle 8am ho subito un forte trauma al naso praticando surf. Non so spiegare la dinamica ma la tavola ha colpito il mio naso che ha iniziato a perdere vistosamente sangue. Non ho sentito nessun dolore.

Come mi sono accorto del sangue e toccando il naso ho subito percepito una protuberanza molto dura al tatto, per me dura come un osso, localizzata sul lato della narice SX, più o meno all'altezza dove gli occhiali poggiano. Direi esattamente dove c'è osso.
Centralmente e sul lato DX invece un piccolo taglio, che non mi preoccupa.

Dunque ho continuato a perdere sangue abbondante per 1h, poi solo dalla narice come mettevo il dito dentro, con le ore il sanguinamento è diminuito fino a smettere.
Ho applicato ghiaccio e mi sono recato all'ospedale più vicino (Rivas in Nicaragua), una dottoressa mi ha visitato velocemente, solo osservato il naso a vista e toccato in un paio di secondi. Qui i miei primi dubbi, non ho idea della preparazione dei medici qui in Nicaragua.
Richiesta RX da cui a distanza di 4h dal trauma non risulta nessuna rottura ossea.

Diagnosi: trauma con ematoma e coagulo di sangue.
Cura: ghiaccio, paracetamolo e gel (diclofenac sodico + Heparina sódica)

Io sono molto preoccupato, perché al tatto sento questa sporgenza molto dura, come uno scalino, evidente anche ad occhio nudo, che non mi pare a distanza di 5gg aver cambiato forma o dimensione.
Non sento dolore intenso, se tocco la zona interessata allora un po' di dolore lo sento, ma nulla di acuto. Lo posso muovere.
Onestamente faccio fatica a credere che non sia coinvolta nessuna rottura, ma può essere che non senta dolore? Forse rottura cartilagine?

Posso allegare foto della radiografia e del mio naso, se lo ritenete opportuno.

Cordiali Saluti

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
In effetti, da cio' che riferisce, penso si sia verificata una frattura. Due sono le cose da fare: rientrare in Italia e farsi vedere da uno Specialista per intervenire probabilmente con un intervento chirurgico, oppure rimanere in queste condizioni ed affrontare il problema una volta rientrato. Puo' scegliere in base ai suoi impegni.

Non serve inviare foto: la diagnosi viene fatta attraverso la visura dell'esame radiologico (meglio tac) e dopo un esame clinico.
Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
Gentile Dr. Brunori,

La ringrazio per la sua risposta.

Se fosse una rottura crede che sia ossea o interessi la cartilagine?

Come è possibile che non senta dolore intenso e che possa muove il naso?

Riguardo alle opzioni che mi ha suggerito, purtroppo starò fuori per un bel po'di mesi nel sud America, quello che posso fare è di andare da una specialista altrove durante il mio viaggio, ma non ora in Nicaragua.

Quello che mi chiedo è se vi siano conseguenze nell'aspettare di effettuare un intervento a distanza di mesi. È opportuno intervenire ora o non vi è nessuna differenza. In molti siti ho letto che si consiglia l'intervento entro una settimana.

Saluti

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
In caso di frattura scomposta delle ossa nasali, è bene intervenire chirurgicamente entro una settimana dall'accaduto. Nel suo caso, sembrerebbe una frattura composta e, quindi, se necessario per fini respiratori, si potrà intervenire anche dopo, con calma. Da un punto di vista estetico e funzionale ormai rimane la situazione attualee, pertanto, puo' sottoporsi ad una visita specialistica una volta rientrato in Italia
Un saluto anche a lei
Dr. Raffaello Brunori