Utente 685XXX
Il 20 giugno scorso ho partorito un bimbo all'età gestazionale di 32 sett e 5 gg, peso alla nascita 2 kili, lunghezza 45 cm, circ. cranica 31 cm.Il bimbo è stato ricoverato in terapia intensiva per due settimane e dimesso senza alcuna patologia.Lo alimento con allattamento misto e da circa 3 gg soffre di coliche addominali con conseguente reflusso (anche a due ore dal pasto). questo avviene solo quando si trova nella culla, nonostante sia rialzato e non completamente disteso. Se invece viene tenuto in braccio (notte e giorno) questi episodi non succedono. Vorrei capire come gestire al meglio la situazione: il bimbo ha effettivamente bisogno di più contatto pelle a pelle in quanto prematuro? oppure il fatto di piangere e innervosirsi quando è in culla arrivando a vomitare/avere reflussi di latte è un capriccio?
Grazie per il parere

[#1]  
Dr. Enrico Polito

24% attività
4% attualità
12% socialità
PAVIA (PV)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2011
Il rigurgito a questa età è fisiologico e andando avanti fino a tre mesi può avere rigurgito di latte "cagliato" anche poco prima della poppata successiva. Se il bimbo cresce normalmente (25-30 grammi al giorno mediamente) va tutto bene. Se proprio preoccupata, controlli eventualmente il peso ogni 15 gg, nudo, alla stessa ora del giorno, durante questo mese.
Cordialità
Dr. Enrico Polito

[#2] dopo  
Utente 685XXX

Grazie per la risposta Dottore.
La crescita del bimbo è regolare solo che ogni giorno che passa noto che fatica sempre di più ad evacuare, arriva addirittura a piangere e diventare paonazzo perchè si sforza tanto ma non produce nè aria nè feci. Una settimana fa andava di corpo ad ogni poppata, adesso invece una o due volte al giorno dopo sforzi sovrumani (ciò avviene di giorno e di notte), provocando irritabilità nel bimbo e anche scarso riposo (sia suo che mio).
Volevo sapere se questi episodi rientrano nella normalità o se mi devo preoccupare.
Grazie ancora.

[#3]  
Dr. Enrico Polito

24% attività
4% attualità
12% socialità
PAVIA (PV)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2011
per poter rispondere al quesito sarebbe opportuno sapere qaunto apporto di latte materno e formulato al giorno assume, come si alimenta Lei, come sono le feci del suo bimbo, etc..
In linea generale e in modo molto empirico potrebbe aumentare la Sua dieta (materna) di fibre e di dare più liquidi al bimbo se li gradisce (acqua) per un breve periodo,sì da poter giudicare se ciò sia sufficiente.
cordialità
Dr. Enrico Polito