Utente 493XXX
Buongiorno, sin da ragazzo sono stato vittima di bullismo per la mia omosessualità, cosa che in Adolescenza ho sempre represso, mi sentivo un mostro. Ha 18 anni a seguito di un un brutto periodo di depressione ho consultato il primo psichiatra ma non avevo fiducia in lui e dopo qualche periodo ho smesso di andarci, a 24 anni a seguito di una dolora delusione d amore ho iniziato a stare male, pensieri ossessivi, panico ecc, recandomi da una psichiatra inizia un percorso psicoterapeutico e presi un ssri (zoloft), le cose andarono meglio. Ha anni circa 29 anni il medico di base mi disse di smettere di prendere lo zoloft, dopo qualche mese nuovamente l inferno, pensieri ossessivi, panico e ansia, così tornai dalla psichiatra che mi prescrisse lo zoloft e nuovamente tutti bene! Ora ho 34 anni, a seguito di eventi stressanti (lavoro, amore ecc) ho deciso di intraprendere un percorso con un altra psicoterapeuta, la quale ha voluto sospendere gradatamente lo zoloft perché stavo bene, dopo un mese l inferno é tornato e lei ha prescritto lo xanax, che mi intontisce ma sto male. Ora se io con la sertralina riuscivo a avere una vita equilibrata, gestire il tutto, perché sospendere? Se la dovessi prendere a vita perché mi aiuta qual è il problema? Se uno per andare in bicicletta ha bisogno delle rotelle, che male c'è? L importante non é cmq andarci? Grazie per l attenzione

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Deve porre la questione alla psicoterapeuta che ovviamente per sospendere il farmaco deve essere anche medico.

In ogni caso il farmaco non è come le rotelle per la bicicletta ma è un aiuto valido a tutto il corteo sintomatologico.


Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Utente 493XXX

Gent.mo Dott.re la ringrazio per la risposta, posto che la mia psicoterapeuta è in realtà una psichiatra, pertanto un medico, la mia domanda era un altra,mi viene sempre detto "lei è giovane e non può pensare di vivere con una pastiglia" e su questo io voglio lavorarci, ma se la sertralina mi fa stare bene, mi aiuta a gestire l'ansia e a razionalizzare le mie paure, l'eventuaità di penderla a vita è una cosa da escludere a priori o è fattibile?


Grazie