Utente 245XXX
Buonasera,

io soffro di attacchi di panico da anni ma negli ultimi due mesi la situazione è peggiorata parecchio (attacchi di panico forti anche più volte al giorno e agorafobia). Non riesco ad andare a lavorare da sola. Sto assumendo xanax e paroxetina (10mg, il mio psichiatra mi ha consigliato di aumentare ora).
Mi sono rivolta a un nuovo psichiatra che mi ha confermato che il dosaggio di paroxetina è basso. Mi ha dato due alternative: o aumentare la paroxetina o, alternativamente, eliminarla e provare con il serplus. Ora, noto che il serplus non ha necessità di ricetta e non trovo neanche molte informazioni mediche a riguardo. Quello che mi chiedo è: ha senso, in un periodo dove a malapena riesco ad andare a lavorare, provare una terapia senza alcuna base scientifica? O meglio, dato che sono estremamente scettica e quindi dubito di aver benefici in termini di effetto placebo, il serplus può dare effettivamente risultati o è un rimedio alternativo simile all'omeopatia? Sono esausta della mia situazione e non voglio provare rimedi come "bevi una camomilla". Qualcuno ha prove che il serplus aiuti davvero?

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Aveva un medico che le ha dato un consiglio logico, perché si è rivolto a casaccio ad un altro ?
Per poi doversi trovare a ragionare sul serplus....e per giunta come alternativa, cioè o la paroxetina, o altrimenti il serplus, come se fossero due alternative per la cura del panico.

Segua le indicazioni del suo medico, che oltretutto già la conosce bene da anni.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 245XXX

Gentile dottore,

il medico che mi ha prescritto la paroxetina purtroppo è poco raggiungibile e i suoi orari sono poco compatibili con i miei lavorativi. Ho riparlato con lo psichiatra in questione e gli ho detto che l'uso del serplus senza antidepressivo mi sembrava una soluzione un po' azzardata e che volevo andare un po' più sul sicuro. Mi è stata proposta l'alternativa del serplus perchè temo gli effetti negativi di un aumento/cambio di antidepressivo.

Mi ha prescritto il citalopram alla fine. Mi chiedo però una cosa sugli effetti collaterali: visto che mi ha detto di prenderlo la sera, gli eventuali effetti collaterali si presentano nelle prime ore dall'assunzione o possono verificarsi per tutto il giorno dopo?

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Anche se uno teme i farmaci o i cambiamenti degli stessi non vedo che senso abbia proporre un integratore.

Gli effetti iniziali e/o collaterali non hanno orario preciso, né dipendono necessariamente dall'orario di assunzione. Quindi le avrà detto la sera semplicemente nel caso di eventuale sonnolenza, dopo di che ci si regolerà in base a quel che effettivamente le dà (magari niente di che).
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 245XXX

Grazie per la risposta. Ho iniziato ieri sera elopram 40 mg/ml con 2 gocce e non so se per suggestione o meno ho avuto una nausa fortissima. Ho fatto l'errore di leggere il bugiardino e c'è un paragrafo sull'aumento di pensieri suicidi. Se io non sono depressa possono succedermi? Inoltre, il medico mi ha detto di arrivare a 20 gocce ma sulla confezione c'è scritto che il massimo per gli attacchi di panico è 16, come mai?

[#5]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
[#6]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

No, non c'è scritto che non si possono dare più di 16 gocce. Questa reazione ha elementi di allarme che sono tipici del suo disturbo, al di là degli effetti collaterali tipo la nausea.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#7] dopo  
Utente 245XXX

Grazie per le vostre risposte. Anche ieri sera ho assunto il medicinale e questa notte ho avuto mal di testa, mal di pancia, diarrea e questa mattina ho vomitato più volte e non sono riuscita ad andare a lavorare.
Non riesco neanche a prendere lo xanax perchè sto vomitando tutto.

[#8]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

In caso di vomito è un po' diverso. Nonostante sia un effetto possibile, lo farei presente al medico, che magari può decidere di cambiare molecola.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#9] dopo  
Utente 245XXX

Quindi è possibile che le sole due gocce lo abbiano causato? Mi capita ogni tanto di arrivare a vomitare a causa del panico ma non è così comune. Spesso ho solo conati o solo nausea e non arrivo a vomitare. Nell'ultimo mese mi è invece capitato più volte.

[#10]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

E' possibile così come è possibile che sia il suo disturbo di partenza, visto che quel sintomo era già presente. Mi pare stia facendo confusione. Cosa c'entra nell'ultimo mese, il farmaco lo ha iniziato ora. Cosa avrebbe cambiato quindi rispetto alla tendenza dell'ultimo mese ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#11]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
I colleghi le hanno già risposto ottimamente, però la paura degli effetti collaterali dei farmaci rimane un problema. La paura, non gli effetti collaterali, che non sono pesanti e durano per poche settimane, provoca disturbi che peggiorano il quadro.
Ha mai intrapreso un percorso psicoterapico per cambiare certe modalità di pensiero che le causano ansia? Parlo di una psicoterapia cognitiva o comunque focalizzata sul problema attuale, che è il pensiero fobico che le provoca ansia e panico. Se associata alla terapia farmacologica questo tipo di psicoterapia può essere molto utile.
Franca Scapellato

[#12] dopo  
Utente 245XXX

Grazie mille a tutti per le risposte. Anni fa feci terapia breve strategica per un anno, ora ho appena interrotto l'EMDR e sono alla ricerca di un nuovo terapista.
La paura di star peggio purtroppo è tanta, in particolare quando si sta già molto male si ha paura che la minima cosa possa far stare ancora peggio.
Approfitto per l'ultima (spero!) domanda: in generale, specialmente durante il ciclo, soffro di forti mal di testa, che riesco fortunatamente a curare con un solo moment da 200 mg. Ho letto che fa male mischiare l'antidepressivo e il moment. Trattandosi di un dosaggio "basso" di ibuprofene, posso prenderlo dopo aver aspettato qualche ora? Se si, quanto devo aspettare?
Purtroppo in generale ho notato che se non prendo un moment appena inizia mi peggiora e si trasforma in una fortissima emicrania.

[#13]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Breve strategica per un anno non era breve..

Sul sito non si possono dare indicazioni di questo tipo.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it