Utente 371XXX
Gentile dottore/essa
Ho una questione semplice da esporre. Mio figlio nato a termine di 3310gr ha avuto una crescita portentosa fino al l'introduzione dell'addensante per problemi di reflusso, ovvero a 9 settimane pesava 5800gr

Il piccolo e' in cura con ranidil e gaviscon per i sintomi che rendevano impossibile il sonno e un pasto sereno, seppur la sua tenacia nonostante il dolore , lo portasse a mangiare poco ma spessissimo.
Tenuto conto del fatto che la cura ha dato i suoi frutti, il bimbo ormai è un bimbo sereno. C'è un però. Ebbene fa questa cura da 10 giorni e non è cresciuto di un grammo , lui che ci aveva abituati a questi numeri eccezionali. Visto che il peso in se' non mi crea problemi a meno che non celi qualche altro problema, mi chiedevo se il medigel possa in qualche modo dare fastidio alla crescita. Se si quale addensante utilizzare? Il bimbo è nato il 13 novembre e per il resto gode di ottima salute.
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Agnesina Pozzi

48% attività
4% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Signora cara...volete che diventi un gigante? man mano che si va avanti l'incremento di peso è proporzionale, non esponenziale!
Alla nascita era intorno al 50° percentile, adesso a quasi 3 mesi la mantiene. Di cosa vi preoccupate?
Cercate in rete una griglia auxologica per maschietti da 0 a 2 anni e tracciate voi stessi la sua curva unendo l'età (nascita e mese dopo mese) al valore corrispondente di peso. Ogni piccolo ha la sua curva specifica di crescita e vostro figlio la segue benissimo. State tranquilli!

Cordiali saluti
Dott.ssa Agnesina Pozzi

[#2] dopo  
Utente 371XXX

Gentile dottoressa capisco che la crescita non è esponenziale tuttavia deve almeno essere costante . Non si può passare da 350 grammi a settimana a zero grammi in dieci giorni. Vorrei fare una prova pertanto ed utiliZare un altro addensante tipo riso mai so altro. Cosa mi consiglia di utilizzare e in che dosi? Se la variazione e' avvenuta dopo l introduzione del ranidil , gaviscon e semi di carrube credo sia lecito pensare ad uno di questi elementi come causa. Visto che i farmaci non li posso eliminare per ora valutavo una prova con altro addensante. Ho visto che ci sono molti articoli su questo addensante. La saluto e la ringrazio in attesa di sua cortese risposta

[#3] dopo  
Dr. Agnesina Pozzi

48% attività
4% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Potrebbe esserci un ridotto assorbimento di ferro con la farina di carrube, altro non è segnalato. Tutto può essere! Come darle torto?

Ciascuno di noi è un universo a parte; il piccolo potrebbe anche essere "sensibile"(e lo metto tra virgolette perché non ci sono studi e ricerche in merito) al biossido di Silicio (sempre nel Medigel) ;ma nessuno lo potrà provare, purtroppo.

Procedete con tentativi.
Eventualmente provate con latti in commercio addensati con amido di riso.

Per quanto riguarda invece il reflusso, i nuovi orientamenti la considerano una condizione quasi fisiologica, in relazione alla scarsa maturazione dei plessi nervosi che regolano la motilità dello stomaco e le sue "valvole" di chiusura; le indicazioni alla terapia con antiacidi sono limitate a casi gravi e selezionati dopo opportuna diagnosi. Chissà che usando il latte addensato non si possa poi provare, sempre col supporto del vostro medico, ad evitare invece le terapie!
Ps tenga presente che a volte, in alcune costituzioni, la crescita procede per picchi; ...magari tra 10 giorni farà un'altra impennata.

Cordiali saluti
a lei

Dott.ssa Agnesina Pozzi

[#4] dopo  
Utente 371XXX

Gentile dottoressa
In effetti in prima battuta fu introdotto il solo latte ispessito come unico strumento per contrastare il reflusso. Purtroppo con scarsi risultati perché l acidità che risaliva continuamente l esofago anche a distanza dal pasto rendeva il bambino estremamente sofferente, incapace di dormire, nonostante lo desiderasse e impossibilitato a nutrirsi con serenità. Era prassi vedere boccacce d'acido con smorfie e pianti. Mi creda ho combattuto per farmi dare ascolto, io che sono sempre stata tutto ma non ansiosa (dopo tutto ho già una figlia di sei anni e questo un po' di tranquillità me la da') . Ma è più facile pensare che la madre montasse tutto il castello dei sintomi per farsi dare udienza. Tutto sommato, quindi , nel mio piccolo , ho acquisito credibilità. E non è poco. Per quel che riguarda l addensante, visto che in famiglia tutti hanno disturbi di stomaco ( forse io sono l unica a non averli) , non mi meraviglio più di nulla. Chissà cosa sta disturbando il bimbo. Fatto sta che a fine settimana tornerò a scrivere dei progressi ponderali (spero) e vediamo come va con la nuova prassi
Saluti

[#5] dopo  
Dr. Agnesina Pozzi

48% attività
4% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Posso suggerirle di consultare anche un Omeopata, perché l'Omeopatia in questi casi potrebbe fornire un aiuto funzionale senza dare effetti collaterali o avere controindicazioni. Mi dispiace che abbia dovuto "combattere"...diciamo per farsi ascoltare; sono del parere che i famigliari nelle loro osservazioni vanno ascoltati e tenuti in grande considerazione (ansia ed apprensione a parte), perché l'istinto genitoriale raramente sbaglia.


Aumentate il numero di pasti riducendo la quantità di latte e non sdraiate il bambino prima di 20-30 minuti. Sollevate il materassino dalla parte della testa e preferite eventualmente (se preferisce stare di fianco), il decubito sul fianco sinistro.
La posizione anti reflusso a pancia in giù non è molto gradita dai piccoli ma pare sia una posizione abbastanza efficace.

Spero con tutto il cuore che il suo piccolo possa alimentarsi e crescere senza fastidi. E' sicuro che crescendo e maturando i suoi sistemi di controllo, la situazione migliorerà; se ciò non dovesse accadere e il disagio, insieme ai problemi di crescita (che per ora almeno non ci sono, mantenendo egli la sua curva al 50° percentile) dovessero farsi costanti ed importanti allora si dovranno approfondire le indagini.

Un cordiale saluto
Dott.ssa Agnesina Pozzi

[#6] dopo  
Utente 371XXX

Salve e grazie ancora dell ascolto e di tutte le sue cortesi risposte. Tutto , ma dico tutto, quello che ha menzionato nella sua ultima risposta lo stiamo già facendo da sempre, addirittura lo teniamo su dopo i pasti circa una oretta. Praticamente tra pasti , ruttino etc lui è sempre in collo, ma è così bravo che si addormenta anche da solo guardandomi dalla culla mentre gli parlo e di risposta lui mi sorride, e quando vuole dormire dorme davvero. Ogni giorno dorme di notte minimo 8 ore di fila. Di giorno invece ogni pochino mangia perché di suo e' di grande appetito e difficilmente salta un pasto.
Andrò al controllo con il bambino verso il 20 di questo mese dallo specialista e se ha piacere Le farò sapere come procede .
La saluto con cordialità e ringraziando nuovamente

[#7] dopo  
Dr. Agnesina Pozzi

48% attività
4% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Ma certo che ho piacere! Grazie a lei dell'aggiornamento.

[#8] dopo  
Utente 371XXX

Ah dimenticavo di dire una cosa . Personalmente sono convinta che con lo svezzamento gran parte di questa impalcatura finalmente terminerà. Già quando si diminuisce il latte con le prime pappe sarà una vittoria almeno per me. Ma penso che su questo argomento sarà D accordo anche Lei. La dottoressa che ci ha diagnosticato il reflusso con la ecografia ha scongiurato malformazioni degli organi interni per cui dovrebbe essere soltanto un problema relativo ai primi tempi, ma io , abituata a non vedere mai il medico e la bilancia con la prima figlia , difficilmente mi dimenticherò di tutte le mie peripezie
La saluto di nuovo a presto

[#9] dopo  
Dr. Agnesina Pozzi

48% attività
4% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
ricambio i saluti