Utente 198XXX
Salve,sono una ragazza di 27 anni e da qualche anno soffro di asma essendo un soggetto allergico. Sono stata da un pneumologo che mi ha prescritto seretide diskus, avamys spray e ventolin al bisogno. 10 gg fa ho avuto una forte faringite da quel periodo avverto difficoltà a respirare e senso di costrizione alla gola..come se non riuscissi a respirare a pieni polmoni!!
sono terrorizzata anche perchè non mi è mai successo. Ultimamente sono un pò ansiosa.

[#1] dopo  
Dr. Vito Di Cosmo

32% attività
16% attualità
16% socialità
ANDRIA (BT)
MARGHERITA DI SAVOIA (BT)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
E PERCHE' MAI E' TERRORIZZATA DA UN "SENSO DI COSTRIZIONE" ALLA GOLA CHE NULLA HA A CHE FARE CON L'ASMA?
PER DEFINIZIONE: L'ASMA E' UNA MALATTIA INFIAMMATORIA CRONICA (INTERESSANTE PICCOLE E PERFIRICHE VIE AEREE (INTORNO ALLA QUINDICESIMA GENERAZIONE BRONCHIALE!!!) CHE, A SEGUITO DI VARI STIMOLI, PUO' DETERMINARE LA "CRISI" ASMATICA, OVVERO UN DEFICIT BRONCO - OSTRUTTIVO REVERSIBILE!!! CON O SENZA TERAPIA.
LA DIAGNOSI DI ASMA BRONCHIALE SI EFFETTUA SOLO DOPO UN ESAME SPIROMETRICO POSITIVO PER DEFICIT OSTRUTTIVO, REVERSIBILE DOPO ß2 AGONISTA TOPICO (UN BRONCODILATATORE TIPO VENTOLIN). L'EVENTUALE DEFICIT OSTRUTTIVO DEVE ESSERE EVIDENZIABILE CON TALE ESAME E REVERVIBILE SEMPRE CON LA SPIROMETRIA. NON CI SI PUO' CERTAMENTE BASARE SUL SINTOMO "DISPNEA" IN QUANTO E' ASSOLUTAMENTE SOGGETTIVO. ANCHE L'AUSCULTAZIONE DI SIBILI DIFFUSI IN AMBITO TORACICO SPESSO TRAE IN INGANNO PERCHE' PROVOCABILI ANCHE DA FLOGOSI DELLA VIA AEREA ALTA (FARINGO - LARINGITE): L'asma, come già detto, è una patologia delle vie aeree pefiferiche.
ANCHE L'ALLERGIA NON E' AFFATTO PATOGNOMONICA DI ASMA: TANTISSIMI SOGGETTI ALLERGICI NON SONO ASMATICI E ALTRETTANTI ASMATICI NON SONO ALLERGICI.
ORA, DA COME LI DESCRIVE, I SUOI SINTOMI SEMBRANO PROPRIO ESSERE SECONDARI AD UNO STATO ANSIOSO CHE, A CAUSA DELLA TENSIONE MUSCOLARE, NON LE PERMETTE DI: RILASSARE I MUSCOLI CORPOREI, COPRESI I MUSCOLI INSPIRATORI,
SVUOTARE COMPLETAMENTE I POLMONI DOPO L'ATTO INSPIRATORIO,
FACENDOLE INIZIARE L'INSPIRAZIONE SUCCESSIVA CON I POLMONI "MEZZI PIENI" CON L'INEVITABILE SENSAZIONE DI NON RIUSCIRE A COMPIERE L'INSPIRAZIONE COMPLETA "senso di costrizione alla gola..come se non riuscissi a respirare a pieni polmoni!!".
DOVESSE ACCADERLE ANCORA, SOFFI IN FUORI TUTTA L'ARIA PRIMA DI EFFETTARE L'ATTO INSPIRATORIO SUCCESSIVO, CHE RISULTERA "PIENO" E PROLUNGATO E SODDISFACENTE. SOPRATUTTO EFFETTUI UN ALTRTO ESAME SPIROMETRICO (VOGLIO PROPRIO SPERARE CHE LA DIAGNOSI DI ASMA SIA SECONDARIA AD UN ESAME SPIROMETRICO).
SE LO RITIENE, CI FACCIA SAPERE COME VA.
CORDIALMENTE


Dr. Vito Di Cosmo ANDRIA
PNEUMOLOGIA TERRITORIALE Barletta-Andria-Trani
Già Pneumologia e Broncologia Ospedale CSS di S G Rotondo