Utente 826XXX
Gentili dottori, quando avevo 16 anni mi è stato diagnosticato un disturbo ossessivo-compulsivo, depressione maggiore, dismorfofobia pre-psicosi, disturbo delirante. Le ossessioni erano incentrate principalmente su difetti o particolari corporei che non accettavo (principalmente la statura), su sbagli fatti nel passato o questioni che rendevano comunque bassa la mia autostima. Adesso a 29, prendo da anni diversi medicinali. Grazie a anni di supporto con terapia cognitivo-comportamentale presso uno dei più bravi specialisti (privato) della mia città (fior di quattrini sborsati) e forse grazie a una vita, anche sociale, più attiva e gratificante i sintomi della DOC e degli altri disturbi sono ridotti a zero. E per "a zero" intendo dire che sono sicuro di essere guarito: niente ossessioni e niente ricadute depressive. Nonostante questo la mia psichiatra non vuole convincersi che sono guarito del tutto. È dell'idea che al DOC non c'è cura alla radice ma che abbia alleviato solo i sintomi provvisoriamente. Non vuole togliermi la diagnosi e conseguentemente non posso rinunciare all'invalidità con pensione, cosa che ritengo ingiusta in quanto la vedo come avere un supporto dallo Stato di cui non voglio e NON DEVO avere bisogno. Stavo pensando di rivolgermi a un avvocato. Cosa ne pensate? Grazie

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
La malattia è da considerarsi cronica per cui la sua psichiatra ha ragione.

I trattamenti servono proprio a ridurre i sintomi.


Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it