Utente 192XXX
Salve,innanzi tutto la ringrazio per l'attenzione. Ho 28 anni e da quando mi sono trasferita per studi a 22anni,in una zona umida(ex-palude),ho problemi di respirazione,anche durante lo sport o una camminata o una rampa di scale.
Due volte l'anno ho la bronchite con febbre,tosse e dolore alle spalle e al torace e in due occasioni è paggiorata in broncopolmonite e polmonite con focolaio(che stò curando dal 03/02/2011)e non credo neanche sia passata,perchè ho sempre dolori al braccio sx e parte sx,quando respiro; mi sono stati sempre prescritti antibiotici,cortisone,aerosol e cortisone da inalare. In questi anni sono stata sempre a contatto con animali(cani e gatti),ma senza reazioni allergiche(prorito,raffreddore,etc.).
Il mio precedente dottore mi ha diagnosticato una bronchite cronica,soltanto nelle visite.
Prima di Natale ho fatto una spirometria e rientravo nella norma,anche perchè non avevo grossi problemi in quel periodo.
Vorrei sapere se posso dichiarare che ho una bronchite asmatica cronica?

[#1] dopo  
Dr. Vito Di Cosmo

32% attività
16% attualità
16% socialità
ANDRIA (BT)
MARGHERITA DI SAVOIA (BT)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
La definizione di BROCHITE CRONICA è:
tosse con espettorato per almeno 2 mesi consecutivi all'anno per almeno 2 anni consecutivi: si tratta, quindi, di una diagnosi solo anamnestica in relazione alla presenza di espettorato, ovvero di infiammazione eo infezione delle vie respiratorie. NON prevede un eventuale deficit ostruttivo; in caso di Bronco Pneumopatia Cronica Ostruttiva BPCO il deficit ostruttivo è scarsamente reversibile.
La definizione di ASMA BRONCHIALE è:
deficit ostruttivo REVERSIBILE, con o senza terapia, delle piccole vie aeree prive di rivestimento cartilagineo (quindi compressibili con la contrazione delle fibre muscolari liscie), substanziata da una particolare flogosi CRONICA (perenne) di tali piccole vie aeree che, in relazione a determinati effetti scatenanti (allergia, freddo, umidità, sforzo ecc)scatenano la crisi ostruttiva con relativa DISPNEA (affanno.
Anche la bronchite cronica, sopratutto quando si riacutizza, determina dispnea, anche senza deficit ostruttivo.
Ritengo doverosa la lunga premessa perchè spesso si confondono i termini "asma" con "dispnea" e si cura la dispnea, con brocodilatatori e cortisonici che vanno bene per l'asma, anche quando la dispnea è dovuta a bronchite e andrebbe curata con antibiotici, mucolitici ecc.
NEL SUO CASO verosimilmente parliamo BRONCHITE CRONICA e relative riacutizzazioni (per il persisterte della tosse produttiva). Escludiamo la BPCO perchè con la spirometria nella norma si escludono deficit ostruttivi (sicuramente le ostruzioni croniche). L'ASMA BRONCHIALE (magari scatenata dalla bronchite stessa o dall'umidità) è da studiare meglio. Potrebbe effetture esami spirometrici in concomitanza delle riacutizzazioni e, se positivi, verificarne il significativo muiglioramento dopo un broncodilatarore, spray, a rapido effetto. Oppure, in caso di normalità, con una prova di broncostimolazione al NUAD: Nebbia Ultrasonica.
In definitiva, "bronchite asmatica" è una vecchia e fuorviante definizione: o ASMA o BRONCHITE o BRONCHITE CRONICA oppure ASMA scatenata da episodi di BRONCHITE.
Cordialmente
Dr. Vito Di Cosmo ANDRIA
PNEUMOLOGIA TERRITORIALE Barletta-Andria-Trani
Già Pneumologia e Broncologia Ospedale CSS di S G Rotondo