Ipersonnia

Gentili dottori,
da ottobre sto seguendo una terapia a base di Citalopram (12 gocce al mattino e 12 alla sera) e Prazene (sempre 12+12). Non ho avuto nessun effetto collaterale, l'unico problema è che ho sempre voglia di dormire e soprattutto al mattino faccio un'enorme fatica ad alzarmi. Ora non so se è un sintomo del disturbo d'ansia con attacchi di panico e della lieve depressione che ha causato, o un effetto collaterale della terapia farmacologica.
Un grazie a chi vorrà fornirmi una risposta.
[#1]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 43.1k 979 248
Gentile utente,

Il Prazene (anche se da Ottobre a ora si è assuefatta presumibilmente) a questo punto potrebbe essere scalato e tolto dallo schema di cura. Per quanto riguarda il citalopram, può darsi che a questa dose le dia sonnolenza (specie se più che sonno vero è facilità a dormire, sbadiglio, etc). Se era un sintomo della depressione prima della cura, è un altro discorso.

La questione però, essendo passati tre mesi quasi è se la cura le ha prodotto o meno benefici, se non li ha prodotti più che altro è ora di cambiarla.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Libri: https://www.amazon.it/s?k=matteo+pacini

[#2]
dopo
Utente
Utente
La cura ha risolto insonnia e inappetenza, i sintomi prettamente psicologici come ansia, depressione e svogliatezza no. Al contempo sto seguendo anche una Terapia Cognitivo Comportamentale. Secondo Lei quanto tempo dovrebbe durare una terapia del genere (quella farmacologica intendo)?
Grazie mille.
[#3]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 43.1k 979 248
Gentile utente,

In tal caso visto che è passato un periodo di 2 mesi e questi sintomi persistono, nonostante la dose piena, considererei un cambiamento dell'antidepressivo, o un'associazione.
[#4]
dopo
Utente
Utente
Grazie,
ne parlerò con la mia psichiatra.