Otite che non passa e conseguenze

Buon pomeriggio dottori, avrei bisogno di un vostro consulto.

Ho 66 anni e assumo 1/2 Triatec da 5mg, Zyloric, Torvast (per una nefropatia) e deltacortene da 5mg (per dolori articolari/ossei da 9 mesi) e Binosto (1 a settimana).

La scorsa settimana mi è stata diagnosticata una forte otite per la quale mi è stato prescritto l'antibiotico Augmentin per sei giorni.

I sintomi erano forte dolore all'orecchio destro, forte mal di gola nella parte destra con difficoltà a deglutire, febbre a 38/38. 5 per un paio di giorni, grandissima debolezza, battiti cardiaci a 125/120 oltreché saturazione bassa (93/92).

La febbre e il dolore nel deglutire sono andati via dopo un paio di giorni da quando ho assunto l'antibiotico e anche la saturazione è rientrata sopra i 96/97.
Ho anche assunto Tachipirina da 500 per la febbre e il dolore all'orecchio (non potendo assumere Fans per la patologia renale).

Tuttavia a distanza di una settimana (con cura antibiotica finita da 4 giorni) è rimasto del dolore all'orecchio e alla parte destra della gola (anche se non come all'inizio) e i battiti sono stabili a 105/110.
Inoltre da un paio di giorni accuso eruttazioni e un po di nausea.
La debolezza è anche rimasta.

Vorrei anche aggiungere che ho fatto il tampone al covid19 e sono risultata negativa.

Le eruttazioni e la debolezza possono essere riconducibili ai farmaci presi o sono sintomi di qualcos'altro?
È normale che accuso ancora di mal di orecchio e gola?

Posso gentilmente chiedere un vostro parere?
Ho letto parecchie cose che mi hanno spaventata.

Grazie mille
[#1]
Dr. Edoardo Bernkopf Dentista, Gnatologo, Esperto in medicina del sonno 5,6k 190 26
Gentile Paziente, una malposizione mandibolare , indotta da una malocclusione dentaria, può provocare anche una sofferenza dell'Articolazione Temporo Mandibolare (ATM) e, generando un conflitto fra il condilo mandibolare e l'orecchio, può causare o favorire anche la sintomatologia dolorosa da lei descritta.
Anche la letteratura scientifica riporta che quando alcuni sintomi di usuale pertinenza otorinolaringoiatria non sono sostenuti da problemi otologici, o non se ne trova la soluzione è a questo possibile conflitto che bisogna rivolgere qualche attenzione.
Se infila i suoi mignoli nei Condotti Uditivi Esterni (CUE) con i polpastrelli verso l’avanti, e muove la mandibola battendo i denti, si renderà conto dell''intimo rapporto fra Articolazione Temporo Mandibolare (ATM) e orecchio, e di come tale rapporto possa essere potenzialmente traumatico, a seconda che lo stop determinato dall''intercuspidazione dentaria fermi la rotazione all’indietro che il condilo compie quando si chiude la bocca. Questo infatti può avvenire correttamente se il morso è normale, o troppo tardi se il morso è profondo o la mandibola è all’indietro (retrusa). Quando la mandibola è biretrusa il problema tende ad essere bilaterale, quando é (o è anche) laterodeviata, il problema è monolaterale o prevalente da un lato.
La presenza o meno di una vera otite può mancare, o , se c'è, costituire complicanza del problema di fondo.
La branca dell'Odontoiatria che si occupa di questo argomento si chiama Gnatologia.
Per questo, oltre ad approfondire le problematiche di specifica pertinenza otorinolaringoiatrica (le consiglio il Dott Christian Streitberger hearlifeclinic) , riterrei opportuno rivolgersi anche ad un dentista-gnatologo che abbia una vera competenza ed esperienza nei problemi dell’Articolazione Temporo Mandibolare (ATM), e soprattutto, visto il suo caso, nei rapporti fra ATM ed orecchio.
Può trovare altre notizie sull’argomento visitando il mio sito internet, alla pagina Patologie trattate- Patologie dell’Orecchio, e leggendo gli articoli che si aprono con i link qui sotto.
Cordiali saluti ed auguri.

https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/961-otite-ricorrente-colpa-dei-denti.html
https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1315-il-reflusso-gastro-esofageo-notturno-attenti-al-russare-e-all-apnea.html

NB: i suoi problemi di saturazione e di generica dolorabilità mi fanno pensare ad un disturbo respiratorio nel sonno:
https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/2326-dolore-cronico-disturbi-nel-sonno-e-disfunzioni-cranio-mandibolo-vertebrali.html

Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

Il Covid-19 è la malattia infettiva respiratoria che deriva dal SARS-CoV-2, un nuovo coronavirus scoperto nel 2019: sintomi, cura, prevenzione e complicanze.

Leggi tutto

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test