Antidepressivi

Buonasera, sono una signora di 69 anni, da Gennaio2024 sono in cura con mezzo citalopram da 20mg la mattina, dopo pranzo un pregabalin da 25mg, la sera dopo cena mezzo citalopram e un pregabalin da 25 mg, causa attacchi di panico, oltre a questi farmaci la mattina assumo anche una compressa per la pressione (perindopril 4mg) e la sera una compressa di di amlodipina da 5 mg.

Aldilà che ancora non trovo nessun miglioramento per quel che che riguarda gli attacchi di panico e non so se questo sia normale, vorrei chiedere, la sera prendo le medicine alle 19 (perché ceno presto) dopo circa mezz'ora, purtroppo, mi viene una sonnolenza fortissima da chiudere gli occhi, chiedevo gentilmente, se le prendessi prima di coricarmi potrebbe andare bene comunque?

Grazie anticipatamente
[#1]
Dr.ssa Franca Scapellato Psichiatra, Psicoterapeuta 4k 197 21
Se il citalopram dopo ben più di un mese non ha avuto effetto bisogna rivalutare il dosaggio. Non è sufficiente una sola visita e una prescrizione, occorrono controlli regolari (sia visite che telefonate o messaggi, dipende da come si organizza lo specialista) per monitorare la situazione.
Senza una visita diretta non possiamo dare indicazioni sulla posologia e sugli orari di somministrazione, le consiglio di contattare lo specialista di riferimento.

Franca Scapellato

[#2]
Utente
Utente
Grazie per la risposta, mi sento ogni settimana con il mio psichiatra, e faccio una visita di controllo ogni mese, secondo lui dovrei continuare così, perché avendo prima smesso una cura a base di paroxetina il citalopram ci metterà di più a farmi effetto,
Unico effetto positivo che ho avuto è che ho ripreso a mangiare dopo mesi di stomaco chiuso.
In effetti sto perdendo speranze verso la cura.
Vedrò se è il caso di cambiare dottore .
Grazie ancora .
[#3]
Dr.ssa Franca Scapellato Psichiatra, Psicoterapeuta 4k 197 21
Capisco un'attesa di quattro, sei settimane, ma continuare ad avere attacchi di panico dopo mesi non è accettabile. Come mai ha sospeso la paroxetina?

Franca Scapellato

[#4]
Utente
Utente
L'ho sospesa perché l'ho assunta per ben 20 anni, dove sono stata benissimo, purtroppo negli ultimi 2 anni sono ripresi gli attacchi di panico, in seguito ad ad brutto periodo, mi sono rivolta ad uno specialista che ha convenuto di sostituire lo seroxat 20mg con citalopram 20mg e 2 pregabalin da 25mg.
Ma praticamente tranne aver ripreso a mangiare, Vivo chiusa in casa, esco solo con mia figlia, che è davvero tanto presente, da sola non riesco più a fare nulla, ogni cosa mi spaventa, vivo chiusa nella mia depressione.
Proprio io che fino a 2 anni fa non avevo paura di niente.
Lo dico spassionatamente sto perdendo fiducia anche verso il mio psichiatra, cosa molto brutta.
Sono fumatrice da sempre sto cercando di smettere perché mi sono accorta che con le cure, il fumo mi fa strani effetti, sonnolenza e confusione mentale, invece il mio dottore sostiene che non ci sia nessuna interazione fra fumo e le cure che assumo.
Anche questa risposata evasiva mi ha un po' allontanata, credo che la soluzione sia cambiare strada.
Grazie per la solerte risposta.
[#5]
Dr.ssa Franca Scapellato Psichiatra, Psicoterapeuta 4k 197 21
Se la paroxetina era efficace fino a un certo punto forse non è stata una buona idea quella di sostituirla, si poteva aumentare il dosaggio oppure associarla a un altro antidepressivo. Per il fumo in teoria non ci dovrebbero essere interazioni, ma non è la prima persona che riferisce effetti spiacevoli quando fuma. Sarebbe un'ottima occasione per smettere, sostituendo la sigaretta con qualche attività gradevole (smettere vuol dire cambiare tante abitudini) e magari con un po' di esercizio fisico che è un antidepressivo naturale (in casa, se non riesce a uscire: su youtube ci sono corsi di yoga e ginnastica dolce).

Franca Scapellato

[#6]
Utente
Utente
La ringrazio davvero per le sue risposte, davvero gentilissima.