Utente 445XXX
Salve gentili Dottori, vi scrivo per aggiornarvi sulla mia situazione. Avevo aperto un consulto tanto tempo fa ma è stato chiuso.

Come si legge dal titolo, ho quest'ansia di non riuscire a dormire che mi sta rendendo la vita difficile. Sono andato da uno psichiatra e la diagnosi è stata "ansia generalizzata". Mi diede mirtazapina metà compressa prima di dormire. Funzionava fino a che non cominciai a non riuscire a dormire con mezza pasticca e ora ne prendo una intera ma continuo ad aver paura di non riuscire a dormire nemmeno con quella e di conseguenza non dormo e sono costretto a prendere il sonirem. Lo psichiatra mi ha detto di non mischiare sonirem e mirtazapina e che se non dormo 1 giorno dormirò il giorno dopo ma non posso permetterlo perchè faccio un lavoro manuale e se non dormo non sto in piedi. Mi capita sempre quando arriva la primavera di non riuscire ad addormentarmi ma pensavo che la mirtazapina avrebbe risolto il mio problema e invece no, ho molto sonno ma non mi addormento. È possibile che non riesca a dormire nemmeno con questa terapia? Mi trovavo bene perchè so che non da dipendenza e non mi ha dato problemi. Esistono altre cure simili che non danno dipendenza?

Intanto il mio psichiatra inizierà a farmi delle sedute di psicoterapia cognitivo comportamentale perchè ha un background nell'ambito dell'ansia e mi ha fatto i complimenti perchè praticamente grazie alla meditazione ho imparato a gestire le mie ansie e ho capito molte cose, ma in periodi come questo non riesco a controllare la mia ansia, mi è impossibile rilassarmi. Quando vado nel letto ho il terrore di non chiudere occhio, eppure avevo risolto...

[#1] dopo  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Non riuscire a dormire è una definizione un po' vaga ed essendo poco chiara è ancora più ansiogena. Si addormenta molto tardi, oppure sta completamente sveglio tutta la notte, o quando finalmente dorme riposa male e si sveglia in continuazione, oppure ancora si sveglia troppo presto al mattino?
La mirtazapina ha una buona azione sull'ansia e favorisce il riposo, ma se nella sua mente continua a girare il pensiero: non riuscirò a dormire e poi non riuscirò a lavorare e questo è terribile, diventa davvero difficile riposare, è come se avesse una sirena di allarme attivata.
La terapia cognitiva associata alla mirtazapina è un'ottima idea, per "smontare" questo tipo di pensieri.
Franca Scapellato