Utente 365XXX
Salve a tutti dottori, mi hanno diagnosticato (2 psichiatri) un Disturbo Ossessivo Compulsivo da 2 anni e sono in cura da poco più di 2 settimane per paura di prendere farmaci.

Assumo Entact per ora 10mg e un ansiolitico Xanax al bisogno.

I miei pensieri principali erano di essere omosessuale, poi sono passati al fissarmi sulla mia relazione poi si sono spostati sul fare del male alle persone che mi circondano sopratutto mia moglie e mio figlio e dopo aver letto tutti i sintomi di tutte le psicosi ora i miei problemi si sono ancora spostati.

Vi aggiorno dei miei pensieri, ho letto che uno psicotico vede il figlio come un demonio e vuole farlo del male e io da allora quando guardo negli occhi mio figlio temo di vederlo anche io così e farlo del male al che mi sale un ansia allucinante e la paura di poter farlo del male.

Ultimamente mi sono fissato sul disturbo di personalità paranoide e mi rivedo nei sintomi:
sono stato sempre ad analizzare tutto, ho sempre avuto il terrore di essere tradito con gelosia patologica, e ora sono convinto di aver questo disturbo: tutte le frasi che mi dicono ora tendo a pensare siano rivolte in modo malevolo, però, mettendomi nei panni dell'altro e riflettendo sulla realtà "oggettiva-soggettiva" e mettendomi anche nei panni di uno spettatore che guarda le mie riflessioni paranoiche mi rendo conto che esagero e che sono tutte baggianate.

A volte mi viene la fissa che mio figlio in realtà non sia mio figlio perchè ha gli occhi di un colore diverso dal nostro, ma sapendo la personalità e la fiducia che ho in mia moglie so certamente che mio figlio è in realtà mio figlio.
Ma allora perchè si ripresenta la domanda?? E io cerco di non trovare una soluzione ma mi sale un ansia assurda. Mi sembra a volte di iniziare a perdere il contatto con la realtà!

E se non fosse un disturbo ossessivo ma una psicosi paranoide?
Mi sembra che debba combattere con la mia mente per rimanere "nella realtà" e tutto questo sta succedendo da quando ho letto i sintomi online delle varie patologie.

Ho paura di perdere il controllo di me stesso e diventare psicotico ma quando mi sento più "lucido" penso che sia un cretino. Ho paura di restare da solo con mio figlio per paura di iniziarlo a vedere come un demonio e diventando psicotico farlo del male o magari come ho letto farlo del male per la depressione e di commettere un omicidio suicidio. Ho il terrore che a volte non riesco a prenderlo in braccio e mi viene da piangere e mi sento in colpa per questi pensieri.

Ho avuto anche pensieri sul fatto che mia moglie non fosse sincera con me anche se so che non è così ma il pensiero si ripresenta e io mi devo di nuovo rassicurare.

Il medico mi ha detto che è un disturbo ossessivo ma io non ci credo ed ho paura di essere psicotico e vorrei essere curato per paura di perdere la realtà che mi circonda però ho paura di perdere la mia famiglia e di essere rinchiuso in qualche manicomio un giorno.

Aiutatemi a capire che cos'ho...soffro tantissimo!

[#1]  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Se due specialisti diversi concordano nella diagnosi é il caso di dargli fiducia e iniziare finalmente il trattamento farmacologico. Quello che lei descrive é compatibile con le diagnosi dei due specialisti e con il trattamento impostato.
Cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#2] dopo  
Utente 365XXX

Gentilissimo dottore la ringrazio per la risposta ma non mi rincuora. Ho paura di avere una psicosi e compiere qualche gesto di cui ho paura.
E se il mio disturbo si sia evolto in qualcosa più evoluta?
La ringrazio della sua risposta e le porgo i miei più cordiali saluti.

[#3]  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Questo tipo di timori, ossia quello di poter perdere il controllo e fare del male ai propri cari, é un tema abbastanza frequente in chi soffre di disturbo ossessivo. La terapia dovrebbe iniziare a dare effetti rilevanti nell'arco delle prossime settimane, anche se, generalmente, nei casi di disturbo ossessivo può essere necessario incrementare il dosaggio del ssri per avere una risposta clinica più soddisfacente. Se vuole ci aggiorni.
Cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#4] dopo  
Utente 365XXX

Dottore la ringrazio molto per il suo chiarimento ma ancora ho un altro dubbio che non ho ancora esposto al mio psichiatra in quanto abbiamo appuntamento il mese prossimo.

Oggi si discuteva in casa, io e mia moglie sul fatto di mettere l'assicurazione questa settimana o rinnovarla la prossima in quanto non abbiamo in programma uscite ed essendo però la macchina in mezzo alla strada ho pensato "Vuole farmi arrestare dicendo di metterla la settimana prossima" e poi subito "Oddio perchè ho pensato a questa cosa paranoica" so che era un pensiero assurdo e mi sono ancora più spaventato.

Ancora oggi ha chiamato un numero sconosciuto ed io subito ho pensato "ecco mia moglie ha chiamato un dottore per ricoverarmi con un TSO nascosto" e poi ancora "ma perchè penso sta cosa irrazionale non basata su niente? Perchè sto delirando, e se iniziassi a vedere davvero complotti dappertutto?" E infatti quella poverina di mia moglie è sempre al centro dei miei pensieri "deliranti".

Io ancora sono convinto che la diagnosi sia sbagliata ed il disturbo ossessivo dovunque ho letto non presentava minimamente segni di delirio (lucido perchè lo riesco a smontare) come il mio.

Cosa farà l'antidepressivo sui miei pensieri? Li attenuerà o sarò costretto a rimuginare su tutto a vita? il mio dottore ha detto che non si guarisce mai realmente ma si può vivere "meno peggio".
E' davvero così??

Grazie mille del vostro aiuto che in questo momento mi sta arricchendo e allo stesso tempo aiutando.
Saluti

[#5]  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Non é possibile prevedere a priori la risposta clinica. Molti pazienti riescono ad ottenere una riduzione dei sintomi molto consistente. Per altri occorre modificare le strategie terapeutiche per ottenere risultati altrettanto soddisfacenti. Una percentuale di pazienti più complessi o, se vuole, più sfortunati, risponde in misura minore alle terapie e dunque risente di residui sintomatologia i più o meno accettabili. Tuttavia, partire già sconfitti mi sembra un eccesso, soprattutto di fronte al primo tentativo farmacologico. Abbia fiducia.
Cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#6] dopo  
Utente 365XXX

Gentilissimo Dottore,
mi dispiace della poca fiducia data ai miei psichiatri e a voi sul sito.
Sono andato da ancora un altro psichiatra e ho raccontato i miei "sintomi".

Terza diagnosi: Disturbo ossessivo.

Questo psichiatra penso abbia inquadrato qualcosa che è sfuggito agli altri dottori.
Mi ha detto che la terapia con Entact deve essere portata a 20 mg il prossimo mese.

Mi ha detto di buttare via lo Xanax e mi ha prescritto il Serenase 3 volte al giorno 0,2% per 5 gocce a somministrazione.

Ho ragione di dire che sono davvero "psicotico"?

Ho comprato il farmaco ma ho letto il bugiardino e ho avuto una paura immensa però la paura di delirare davvero è forte perchè anche se li riconosco i miei pensieri "paranoici" ossessivi nonostante la cura mi tormentano. Vorrei buttare la testa contro un muro.

Come agisce il Serenase?
Sono davvero in ansia e ho paura di assumere il farmaco, ho paura di diventare "intontito" e non capire più niente.
Ho letto che è un neurolettico allora la mia è davvero una psicosi?

E' possibile che non me l'abbia detto per non farmi "spaventare"?

Mi scuso se ripeto sempre le mie stesse domande ma il desiderio di rassicurazione è forte.

La ringrazio ancora per la sua pazienza e mi scuso per la poca fiducia.
Cordiali Saluti

[#7]  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
L'aloperidolo, principio attivo del serena se, può essere associato agli ssri nella terapia del disturbo ossessivo per potenziare la risposta clinica. Il dosaggio prescritto non dovrebbe avere effetti particolarmente devastanti come quello che lei teme. Si tenga comunque in contatto con lo specialista di fiducia. Almeno uno da scegliere tra i tenti che ha consultato.
Cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#8] dopo  
Utente 365XXX

Buonasera dottore ha ragione mi ha convinto, sto facendo il giro dei medici per farmi "diagnosticare" quello che le mie ossessioni dicono.

Ho deciso di assumere la terapia con Serenase, ma vorrei ancora delle delucidazioni... che effetti farà questo farmaco sulle ossessioni?

E secondo lei il quadro clinico è sempre un disturbo ossessivo o mi è stato diagnosticato altro come ho paura di pensare? (che non mi è stato detto per paura di terrorizzarmi?)

Leggendo su internet ho letto tantissime storie e mi immedesimo in ognuna di loro.

Ma l'aloperidolo è simile allo Xanax che mi ha prescritto il medico solo in misura maggiore?

Perchè ho letto che lo Xanax è un tranquillante minore, e il Serenase uno maggiore.

In cosa potrebbe aiutarmi questo farmaco? Sa io sono molto ipocondriaco anche quando devo prendere un aspirina!

La ringrazio molto della pazienza e dell'ascolto.

[#9] dopo  
Utente 365XXX

Buonasera dottore, anche se forse non ha visto il mio messaggio volevo aggiornarla sulla mia situazione.

Ho deciso di non prendere il Serenase perchè aspettavo una sua risposta in quanto ho paura di assumere un neurolettico, ho letto fa persino restringere il cervello.

La dose da 10 mg (piena) di Entact la assumo ormai da 17 giorni e non è cambiato nulla anzi a me sembra che le ossessioni siano peggiorate e l'umore è depresso (prima questa cosa non l'avevo mai avvertita).

Sto soffrendo di bruxismo e mi sveglio con il dolore alle mascelle (cosa che non avevo prima) e mi sento "angosciato" tutta la giornata.

L'ansia è più forte di prima e se non assumo lo Xanax mi salgono gli attacchi di panico (cosa che mi era successa una sola volta nella vita ora sono frequenti).

Sto avendo più "malefici" e non noto nessun beneficio! Anzi si, uno solo un ritardo dell'orgasmo molto pronunciato (questa cosa è l'unica che non mi aspettavo ed è stupenda).

Ecco ora mi chiedo, sto assumendo un farmaco da 23 giorni (partendo dalla mezza dose) e i miei sintomi sono peggiorati....ma non doveva aiutarmi con la mia ansia ed ossessioni? Ora mi sento anche depresso....mi sento sconfitto.

Non sto demordendo perchè ho letto su internet che ci vuole tempo ma io peggioro giorno dopo giorno....mi sento angosciato dalla vita quotidiana e provo mancanza di stimoli....come se l'effetto dell'antidepressivo abbia fatto il contrario!

Cosa dovrei fare? E' normale tutto questo?????

La ringrazio molto dottore della sua risposta.
Cordiali Saluti

[#10]  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Il miglioramento della sintomatologia può richiedere anche 3-4 settimane dal momento che si raggiunge il dosaggio minimo terapeutico. Al momento non é possibile ancora giudicare la terapia attuale come inefficace. Occorre attendere ancora. Aggiorni comunque il suo specialista.
Cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#11] dopo  
Utente 365XXX

Gentilissimo dottore,
mi scuso se non mi sono fatto sentire ma ho "aspettato" che il farmaco potesse funzionare.
Che dire sono aumentate le ossessioni in questi giorni sopratutto quelle paranoiche.

Ora le ossessioni sono scese (tornate ai livelli di prima), mi è comparsa l'insonnia e lo Xanax non riesco a lasciarlo.

Mi chiedo quale sia stata l'utilità del farmaco oltre a farmi aumentare le ossessioni e poi riabbassarle.

Il mio medico (l'ultimo!) mi ha detto di aumentare l'Entact a 20 mg ed ora accuso segni di bruxismo di notte (mi fa male la mascella e l'ansia è aumentata di nuovo).

L'ho chiamato e ha detto che dovrebbero assestarsi questi sintomi in questi giorni.
Lo spero. Anche se non ho capito perchè aumentare se non sta "funzionando".

Quanto tempo ancora devo aspettare per sentirmi "libero" dalle ossessioni?
Che dire...sono nello sconforto più totale. Se le cure non funzionano che cosa sarà della mia vita?

Io forse penso che la diagnosi sia realmente sbagliata o che ho incontrato persone che non abbiano capito a pieno il mio disturbo. Penso ancora di essere psicotico ma non voglio accettarlo.

Come mai mi è stato aumentato il dosaggio??
Poi ho letto il bugiardino e non c'è scritto per disturbo ossessivo compulsivo ma per fobia sociale e depressione. Che i medici abbiano "toppato" con la cura???

Mi sento sconfortato e allo stesso tempo mi sto arrendendo alle mie compulsioni.
Cordiali Saluti
e Buone Feste

[#12]  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Nonostante il farmaco in questione non riporti in scheda tecnica l'indicazione specifica per il doc, viene correntemente usato per questo tipo di situazione clinica, come tutti gli altri farmaci ssri. La ragione dell'aumento del dosaggio risiede probabilmente nel fatto che per il doc occorre spesso raggiungere livelli più elevati di farmaco rispetto ad altri disturbi, prima di avere risultati clinici apprezzabili. Il bruciamo dovrebbe rientrare nell'arco di alcuni giorni. Se così non fosse ne parli con lo specialista al prossimo controllo.
Cordiali saluti e buone feste anche a lei
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#13] dopo  
Utente 365XXX

Gentilissimo dottore,
la ringrazio della sua risposta.

Per quanto riguarda la terapia, in quanto tempo otterrò un beneficio dalla cura?
Il mio dottore ha detto 4-6 mesi ma perchè tutto questo tempo? Come capirò che i sintomi non ci sono più?

Cioè se prendo lo Xanax l'ansia passa subito.... e me ne accorgo!
All'improvviso spariranno tutte le ossessioni "magicamente"?

O è una cosa che avverrà nel tempo?
Come devo rendermi conto che il farmaco mi stia giovando? Dovrei consultare ancora un altro dottore? Ho buttato un sacco di soldi e questo dottore mi sembra più gentile e sopratutto più umano. Cosa che con altri dottori non è successa.

Vorrei guarire al più presto, vorrei anche avere un debito a vita ma essere felice e sopratutto con la mente libera.

La aggiornerò come sempre e la ringrazio ancora altrimenti se non ci fosse questo sito con i miei dubbi avrei cambiato un dottore al giorno.

Cordiali Saluti

[#14]  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
L'effetto del farmaco é nella maggior parte dei casi graduale. I miglioramento dovrebbero iniziare a vedersi nell'arco delle prossime settimane per poi aumentare progressivamente in seguito. A volte il risultato può essere più lento, ma generalmente alcuni mesi dovrebbero già dare un indicazione. Cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it