Utente 357XXX
Salve a tutti, mi chiamo Barbara e ho 22 anni.
Mi ritrovo di nuovo a distanza di 3 anni, a chiedere ancora spiegazioni su quello che mi sta succedendo.
Ho forti sensazioni di irrealtà, vedo tutto in modo strano, vivo con la paura addosso, ho paura di essere pazza, di perdere la ragione perché percepisco l’ambiente (anche casa mia) come se fosse sconosciuto, come se lo vedessi per la prima volta, e stessa cosa mi succede con la mia famiglia soprattuto con i miei nonni visto che abito con loro.. li sento distanti, non capisco cosa mi sta succedendo. Sono proprio dissociata dal mondo esterno e dalle persone.. quando esco con gli amici la sensazione si abbassa però rimane comunque in sottofondo tanto da provocarmi ansia, attacchi di panico, mal di testa e nausea. Perché guardo le strade, i posti che frequento praticamente da anni e mi sembrano strani, come se li vedessi per la prima volta.. di conseguenza mi faccio prendere dal panico e mi rovino le serate e non riesco a svagarmi.
Anche quando mi guardo allo specchio non mi riconosco, mi sento stranissima e non so più dove sbattere la testa perche questa volta ho davvero paura di avere qualche cosa di grave dove più si va avanti, più peggiora..

Circa 2 mesi fa ho effettuato una risonanza magnetica perche avevo paura di avere qualche danno alla testa, fortunatamente è risultato tutto negativo a parte l’emicrania con aura.
Quindi a questo punto credo che il mio problema sia una cosa psicologica e basta.. ma il fatto è che non passa più! E mi sto spaventando veramente.
Da 6 mesi sono in cura da una psicologa, dove piano piano mi sta aiutando e tempo fa mi consigliò di effettuare una visita dallo psichiatra perché mi vedeva molto agitata e spaventata, voleva tranquillizzarmi mandandomi da lui per escludere ogni tipo di patologia..
La visita andò bene, come diagnosi mi disse che avevo un disturbo d’ansia con attacchi di panico grave e con momenti di derealizzazione
Mi prescrisse un farmaco che si chiama “Escitalopram” e mi disse che mi avrebbe potuto aiutare che essendo un inibitore, avrebbe alzato i livelli di serotonina. Ovviamente mi disse anche che la scelta spettava a me se prenderlo o no.

Adesso è passato piu di 1 mese e io ancora non ho assunto il farmaco perché sono spaventata, ho paura, volevo chiedere a voi esperti se potrebbe davvero aiutarmi a farmi passare queste sensazioni o se magari mi fa stare peggio e avere effetti collaterali o se addirittura mi possa creare dipendenza.. non so cosa fare, spero che qualcuno di voi mi possa dare qualche consiglio o spiegarmi cosa possono essere queste orrende sensazioni. È normale che non riconosco più la mia famiglia? L’ambiente? Che ho paura anche di guidare da sola, mi agito anche solo se devo andare a cena fuori.. ma che vita è questa a 22 anni? Sto davvero male
ho davvero paura di impazzire.
Scusate per questo sfogo, spero di ricevere almeno una risposta.
Grazie in anticipo.

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Deve decidere se assumere la terapia prescritta senza continuare a farsi domande.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Utente 357XXX

Grazie per la risposta dottore, ma quindi secondo lei il famarco mi potrà aiutare? È un farmaco valido?
La mia paura è solo quella di peggiorare.