Utente 436XXX
Buongiorno,
da 5 anni combatto contro ansia/depressione/ipocondria.
Ci sono state delle ricadute e dei periodi dove stavo relativamente bene. Agli inizi di dicembre ho avuto una ricaduta, la quarta, con una componente depressiva molto forte. La cura che mi è stata prescritta dallo psichiatra oltre che continuare con la psicoterapia (anche quella portata avanti da 5 anni) consiste in 150mg di zoloft, 1,5mg di risperidone e rivotril all'occorrenza (praticamente tutti i giorni).
La mia domanda è: dopo 3 mesi con questi farmaci non dovrei riscontrare un miglioramento anche minimo? Perchè ora come ora la situazione è restata invariata. Ringrazio per l'attenzione e preciso che ho 17 anni.

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Quindi è in psicoterapia da quando aveva 13 anni e la diagnosi risale a quell'età ?

Per tutto questo tempo è stata in cura con più o meno le stesse medicine ? O ha fatto a periodi, e adesso ha reiniziato dopo la ricaduta ? Mediamente le cure precedenti, farmacologiche, quanto duravano ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 436XXX

La ringrazio per la celere risposta.
La diagnosi risale a quell'età e le medicine sono variate nel tempo. All'inizio avevo preso alprazolam e prozin per poi cambiare con zoloft. Solo recentemente si sono aggiunti risperidone e rivotril.
Avevo smesso i farmaci tre volte in totale e l'ultima volta risale a settembre con conseguente ricaduta a dicembre.

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
La psicoterapia invece di che tipo è ? In cosa consiste ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 436XXX

Sinceramente non ho mai capito appieno verso che direzione si andava ma diciamo che nei momenti di crisi vi si focalizzava sul trovare dei modi per evitare gli attacchi di panico mentre nei periodi di tranquillità la terapia era piú improntata prima sul cercare di capire le cause del malessere e poi cercare di esternare le emozioni per evitare sovraccarico di queste e conseguenti ricadute.

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Vi è una diagnosi, perché parlava di depressione/ansia/ipocondria, e questi sono aspetti, poi ora di attacchi di panico, ma il tutto si riassume in una diagnosi ?

Per cui cinque anni di una psicoterapia, con ricadute che però si verificano anche durante la terapia farmacologica, o solo dopo averla sospesa, quindi senza medicine ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 436XXX

La diagnosi è stata disturbo di tipo ansioso/depressivo. Le ricadute si presentano anche in presenza di farmaci.

[#7]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
E' una diagnosi un po' vaga, andrebbe migliorata, anche perché la prevenzione delle ricadute può corrispondere a tipi di farmaci diversi.
La terapia comprende farmaci che potrebbero suggerire diagnosi diverse, cioè un disturbo ossessivo resistente così come un disturbo bipolare con ossessioni.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#8] dopo  
Utente 436XXX

Quello che mi dice mi fa pensare di essermi messa in mano a qualcuno di incompetente in quanto mi è stato escluso al 100% un disturbo bipolare con ossessioni o ossessivo resistente

[#9]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

L'anomalia è la seguente: lei riporta una diagnosi vaga, però sono state escluse due diagnosi più precise. Ora, per escludere due diagnosi precise, evidentemente allora è stato fatto un ragionamento diagnostico più avanzato di una generica "sindrome ansioso-depressiva", ragion per cui si dovrebbe esser giunti a sapere che malattia ha, non tanto quelle che non ha.

Le terapie che sono cambiate nel tempo quali sono ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#10] dopo  
Utente 436XXX

Semplicemente da dicembre è stato aggiunto risperidone e rivotril allo zoloft

[#11]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Appunto, le due ragioni più comuni per una modifica del genere sono la ricerca di un effetto migliore quando solo con lo zoloft se ne ottiene uno "apprezzabile ma incompleto", oppure quando compare instabilità e/o agitazione.
Anche arrivando ad una terapia così composta seguendo i sintomi, poi è meglio porsi il problema di quale tipo di meccanismi sono in gioco. Ad esempio, la biologia (inclusa anche la risposta ai medicinali) di un disturbo d'ansia è diversa da quella di un disturbo bipolare.

In una generica sindrome ansioso-depressiva il risperidone non è un farmaco utilizzato.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#12] dopo  
Utente 436XXX

Ho riportanti solamente la diagnosi che mi è stata detta e ribadita dallo specialista.

[#13]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Certo, è chiaro. Non era sulla fonte della diagnosi il commento.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it