Aumento di peso e escitalopram

Gentili dottori
Prendo escitalopram da più di 10 anni con ottimi risultati per stati ansiosi e depressione.

Sono purtroppo aumentata di peso nel corso degli anni, circa 20 chili in 14 anni, la menopausa ha aggravato la situazione.

La mia psichiatra mi ha prospettato il cambio farmaco con fluoxetina prozac.

Volevo chiedere se la fluoxetina ha lo stesso effetto ansiolitico come l'escitalopram e se appunto ha un minore impatto sull'aumento di peso.

Grazie! Cordialmente
[#1]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 43.7k 993 248
Sta praticamente rivolgendo in domanda le cose che le sono state comunicate dal medico.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Libri: https://www.amazon.it/s?k=matteo+pacini

[#2]
Utente
Utente
No il medico non mi ha confermato questo che la fluoxetina ha meno impatto sul peso!!
[#3]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 43.7k 993 248
Non glielo avrà "confermato", glielo ha prescritto come cambiamento sulla base del problema da Lei indicato.
Quindi in che senso non "confermato" ?

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Libri: https://www.amazon.it/s?k=matteo+pacini

[#4]
Utente
Utente
Non capisco perché Lei sia sempre restio a dare risposte alle domande che le vengono poste. Bastava che rispondesse subito alla mia domanda senza fare polemiche e avremmo evitato tutto questo ulteriore scambio di messaggi.
Potete chiudere la mia richiesta. Grazie
[#5]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 43.7k 993 248
Assolutamente, capita in alcuni casi, e non che sia restio, che appositamente risponda in un determinato modo per evidenziare le caratteristiche della domanda. Prima di tutto perché non sempre rispondere alle domande è utile, anzi a volte è disutile. E poi perché a livello logico-contenutistico certe domande possono non aver senso.
Sicuramente nel suo caso la domanda non ha senso, Lei pone una domanda dalla risposta già data nei presupposti. Poi vorrà sicuramente sostenere che così non è per il bisogno di avere una conferma, una ripetizione. Invece dovrebbe focalizzare sul fatto che pone domande di questo tipo, evidentemente sintomatiche di una condizione. Avere una risposta cieca alla lettera significa peggiorare i presupposti della domanda.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Libri: https://www.amazon.it/s?k=matteo+pacini