Utente 489XXX
Buongiorno, sono una ragazza di 28 anni e da circa 3 settimane non riesco ad addormentarmi neanche un singolo minuto a notte. Mi stendo, mi rilasso, ma è come se il cervello non volesse mai spegnersi, con la conseguenza che le ore passano e io rimango perennemente sveglia. Le notti sono diventate un vero e proprio incubo. Di giorno ho tremori e fitte in tutto il corpo, faccio fatica a ricordare le cose e mi sento continuamente stanca e alienata.
E' come se nonostante la perenne stanchezza avessi perso del tutto l'impulso ad addormentarmi. Esiste una patologia del genere? Ho provato tutti i rimedi naturali possibili ma nulla. Ho fatto un elettrocardiogramma, nessun problema trovato. Ho fatto le analisi del sangue che si sono rivelate tutte negative. Mi sono poi rivolta a uno psichiatra che mi ha prescritto 20 gocce di Minias per dormire, da accompagnare a Elopram per una lieve depressione, tuttavia neanche le gocce hanno funzionato, stanotte l'ennesima nottata completamente in bianco.
Mi sento come se il mio cervello stesse piano piano "morendo" e io con lui. Non ho mai sensazione di fame e continuo a perdere chili. Non so quanti giorni ancora riuscirò a resistere così, sono disperata. Può trattarsi di un problema neurologico? Dovrei fare una visita e se sì, quale nello specifico? Grazie di cuore.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

l'insonnia può essere primaria, cioè essere di se stessa una condizione patologica, e secondaria ad altre situazioni, cioè rappresentare un sintomo.
Il consiglio che Le posso dare è di rivolgersi ad un centro di medicina del sonno dove può essere sottoposta anche ad esami strumentali, per es. una polisonnografia, per approfondire il problema, arrivare ad una diagnosi corretta e ad una eventuale adeguata terapia.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 489XXX

Gentile Dottore,
grazie per la cortese risposta. Ho appena contattato un centro di medicina del sonno ma purtroppo c'è una lista d'attesa infinita, ho molta paura di come farò a dormire nel frattempo. Può rassicurarmi nei confronti del mio dubbio? Esiste una patologia che, da un giorno all'altro, fa sì che non sia più possibile sentire lo stimolo del sonno? Oppure è più probabile che l'impossibilità di addormentamento sia dovuto a motivi soprattutto ansiogeni? La ringrazio ancora.

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

la stragrande maggioranza delle insonnie è secondaria ad altre condizioni. Come malattia neurologica è eccezionale un'inizio cosi improvviso, personalmente ne dubito che possa essere il Suo caso e mi sentirei di tranquillizzarLa.
Nell'attesa della visita presso il centro di medicina del sonno potrebbe porre rimedio temporaneamente con terapie farmacologiche prescritte dal medico.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 489XXX

Grazie Dottore,
approfitto ancora della sua gentilezza per togliermi un altro dubbio.
In attesa della polisonnografia lo psichiatra mi ha suggerito di continuare ad assumere Elopram e Minias. Le sembra un'accoppiata valida per curare l'insonnia dovuta ad ansia?
Il mio grosso dubbio è se l'unione dei due farmaci può davvero in qualche modo ripristinare il ciclo del sonno, o se una volta eliminato l'uso del Minias (che lo psichiatra mi ha detto andrà scalato e tolto tra un po' di tempo) mi ritroverò al punto di partenza. Se infatti il sonno provocato dal Minias non è naturale ma indotto farmacologicamente, come sarà possibile tornare a uno stato di sonno naturale senza i farmaci? Forse grazie all'intervento dell'antidepressivo?
Grazie ancora di cuore, le sue risposte oggi mi stanno tranquillizzando non immagina quanto.

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

l'associazione dei due farmaci è razionale. Il minias è un induttore del sonno e non un curativo e va utilizzato per brevi periodi che lo psichiatra Le indicherà.
È possibile che, ripristinando un normale ciclo del sonno, la sua graduale sospensione non influisca negativamente.
Se la causa fosse ansiosa e/o depressiva può essere efficace invece l'azione dell'elopram dopo le canoniche 3-4 settimane di terapia.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 489XXX

Gentile Dottore,
proprio riguardo al Minias mi sorge un dubbio. So che ci penso troppo su ma non voglio rischiare di diventare dipendente dal farmaco, perciò mi chiedevo qual è il metodo di assunzione e di sospensione migliore (preciso che invece Elopram dovrò prenderlo 60 giorni, in seguito mi dovrò recare alla prossima visita psichiatrica). Siccome lo psichiatra alla visita mi ha prescritto di assumere 10-20 gocce di Minias al giorno ma non ha specificato la dose precisa giorno per giorno, prima mi è venuto il dubbio e gli ho scritto una mail, alla quale ha risposto così, copio e incollo: "Parta con 20 gocce e cominci a ridurre a 15 dopo un mese e poi di cinque a settimana dopo avere valutato se la dose assunta è sufficiente a farla dormire."
Mi domando: cominciare a scalare dopo un mese? Ma il trattamento col Minias non dovrebbe essere più breve, incluso il periodo di sospensione? Il bugiardino inoltre sostiene il contrario, ovvero che bisogna partire con piccole dosi (10 gocce) e poi salire in base alle necessità.
Dello psichiatra mi fido, ma è sempre utile sentire pareri diversi anche visto che il foglietto illustrativo capovolge ciò che mi ha consigliato. Qual è la strada migliore per non sviluppare una dipendenza da benzodiazepine?
Grazie mille ancora!

[#7] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

oltre la parte "ufficiale" in medicina esiste l'esperienza del singolo medico, è chiaro che lo psichiatra non Le farà sviluppare dipendenza dalle benzodiazepine. Ogni specialista ha le sue convinzioni e quanto Le è stato detto è anche corretto.
Piuttosto sembrerebbe breve il tempo di assunzione dell'elopram, questa categoria di farmaci andrebbe utilizzata per periodi più lunghi di due mesi ma forse questa è una scadenza intermedia di controllo.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente 489XXX

Gentilissimo Dottore,
purtroppo per un'altra notte consecutiva il Minias su di me non ha sortito alcun effetto. Oggi è il quattordicesimo giorno, a parte 2-3 notti in cui ho fatto pisolini minuscoli, in cui non riesco a dormire neanche un minuto per notte. La cosa che mi sconvolge è quella di non avere MAI lo stimolo del sonno: mi corico, aspetto di dormire un paio d'ore, e quando mi tiro su sono ormai sveglissima, come se avessi dormito, ma spesso controllo la sveglia quindi so con certezza di non chiudere mai occhio. Come fa il cervello a stare sveglio così tanto? Eppure di giorno non sono neanche così "rimbambita"; c'è sempre una certa stanchezza di fondo ma sono piuttosto vigile. Com'è possibile che ciò avvenga non dormendo praticamente mai?
So che non si dovrebbe mai cercare in rete, ma ci sono possibilità che io abbia contratto l'Insonnia familiare sporadica? Ho visto che può succedere in rarissimi casi se la malattia non viene trasmessa in famiglia, e i sintomi sembrano esserci tutti. Nei primi giorni di questa brutta insonnia avevo dormito circa 4 ore filate assumendo (sotto prescrizione del medico di base) una compressa di Stilnox, chi ha l'insonnia fatale riesce ad appisolarsi qualche ora con i farmaci o ne è completamente impossibilitato?
Mi scuso davvero per il panico e le tante domande ma sono le 4 del mattino e non dormire per l'ennesima volta mi sta facendo del male.
Concludo ringraziandola davvero per tutto il supporto di oggi, al mondo servirebbero più persone disponibili e gentili come lei.

[#9] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

l'insonnia fatale familiare è una malattia rarissima, quella sporadica ancora più rara ed è una malattia da prioni.
Non pensi alla malattia e non vada in Rete alla ricerca di autodiagnosi.
Ho però la sensazione, potrei ovviamente sbagliare, che dei periodi di sonno, anche se brevi, si susseguano più volte nella notte, anche se Lei non ne ha piena coscienza.
Non potendo consigliare farmaci a distanza, Le consiglio di rivolgersi allo psichiatra per riferire l'attuale situazione.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#10] dopo  
Utente 489XXX

Gentile Dottore,
eccomi di nuovo qua. Dopo qualche giorno di cura a base di Elopram + Minias sono riuscita finalmente a dormire un po' di ore a notte. In questi giorni però mi sento spossatissima, con le gambe pesanti, quando cammino a volte mi sembra di trovarmi fuori dal mio stesso corpo.
Può essere un effetto dei farmaci o anche una conseguenza del fatto che nei giorni di insonnia avevo sempre lo stomaco chiuso e praticamente non mangiavo (ho perso 4 chili in una settimana)? Solo da quando dormo ho ricominciato a mangiare quasi regolarmente.
Inoltre è sorto un altro problema, quando ruoto la testa sento uno scricchiolio fastidioso dietro il collo e a volte mentre sono a letto sento come dei "movimenti di liquido" nella testa. Mi consiglia una visita neurologica?
Grazie infinitamente.

[#11] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

è possibile che la sintomatologia riferita sia un effetto collaterale dell'elopram, infatti questa classe di farmaci all'inizio della terapia può causare questo tipo di sintomi che di solito regrediscono spontaneamente dopo qualche settimana.
Se così non fosse contatti lo specialista.
Riguardo lo scricchiolio dietro il collo, di solito indica un problema della colonna cervicale.
I "movimenti di liquido" potrebbero essere di tipo psicosomatico, se dovessero persistere una valutazione neurologica la riterrei indicata, senza preoccupazione però.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#12] dopo  
Utente 489XXX

Grazie Dottore, gentilissimo come al solito!

[#13] dopo  
Utente 489XXX

Buonasera Dottore,
eccomi di nuovo qua. La terapia con Elopram continua (ho iniziato da 2 gocce il 20 aprile aumentando di una al giorno, oggi 26 aprile sono arrivata a 8 gocce).
Nel frattempo continuo ad assumere 20 gocce di Minias prima di dormire, il problema è che funziona appena: mi risveglio dopo circa 2-3 ore dall'assunzione (tranquilla, non agitata) e poi non riesco più a prendere sonno.
E' possibile che essendo l'Elopram ancora a dosaggio basso (dovrò arrivare a 15 gocce e poi mantenerle fino al controllo di metà giugno) ci sia ancora un disturbo d'ansia che impedisce al Minias di agire con la massima efficacia e quindi di dormire di più? Purtroppo il mio psichiatra è via per il ponte del 1 maggio quindi non so a chi rivolgermi.
La ringrazio!

[#14] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

è possibile la Sua ipotesi.
Consideri pure che l'elopram e tutti i farmaci di questa classe per manifestare la loro efficacia devono essere assunti per almeno 3-4 settimane al dosaggio pieno.
Pertanto ancora è prematuro aspettarsi miglioramenti significativi.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#15] dopo  
Utente 489XXX

Buonasera Dottore,
ho un dubbio di tipo farmacologico e il mio psichiatra è assente fino al 2 maggio quindi spero di trovare una risposta qui.
Mi è venuto il ciclo e per calmare il dolore solitamente prendo Enantyum, posso prenderlo se assumo Elopram e Minias nella stessa giornata o rischio qualche brutto effetto collaterale? Sul bugiardino c'è scritto di evitare l'assunzione "se sta assumendo altri farmaci che aumentano il rischio di ulcera peptica o di sanguinamento, ad esempiosteroidi orali, alcuni antidepressivi (quelli di tipo SSRI, ad esempio gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina)", ma vorrei capire a cosa vado effettivamente incontro. Grazie mille.

[#16] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

la somministrazione delle due molecole, antidolorifico e SSRI, potrebbe aumentare il rischio di sanguinamento, questo però di solito non accade con un'assunzione una tantum ma capisce bene che da questa postazione devo dirLe di evitare.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#17] dopo  
Utente 489XXX

Buonasera Dottori,
eccomi di nuovo. Per i miei disturbi di ansia e insonnia in seguito alla visita psichiatrica sto assumendo Minias prima di dormire ed Elopram. Al momento sono alla dose massima di 15 gocce di Elopram da poco meno di una settimana, sono partita il 20 aprile da 2 gocce salendo di una al giorno fino a stabilizzarmi alla dose massima.
La situazione sonno è lievemente migliorata, anche se a volte non riesco ad addormentarmi neanche col Minias.
In questi giorni però ho la sensazione di avere un bolo in gola, eruttazioni continue e tremori come scariche elettriche in fondo alla schiena, è possibile che siano sintomi dell'ansia e che debba assumere Elopram per più tempo per avere benefici? Ho fatto una visita neurologica pochi giorni fa e non sono stati riscontrati problemi, anche le analisi del sangue sono perfette. Grazie mille!

[#18] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

è possibile che i sintomi descritti siano di origine psicosomatica, e ancora è prematuro vedere benefici significativi dalla terapia in atto.
Ottima notizia l'esito negativo della visita neurologica, sinceramente me lo aspettavo.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#19] dopo  
Utente 489XXX

Grazie Dottore,
anche io sono rimasta molto sollevata per l'esito della visita. Grazie per l'ennesima risposta e la pazienza, la sua voce "amica" ma professionale mi è stata molto di conforto in queste settimane.
Un saluto e buon lavoro,
Silvia

[#20] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Grazie a Lei della fiducia.

Buonanotte
Dr. Antonio Ferraloro

[#21] dopo  
Utente 489XXX

Gentile Dott. Ferraloro, eccomi di nuovo a disturbarla.
Da 15 giorni assumo Elopram a pieno dosaggio prescritto (15 gocce), affiancato a Minias per addormentarmi. Il mio psichiatra purtroppo è stato un po' "vago" su come scalare il Minias, quindi ho erroneamente fatto di testa mia e nel giro di un mese, di settimana in settimana, sono passata da 20 gocce a 15, poi a 10 e infine a 5. La scorsa notte il tentativo con 5 gocce di Minias è stato fallimentare: impossibilità ad addormentarmi, conseguente ansia e notte in bianco.
Può essere dovuto al fatto che Elopram, forse, non ha ancora raggiunto la sua piena efficacia e quindi continuo ad avere ansia di fondo anche se effettivamente durante la giornata sto meglio (umore migliorato, ritrovato appetito)?
Al telefono lo psichiatra mi ha consigliato di riprendere ad assumere un quantitativo maggiore di Minias fino alla visita di controllo che sarà a metà giugno, ma per allora lo avrò assunto per due mesi e sono un po' spaventata per i possibili effetti collaterali.
Che cosa ne pensa? Grazie mille come sempre e buon weekend!

[#22] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

15 giorni di elopram sono ancora insufficienti per vedere benefici significativi, anzi il miglioramento dell'umore ed il ritrovato appetito sono segni ampiamente positivi e tutto sommato manifestatisi prima delle classiche 3-4 settimane.
Riguardo il minias, può seguire le indicazioni dello psichiatra senza nessuna preoccupazione per i possibili effetti collaterali.

Buon fine settimana anche a Lei
Dr. Antonio Ferraloro

[#23] dopo  
Utente 489XXX

Gentile Dottor Ferraloro,
sono passati mesi da quando l'ho disturbata l'ultima volta, e purtroppo sono di nuovo qui.
Non so se ricorderà il mio caso, in breve a causa di una forte insonnia dovuta all'ansia ho assunto per vari mesi Elopram e Minias, smettendo poi di assumere Minias quando il mio ciclo del sonno si è ristabilito.
Ho iniziato la terapia ad aprile e all'ultimo consulto con lo psichiatra (ottobre) avendo notato molti miglioramenti mi ha fatto scendere da 15 gocce di Elopram a 10, e tra qualche settimana avrò la visita di controllo.
Il problema è che ho fatto un danno e me ne pento moltissimo: convinta ingenuamente di stare meglio, ho provato a non prendere l'Elopram per un paio di giorni. Inutile dirle che è stato un disastro: sono ricomparse ansia e insonnia totali. Domani ovviamente tornerò a riassumere le 10 gocce di Elopram prefissate, ma adesso ho di nuovo il terrore di non riaddormentarmi come all'inizio della terapia.
Mi chiedevo: se così accadesse, posso assumere la dose minima di Minias per riuscire a dormire (una decina di gocce) o rischio di ricadere nel vortice? L'ultima volta sono riuscita a eliminarlo senza problemi, ma non vorrei correre rischi.
Ho fatto un danno irreparabile? Ho saltato solo due giorni di Elopram, ma mi sembra di aver azzerato tutti i progressi fatti in questi mesi.
La ringrazio di cuore per un'eventuale risposta.
Silvia

[#24] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Silvia,

se la riduzione di un farmaco deve essere graduale e guidata da un medico un motivo ci sarà.
Detto questo, il danno non è irreparabile, però è possibile che occorra del tempo per ritornare ai miglioramenti di prima.
Se l’assunzione della dose minima di minias è circoscritta solo al bisogno e per poche volte potrebbe farlo, considerato che l'assumeva precedentemente su prescrizione specialistica.
Non pensi però che non potrà dormire, già questo pensiero potrebbe indurre il problema.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#25] dopo  
Utente 489XXX

Gentile Dottore,
grazie per la veloce risposta.
Sono consapevole di aver fatto un bel danno, purtroppo da "profana" mi sono autoconvinta che non sarebbe stato un disastro, se non altro ho imparato a non rifare più queste stupidaggini.
Oggi ho assunto la mia dose raccomandata di Elopram, speriamo bene per la notte.
Buon fine settimana,
Silvia

[#26] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Buona fine settimana anche a Lei
Dr. Antonio Ferraloro