Utente 491XXX
salve,circa un mese fa ho avuto un forte attacco di panico e sono dovuto andare all'ospedale e i seguenti giorni sono stato malissimo,mi sentivo "perso" e molto agitato.per sapere cosa avevo,ero andato dal mio medico di fiducia e mi aveva prescritto la paroxetina da prendere per un mese e il tavorn in caso di attacco di panico.il punto e' che l'antidepressivo l'ho preso solo per una settimana mischiato al tavorn e sentendomi uguale a prima dopo quella settimana appunto,smisi subito di prenderlo...in questo ultimo mese sono stato malissimo con cambiamenti di umore continuo,in cui pensavo che non sarei mai uscito da quella situazione.questi ultimi due giorni mi sento meglio ma sono continuamente agitato e come se avessi il cervello dormiente...volevo sapere se dovevo prendere provvedimenti per l'interruzione dell'antidepressivo oppure semplicente aspettare?inoltre sto affrontado un percorso con uno psichiatra per capire la mia situazione...il problema e' che non capisco se tutto questo stato di agitazione e ansia si generato dalla ricaduta dell'antidepressivo o semplicemente dopo questo evento stressante che ho avuto sono entrato in depressione?puntualizzo che prima dell'attacco di panico ho avuto uno stravolgimento in quanto da circa un anno e mezzo stavo sempre a casa e non uscivo mai e dormivo con orari totalmente disordinati,mi svegliavo alle 3 di pomeriggio e andavo a dormire verso le 4 di notte.il giorno prima dell'attacco di panico mi ero svegliato alle 7 di sera e avevo delle cose da fare alle 8 del mattino quindi non dormii,appena si erano fatte le 8 avevo sonno e presi una caraffa di caffe intera e feci subito uno sforzo fisico estremo.dal giorno dell'attacco di panico fino ad ora dormo con orari regolari,dormo alle 10 di sera e mi sveglio alle 7 del mattino.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
20% attualità
16% socialità
VITERBO (VT)
TERNI (TR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Una caraffa di caffè può bastare a scatenare un attacco di panico.
Alle altre sue domande non è facile rispondere a distanza, Ma lei è seguito da uno psichiatra, lui che ne pensa?
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-

[#2] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Lo psichiatra ha stabilito di introdurre una terapia?


Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it