Linfonodi laterocervicali bilaterali

Buonasera ho effettuato per controllo una ecografia della tiroide dove mi sono stati rilevati dei linfonodi laterocervicali.

Vorrei semplicemente capire di cosa si tratta e come mi devo comportare per farli regredire e soprattutto se possono essere causa di preoccupazione e il motivo per cui ci sono.


Riporto la dicitura corretta del referto:
Alcuni linfonodi con caratteristiche morfologiche Ed ecostrutturali regolari al III e IV livello laterocervicale bilaterale Di dimensioni comprese fra 8 e 13 mm.


Gentilmente chiedo un parere su questo responso soprattutto perché non è riportata la parola linfonodi REATTIVI.


Ringrazio tantissimo anticipatamente per la risposta.
[#1]
Dr. Raffaello Brunori Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 32,3k 1,1k
Non la conosco personalmente e, quindi, non ho anche informazioni sulla storia clinica. Da cio' che riporta, sembra una linfoadenopatia reattiva che dovrebbe risolversi con una terapia antinfiammatoria. Utile eseguire un emocromo con formula. Un cordiale saluto

Dr. Raffaello Brunori

[#2]
dopo
Utente
Utente
Ringrazio tantissimo per la risposta.

Aggiungo che mi ero dimenticato di scrivere che sono molti anni che ho costantemente la ferritina alta (595 su 320).
Siccome la ferritina, che io sappia, è anche indice di infiammazione potrebbe essere scaturita da questi linfonodi?

Per quale motivo sarebbe utile un emocromo con formula?

Ringrazio tantissimo anticipatamente
[#3]
Dr. Raffaello Brunori Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 32,3k 1,1k
Dall'emocromo si puo' evincere la sussistenza o meno di qualche patologia che possa determinare la linfoadenopatia. La ferritina alta non è responsabile dei linfonodi.

Dr. Raffaello Brunori

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test