Utente 476XXX
Buonasera, scusandomi per il disturbo arrecato, vorrei avere gentilmente un chiarimento:
è possibile che il cervello, mentre si compie una data azione, dia una visione da soggetto spettatore anzichè da attivo?
Mi spiego bene, è possibile, magari a causa di una qualche patologia o di qualche shock per via dell'azione totalmente contro la propria volontà, vedere un altro "io" che agisce, il quale dà per giunta le spalle?

Aggiungo che soffro di doc, involontariamente ho pensieri, impulsi e immagini... specie nelle immagini, anzichè avere una visione da soggetto attivo/frontale (diciamo normale) sono uno spettatore di un altro me... nonostante il carattere surreale, ho la costante paura che in realtà io stia facendo ciò che vedo...
Inoltre, non faccio uso di nessuna sostanza stupefacente nè alcolica.

Pertanto, scusandomi per quanto chiedo, per la speigazione non proprio scientifica ecc, chiedo se sia possibile...

Grazie per l'attenzione

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Specialmente in chi soffre di doc ci possono essere sintomi cosiddetti di depersonalizzazione, che però banalmente possono anche essere la conseguenza di immagini mentali o auto-esami delle proprie funzioni, con conseguente innaturalezza delle stesse, senso di straniamento, perdita della spontaneità e del senso di essere "dentro il proprio corpo" o in presa diretta con quel che si fa.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 476XXX

Gentilissimo dottore la ringrazio per aver risposto.

Mi scusi ma ciò significa che in una data situazione se vediamo a distanza un altro soggetto (che la mente indica come "noi"),
visto dalla testa ai piedi e di spalle, significa che in realtà potremmo essere noi?
Mi scusi ma come ho letto la sua risposta, non so se per l'ansia, la paura o cosa, non ho ben capito...

[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Cioè Lei vede un altro soggetto (già lo ha classificato così definendolo) e poi le viene in mente che potrebbe essere se stesso ? O ha l'immagine di se stesso visto di spalle ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 476XXX

Si praticamente vedo un altro soggetto (il soggetto non esiste, sarei "io", la mia mente lo riconduce a me) che mette in atto determinati comportamenti sconvenienti...
Io non ho assolutamente alcun ricordo sul prima o dopo l'azione (molto strano visto che ho un'ottima memoria) nè tantomeno su come potrei aver agito... tuttavia ho paura che in realtà potrei essere io... (ho poco autostima, sono failmente suggestionabile e ho sempre mille dubbi che nascono così dal nulla...).
Razionalmente capisco l'irrealtà di quanto dico, però ho questi dubbi...

Per farle un altro esempio, per cercare di spiegarmi meglio, a volte ho immagini intrusive, specialmente quando passo sui ponti, in cui vedo un altro me che si getta (non le dico la paura, ansia ecc...)...
Aggiungo che vengo assalito dai dubbi più stupidi, i quali mettono da parte la mia razionalità...

[#5] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Quindi sta parlando di un'immagine mentale, non di una persona che sta là fuori, da come lo diceva prima sembrava che lei vedesse uno fuori.
Per cui le viene in mente l'immagine di una persona x che potrebbe essere Lei e che mette in atto determinate azioni, dopo di che il tutto si traduce in una memoria che però Lei inizia a dubitare se sia la memoria di ciò che ha immaginato o un fatto realmente accaduto.
Questo più o meno è il discorso ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 476XXX

Esatto dottore... e ogni volta ho il dubbio che in realtà possa trattarsi di un qualcosa accaduto realmente; capisco il discorso illogico, tuttavia quando mi sorgono questi dubbi, nonostante la razionalità ed in generale le tante prove a favore del non aver fatto niente ho sempre questi dubbi: devo per forza averne la certezza. Non mi fido nè dei miei ricordi (ho un'ottima memoria e ricordo sempre tutto) e sensazioni, nè dei miei ragionamenti ecc...

Proprio a causa di questi dubbi, mi chiedo se un'immagine del genere possa essere in realtà una visione distorta o qualcosa del genere... (razionalmente capisco che non potrebbe essere, però i dubbi mettono in discussione tutto...).

Mi scusi per il disturbo arrecato e soprattutto la ringrazio per le sue risposte.

[#7] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Ho capito, è una forma abbastanza frequente di ossessione, niente di nuovo visto che Lei soffre di DOC.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#8] dopo  
Utente 476XXX

Quindi, secondo lei e secondo quanto le ho detto, posso stare tranquillo? Si tratta solo di immagini mentali? Il cervello non distorce così la realtà?

[#9] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
No, tranquillo non può stare, avendo delle ossessioni. Le domande che pone invece sono la richiesta di rassicurazione indotta dalle ossessioni, a cui non bisogna dare risposta, perché le alimenta.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#10] dopo  
Utente 476XXX

Dottore, grazie infinite. Adesso diciamo che ho la situazione molto più chiara.
Scusi ancora per il disturbo.

Le auguro una buona giornata.