Utente 234XXX
Gentili Dottori,
assumo da una settimana circa questo farmaco prescritto dal mio psichiatra.
Mi ha detto di prenderne,a seconda della sintomatologia,1 o 2 mg mattina e sera.

Per il momento credo che 1 mg sia anche troppo,e non ci penso proprio a salire a 2 mg.

Quello che vorrei sapere è questo: quando prendevo lo xanax assumevo 1 mg e sapevo che il massimo era 4 mg giornalieri.

Adesso che assumo 2 mg giornalieri di EN vorrei sapere -per semplice curiosità-volendomi rendere conto se la mia è una dosa bassa,media o alta qual è la dose massima giornaliera che si può raggiungere con questo farmaco.

Certo della vostra disponibilità,Vi porgo distinti saluti

[#1]  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
La dose varia in funzione della sintomatologia clinica. QuElla che lei assume attualmente è una dose medio-bassa.
Cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#2]  
Dr. Stefano Garbolino

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
8% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
TORRE PELLICE (TO)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile utente,

non mi risultano le dosi massime da lei descritte.

Sono dello stesso parere del collega: le dosi devono essere valutate in funzione del distrubo, della persona, del contesto, ecc...

Sono pertanto variabili e funzionali alle singole situazioni.
Cordialmente
www.psichiatriasessuologia.com

[#3] dopo  
Utente 234XXX

Gentili Dottori,
però nel foglio illustrativo dell'alprazolam è scritto chiaramente che non bisogna superare i 4 mg,anche se l'ansia del soggetto è drammatica.

Così dicendo,Voi affermate che posso assumere anche 20 mg di Delorazepam e male che vada,ho assunto una dose che è troppo forte per un caso come il mio. Quindi mi conviene scalare dal momento in cui è meglio ottenere il masimo risultato con il minimo sforzo.
Confermate?

[#4]  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
non confermiamo proprio nulla. Tanto più che nessuno le ha scritto quello che lei sostiene. Le è stato chiaramente evidenziato che il dosaggio di un farmaco va stabilito sulla base della sintomatologia clinica. Il suo curante le ha dato precise istruzioni sull'assunzione e sul dosaggio, proprio perchè ha potuto valutare direttamente la sua condizione. Se ritiene di usare le nostre indicazioni per aggiustare autonomamente la terapia, sentendosene giustificato, si sbaglia. Fornire prescrizioni online non è consentito dalla legge, dal codice deontologico, e dalle linee guida per i consulti del sito. Autogestire una terapia può essere molto dannoso.
Cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#5] dopo  
Utente 234XXX

Gentili Dottori,
Non capisco perché pensiate sempre in male,una diffidenza quasi maleducata nei miei confronti.

Io ho fatto una semplice domanda:lo Xanax ha un dosaggio massimo giornaliero di 4 mg.

Il delorazepam invece sul suo foglio illustrativo non elenca il dosaggio massimo...c'è questo dosaggio massimo? Esiste? E' solo una semplice domanda!

Con l'alprazolam a seconda delle condizioni del paziente si decide di aumentare o diminuire,ma mai di aumentare oltre i 4 mg.

Esisterà un tetto massimo anche per il delorazepam? Ripeto ancora una volta:è una semplice curiosità!

Grazie in anticipo per le risposte.

[#6]  
Dr. Alex Aleksey Gukov

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2010
Gentile utente,
i miei colleghi che Le hanno risposto hanno ragione. Le dosi che si scrivono sui foglietti illustrativi dei farmaci sono un atto dovuto del produttore del farmaco nei confronti della legge e dei consumatori, in base alle sperimentazioni prima dell'approvazione del medicinale e in base alle successive statistiche. Però queste dichiarazioni non possono tenere conto del caso concreto (compreso il caso Suo). Per ogni medicinale è sempre necessaria una indicazione del medico che la dà in base alla patologia, alle condizioni generali della persona e in base ai battori di rischio (fra quali l'assuefazione) che per tutti sono diversi.

Così, anche se sul foglietto illustrativo dell'Alprazolam Lei ha letto che la dose massima è 4 mg, ci sono le persone che hanno tali condizioni che anche una dose minore può essere dannosa e controindicata, e ci sono quelle persone che, per la loro patologia, hanno bisogno di più; nell'ultimo caso si fa un uso "oltre il range", il medico può farlo, ma deve monitorare molto attentamente la situazione e giustificarlo, ha responsabilità davanti alla legge. Il paziente che assume il farmaco non può desumere queste cose confrontandosi solo col foglietto illustrativo.

In conclusione, il dosaggio massimo nel Suo caso (e per ogni persona) decide il medico che prescrive il farmaco, le indicazioni del medico valgono più del foglietto illustrativo, ma lui ne porta le responsabilità, mentre da parte del paziente bisogna avere fiducia del medico.

E' come nel traffico stradale, che le segnalazioni degli agenti valgono più della segnaletica affissa. Forse è anzi meglio che sul foglietto illustrativo non è stata segnalata la dose massima, perché così Lei lo chiederà al Suo specialista quale è tale dose per Lei.

Vorrei toccare anche un altro argomento vicino. Da alcuni dei Suoi recenti post comprendo che Lei preferirebbe fare uso del farmaco al bisogno, non volendo "sprecarlo", temendo l'assuefazione. Forse anche non accettando un regime imposto a Lei ? o non fidando che un'altra persona possa essere esatta come ci vuole per Lei ?

Secondo me, però, non è detto che, assumendo tale farmaco al bisogno, il rischio di dipendenza, ad sempio, è minore. Anzi, la persona associa di più il farmaco col momento del bisogno e col successivo effetto; questo condizionamento ha meccanismi sia "psicologici" che "biologici" e contribuisce in modo diretto alla dipendenza. Il fatto che è la persona stessa decide quando è il momento di prendere il farmaco è un altro fattore di rischio di sviluppare la dipendenza. Inoltre, la durata dell'assunzione al bisogno è caratteristicamente più lunga di una terapia fissa (sia perché il problema non si risolve ma solo si tampona, sia perché la persona pensa che corre rischi minori). Questi fattori contribuiscono al fenomeno della dipendenza in parte indipendentemente dalle caratteristiche del farmaco stesso. Comunque, a tale proposito ci sono vantaggi e svantaggi di entrambe le modalità: "fisso" o "al bisogno" nel Suo caso individuale lo deve decidere il Suo specialista.

Dr. Alex Aleksey Gukov