Utente cancellato
Buonasera gent .mi dottori volevo chiedere un parere
Dunque da circa 1 anno non assumo piu' il cipralex che mi era stato dato dallo psichiatra del centro cps della mia citta' e l'avevo assunto gia' negli anni precedenti scalato e interrotto 2 volte ma la sintomatologia di ansia mi ritornava in special modo quando devo fare visite mediche sono anche ipocondriaco oltre che super ansioso! ed entro in panico ansia e penso al peggio tutte le volte che debbo fare cose inerenti ai medici .
Ora ho fatto la visita dallo psichiatra 15 gg fa poiche' avvertivo ancora molta ansia agitazione dipeso perché in questo periodo avevo fatto dei controlli medici da il mio gastroenterologo a dicembre 2017 e gennaio 2018 (diagnosi di colon irritabile dopo 2 accurate visite da lui e dopo avere visionate tutte le cose fatte con il gastroenterologo :colonscopia 2012 negativa ,ecografia addome ,esami sangue a ottobre ok ,) ma mi aveva preso molta agitazione e ansia per questi controlli etcc
Parlando con lo psichiatra secondo lui ricominciare il cipralex era da valutare poiché secondo lui e' un farmaco importante e sempre secondo lui ogni volta che debbo affrontare una cosa o l'altra che sia un esame medico o altro mi agito lo stesso .
Pero' di cominciare intanto con il lexotan 2 -3 volte al giorno 15 gocce che sto assumendo circa un mesetto .
Ma se mi sentivo ancora ansioso e agitato di cominciare la terapia con il cipralex e dopo rifarmi vedere dopo circa 20 gg .
Ora con lexotan mi sembra vada meglio, ma a volte io l'agitazione e ansia io l'avverto ancora .
Sempre per il problema colon irritabile (io a volte ho problemi come detto al gastro con aria intestino feci molli )
Insomma secondo voi e' il caso di cominciare la terapia con cipralex ?
Con cipralex potrei secondo voi stare meglio e meno ansioso ?
Non stare tutte le volte ad agitarmi per il mio intestino irritabile ,potrebbe il cipralex anzi aiutarmi anche per il mio intestino irritabile ?
Grazie cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Mario Savino

40% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Ecco, posto che qui non possiamo porre diagnosi e consigliare terapie, cercherò di essere chiaro sulla base di quanto ci ha raccontato.
Il cipralex può essere efficace in questi casi ma la durata della terapia dipende dal decorso del disturbo in questione: molto spesso i disturbi d'ansia hanno un decorso cronico (cioé prolungato per molti anni) e allora il farmaco - se efficace - non va sospeso, come se si curasse la pressione alta o il diabete.
Se invece il Cipralex la fa star meglio ma non controlla tutti gli aspetti del disturbo va cambiato il dosaggio oppure il farmaco stesso, o associata una psicoterapia.
Il "colon irritabile" deve migliorare, diversamente esistono farmaci più specifici.
Per concludere va poi precisato che il Lexotan non è una cura ma un farmaco da usare solo per brevi periodi, non è un'alternativa al Cipralex ma un farmaco da usare solo per le "emergenze", senza abituarsi ad usarlo con continuità.
Mario Savino
medico
Specialista in Psichiatria
www.mariosavino.com

[#2] dopo  
473548

dal 2018
Mille grazie dottore visto le ricadute lei mi consiglia comunque di ricominciare il cipralex?

[#3] dopo  
Dr. Mario Savino

40% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Non posso essere io a reintrodurre la cura, deve consultare il suo medico. Diciamo comunque che, in generale, è la procedura comune.
Stia bene.
Mario Savino
medico
Specialista in Psichiatria
www.mariosavino.com

[#4] dopo  
473548

dal 2018
Grazie mille gentilissimo saluti