Utente 438XXX
Gentili dottori, mi scuso in anticipo se chiedo un consulto in questa sezione per l'ennesima volta, sono un ragazzo di 25 anni che soffre da tanti anni di ansia e attacchi di panico e di emicrania con aura, ho girato diversi specialisti preso diversi farmaci ma non ho concluso nulla, ho effettuato diversi controlli, tra cui, Risonanza magnetica e Angio-Rm encefalo, Tac encefalo, EEG, visite oculistiche e campo visivo, analisi del sangue, elettrocardiogramma risultate tutte negative. Sono seguito da meno di un mese da un psichiatra con la seguente terapia, entact 10mg , Depakin 100 mg bustine, levobren gocce 4 per 2 volte al giorno, xanax 1,25 suddiviso in 2 somministrazioni, e difmetre in caso di attacco di emicrania con aura, dopo 10 giorni circa mi è stato modificato il levobren e ne prendo 8 gocce per 3 volte al giorno, e sembrava che la situazione era migliorata un po' cioè a tratti stavo meglio, mentre invece da 3 giorni sembra che la situazione sia peggiorata ho ansia e tachicardia, ho chiamato il psichiatra e mi ha detto di aumentare l'entact a 15 mg cosa che ho fatto e di prendere una bustina di depakin in più cioè una mattina e sera anziché solo la sera, questo ancora non l'ho fatto ma lo farò subito, vi volevo chiedere questo peggioramento può essere dovuto a effetti collaterali dei farmaci? Oppure al fatto che ancora non mi hanno dato beneficio? Assumo la terapia da 18 giorni circa, vi ringrazio in anticipo per la risposta Cordiali saluti

[#1]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
E' ancora nella fase iniziale della terapia, un aumento dell'ansia può essere dovuto all'attivazione che i farmaci danno prima di arrivare all'effetto terapeutico completo, che si vede dopo circa tre settimane dall'assunzione della dose terapeutica (la fase iniziale non va considerata).
Vedo che associa ansia, attacchi di panico e emicrania con aura.
L'emicrania è un disturbo neurologico, non psichiatrico, anche se a volte l'emotività la può scatenare, come anche la mancanza di sonno o alcuni cibi.
Personalmente quando inizio a vedere le luci a zig-zag oppure lo scotoma centrale mi faccio un esame di coscienza: ho dormito poco? mi sono stressata troppo? Poi prendo una compressa e per qualche giorno mi riguardo, insomma considero la crisi un campanello d'allarme e non una disgrazia e questo aiuta a viverla meglio, anche se resta una compagna di viaggio poco simpatica.
Franca Scapellato

[#2] dopo  
Utente 438XXX

Gentile dottoressa la ringrazio per la risposta per quanto riguarda l'emicrania con aura mi è stato detto da diversi specialisti che il fattore scatenante è l'ansia, sono stato da diversi neurologi ho provato diversi farmaci tra cui i triptani ma nulla da fare un po' mi si è calmata con il lyrica o meglio ha agito di più sull aura che sul mal di testa, riguardo il depakin è indicato anche per emicrania? Cordiali saluti

[#3]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Sì, è probabile che l'ansia, che è un'emozione, favorisca gli attacchi. Il depakin è indicato nella terapia e nella profilassi dell'emicrania.
Potrebbe essere utile associare alla terapia farmacologica una psicoterapia di tipo cognitivo, per imparare a gestire gli episodi di ansia.
Franca Scapellato

[#4] dopo  
Utente 438XXX

Gentile dottoressa, riguardo la psicoterapia, ho già provveduto ad iniziarla su consiglio anche del psichiatra Cordialmente

[#5] dopo  
Utente 438XXX

Gentile dottoressa, mi scusi se la disturbo ancora, a causa di alcuni effetti indesiderati come vertigini, senso di instabilità e confusione mentale il mio psichiatra ho deciso di togliere il levobren e di raddoppiare il depakin da 200 mg a 400 mg, anche perché mi sentivo instabile cioè a tratti bene e a tratti non bene, secondo lei il levobren può causare questo tipo di effetti indesiderati? Potrebbe tornare l'ansia più forte? La ringrazio in anticipo per la risposta Cordiali saluti

[#6]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Il dosaggio di levobren era talmente basso che probabilmente non aveva effetti di nessun genere. Il depakin è ancora sottodosato.
Franca Scapellato

[#7] dopo  
Utente 438XXX

Gentile dottoressa, la ringrazio ancora per la risposta, quindi lei ritiene che la terapia deve ancora essere rivista? Mi ha detto che mi vuole risentire tra 7 giorni, cordiali saluti

[#8]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Ritengo che questa terapia sia il frutto di una lunga trattativa tra lei e il suo psichiatra e che dovrebbe fidarsi un po' di più senza pensare sempre agli effetti collaterali. Ha uno psichiatra che la segue con attenzione, ha iniziato una psicoterapia, è controproducente cercare riscontri in rete.
Franca Scapellato

[#9] dopo  
Utente 438XXX

Gentile dottoressa la ringrazio ancora per la risposta, le do ragione sul fatto che ho trovato uno specialista che mi segue, le auguro una buona giornata Cordiali saluti

[#10]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Sono contenta che abbia capito, a volte bisogna lasciarsi guidare, senza cercare di controllare troppo. Cordiali saluti.
Franca Scapellato

[#11] dopo  
Utente 438XXX

Gentile dottoressa, mi scusi se la disturbo ancora, 20 giorni fa sono stato dal psichiatra per la visita di controllo, (le riporto i farmaci che assumo : entact, Depakin, levobren, xanax) e mi ha prescritto delle analisi del sangue, e a ha lasciato la terapia invariata con l'unico aumento del levobren da 15 x 3 a 20 x 3, dopo un paio di giorni a causa di effetti come sonnolenza e un po' di stordimento cioè mi sentivo fiacco a deciso di scendere di nuovo a 15 x 3, ho effettuato le analisi del sangue e mi è risultata la prolattina alta e mi ha detto di sospendere il levobren gradualmente e di raddoppiare il depakin da 300 mg a 600 mg, le volevo chiedere il levobren può essere la causa della prolattina alta? Ho ridotto il levobren e sembra che l'ansia sia ritornata, può essere dovuto alla riduzione del levobren? Il psichiatra mi ha detto che voleva affiancare un'altro antidepressivo al levobren nel caso in cui c'è ne fosse bisogno, le domanda è 2 antidepressivi si possono assumere? Questa terapia la sto facendo da più di 2 mesi, la ringrazio in anticipo per la risposta Cordiali saluti

[#12]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Sì, un effetto molto frequente della levosulpiride è un aumento della prolattina. Il levobren è un tranquillante, è probabile che riducendolo l'ansia e le somatizzazioni aumentino.
E' possibile in determinate condizioni associare due antidepressivi, anche se di solito, se un antidepressivo non è del tutto efficace, si preferisce aumentarne il dosaggio.
Franca Scapellato

[#13] dopo  
Utente 438XXX

Gentile dottoressa, la ringrazio per la risposta, di entact ne assumo 20 mg, è il dosaggio massimo? Riguardo al depakin può aiutare nel ansia? Cordiali saluti

[#14]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Continua a farmi domande che dovrebbe girare al suo psichiatra, le consiglio di rivolgersi a lui.
Franca Scapellato