Utente 322XXX
Salve Gentili Dottori,
tante volte ho già chiesto il consulto attraverso questo sito e la disponibilità Voi Dottori.
La mia psichiatra forse perché non lavora nell’ambito privato non è disponibile a lunghe spiegazioni e quindi ho molti dubbi e domande. Soffro di ansia generalizzata, la tensione mi accompagna tutto il giorno anche se non penso a niente in particolare. Ogni cosa, ogni stimolo mi causa una specie di nodo in gola anche quando prendo il latte da frigo per esempio, come se non avessi capacità di rilassarmi. Per questo ho problemi di insonnia. Avendo preso la mirtazapina mezza compressa da 30 mg e tavor da 2,5 riuscivo a dormire. Adesso stiamo scalando il tavor e sono a mezza compressa da 2,5 piu la mirtazapina e cosi sono tornata a dormire 2 ore a notte.Ho fatto l'esperimento senza chiedere la dottoressa e ho preso l'inera compressa di mirtazapina da 30 mg insieme appunto a mezza compressa di Tavor da 2,5, ma niente, sempre circa due ore. Da molti consulti che avevo letto su questo sito c’è gente che non riesce risolvere problema dell’ansia, ma soprattutto l’insonnia che ll’ansia porta per anni. Ho una sensazione che di questo non si esce più una volta trovati, almeno non esiste sembra nessun rimedio farmacologico per l’insonnia. Per una donna che lavora a casa e fuori con due bambini piccoli dormire poco è un INCUBO. Adesso dovrò quindi chiedere la mia dottoressa psichiatra cosa devo associare alla mirtazapina per dormire almeno sei ore a notte. Cosa Gentili Dottori per questo potete dirmi? Prendo anche Citalopram 20 goccie da 5 settimane, ma pare non avverto nessun risultato. Secondo Voi Citalopram dovrebbe aiutare a dormire o porta più l’insonnia? Dovrebbe aiutare all’ansia ma dicono che porta l’insonnia. Nel mio caso non è controproducente? Aiutatemi a capire e quali domande dovrei rivolgere secondo Voi alla mia psichiatra per risolvere con il farmaci il mio problema almeno di insonnia? Non credo, ho provato la melatonina, la valeriana, il sedatol nelle soluzioni erboristiche e mi affido fiduciosamente nelle soluzioni scientifiche. O con l’insonnia devo vivere per tutta la vita per colpa di questa tensione che mi porto dentro che all’apparenza sono la persona completamente calma.
Grazie per l’enesima attenzione in anticipo

[#1]  
Dr. Michele Patat

28% attività
8% attualità
12% socialità
MONZA (MB)
MERATE (LC)
COLICO (LC)
CESANO MADERNO (MB)
CAPIAGO INTIMIANO (CO)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2013
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
l'insonnia può essere secondaria (provocata da altre patologie) o primaria (spontanea).

La prima cosa da fare quando si cerca una terapia sarebbe quella di escludere la presenza di malattie che possano determinare l'insonnia (come ad esempio problemi metabolici, apnee notturne...).
Fatto questo bisogna valutare la presenza contemporanea di disturbi psichici (nel suo caso sembrerebbe essere presente un disturbo ansioso, da quello che dice).
Ciò ovviamente determina la scelta della terapia (per l'insonnia o per il disturbo di base).

Dando per scontato che anche lei abbia fatto tutti questi passaggi (mi sembra di intuirlo da ciò che scrive), nel suo caso è stata prescritta terapia con citalopram, mirtazapina e tavor.

Citalopram è efficace sia per disturbi depressivi che ansiosi. In genere l'effetto diviene osservabile dopo 4-6 settimane di assunzione a dosaggio pieno. L'effetto sul sonno può variare: generalmente ha un effetto favorente, ma in alcune persone invece può disturbare il sonno. In base a questa osservazione si può decidere di assumerlo al mattino o alla sera.

Mirtazapina è un antidepressivo con notevole effetto sedativo e quindi viene utilizzato anche per la cura dell'insonnia primaria. Anche in questo caso gli effetti si osservano dopo qualche settimana a dosaggio pineo.

Tavor invece è un ansiolitico puro. Va utilizzato generalmente per brevi periodi (a lungo andare può provocare assuefazione e dipendenza). Dà un effetto molto rapido fin dalle prime assunzioni, ma risolve solo il sintomo (non è "curativo").

A mio parere dovrebbe evitare decisione autonome (come variare i dosaggi) in quanto potrebbe peggiorare la situazione o fornire indicazioni fuorvianti per le decisioni future.
Con la sua psichiatra dovrebbe valutare attentamente i dosaggi e magari stabilire misure correttive che Lei possa attuare tra una visita e l'altra. Nel caso fosse necessario potrebbe valutare anche un cambiamento della cura.

Cordiali saluti,
Dr. Michele Patat
https://www.medicitalia.it/michelepatat

[#2] dopo  
Utente 322XXX

Grazie mille Dottore,
è stato molto esauriente e molto chiaro
Secondo Lei la cura prescrittami al momento è buona cioè principalmente Citopram e Mirtazapina? Nel suo lavoro ha riscontrato dei pazienti che sono guariti come io con la mia sintomatologia? Purtroppo mi butta giù un racconto di un amico il cui fratello è in questi condizioni da 17 anni. Cosa mi può dire?

[#3]  
Dr. Michele Patat

28% attività
8% attualità
12% socialità
MONZA (MB)
MERATE (LC)
COLICO (LC)
CESANO MADERNO (MB)
CAPIAGO INTIMIANO (CO)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2013
Gentile utente,
i farmaci che sta assumendo sono solitamente efficaci e molto utilizzati.
Le possibilità di miglioramento esistono e sono molte (è abbastanza raro che non si riesca ad ottenere nessun risultato con una buona terapia). Purtroppo in genere i tempi sono abbastanza lunghi, quindi non bisogna lasciarsi scoraggiare.
Cordiali saluti,
Dr. Michele Patat
https://www.medicitalia.it/michelepatat

[#4] dopo  
Utente 322XXX

Grazie mille Dottore,
è assicurante quello che ha scritto. Ma se non La dispiacerebbe La disturberei con un altra domanda, anzi due. Più e meno i tempi - quali sono e se sono molto molto lunghi la cosa riguarda anche l'insonnia? o si spera almeno l'insonnia sparisca prima?
O sono le cose che vanno pari passo?
Grazie di nuovo e sono speranzosa di avere qualche risposta da Lei.

[#5]  
Dr. Michele Patat

28% attività
8% attualità
12% socialità
MONZA (MB)
MERATE (LC)
COLICO (LC)
CESANO MADERNO (MB)
CAPIAGO INTIMIANO (CO)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2013
Gentile utente,
fare una previsione sul singolo non è possibile in quanto esistono troppe variabili individuali da considerare.
Generalmente comunque il tempo risposta a questi farmaci tende ad essere costante (alcune persone rispondono velocemente a tutti, altre lentamente a tutti).
L'insonnia può sparire prima (se si tratta di insonnia primaria) oppure no (se è un sintomo di una situazione più complessa).
Cordiali saluti,
Dr. Michele Patat
https://www.medicitalia.it/michelepatat

[#6] dopo  
Utente 322XXX

Grazie mille Dottore
Grazie per l'attenzione datami anche in questo modo appunto via internet