Utente 367XXX
Gentili dottori, sono un ragazzo di 24 anni. Premetto di essere sempre stato un ragazzo molto allegro, ho avuto un’infanzia felice ed ho sempre avuto un buon rapporto con la mia famiglia. Fino ai 21 anni ho vissuto una vita invidiabile, in buona salute, contornato da amici ed avevo una ragazza, tutto perfetto insomma. Sono sempre stato tendenzialmente ansioso ma questo mio aspetto non aveva mai influenzato negativamente la mia vita. Dopo le scuole superiori ho iniziato l’università e qualcosa è scattato.. Ho iniziato a controllare qualsiasi cosa mangiassi, leggevo gli ingredienti di qualsiasi alimento, cercavo benefici su internet e senza rendermene conto ero diventato scheletrico. Nonostante ciò continuavo a studiare. Tutto è crollato a ridosso di un viaggio: mi sarei dovuto recare dopo qualche giorno in viaggio a Berlino per una settimana. Atterrato a Berlino la crisi. Ho passato una settimana in uno stato di continuo panico e disperazione, non vedevo l’ora di tornare. Tornato a casa speravo che tutto sarebbe finito, ma è stato l’inizio di un incubo. Sono entrato in depressione, non studiavo più, stavo male ogni istante, non vivevo più. Ero in uno stato di continuo panico, mi sembrava di essere impazzito, mi ero allontanato da tutti, non uscivo, avevo paura di tutto, dei miei pensieri e ho letteralmente angosciato i miei genitori, che impotenti non sapevano come aiutarmi. Avevo capito di essere gay, ma anche aprendomi e parlando la mia situazione non migliorava. Non so bene come, ho ripreso peso e dopo un anno e mezzo di inferno, ne sono uscito.. ho finito l’università, mi sono messo col mio attuale ragazzo, ho trovato lavoro e ho passato un anno e mezzo meraviglioso. Pensavo di aver lasciato quell’incubo alle spalle per sempre ma due mesi fa è riniziato tutto. Ho iniziato a stare malissimo, ad entrare in questo stato di panico costante di punto in bianco. Sto continuando a lavorare, ma non riesco a stare con nessuno, ogni istante mi sembra insormontabile, vado a letto la sera col panico di dovermi svegliare il giorno dopo. Ho paura di essere bipolare o schizofrenico o ossessivo compulsivo o di aver subito un trauma perchè in questo stato mi sento completamente un’altra persona, è inspiegabile.. mi sento la testa in un altro mondo e tremo costantemente, non riesco a stare con la mia mente, a prendere decisioni, non sono più sicuro di niente, neanche di chi sono.. cambia anche la percezione del mio passato..ogni secondo é talmente doloroso che vado avanti rassicurandomi che ‘se proprio continuo a stare così vado in ospedale’. Ho paura di finire internato (a volte quasi lo spero) che non avrò mai una vita normale o che la farò finita perchè questa non è vita. È come se tutto potesse essere bello o normale ma ci fosse un mostro che me lo impedisce. Mi sento pazzo, ho crolli nervosi tutto il giorno e qualsiasi cosa io faccia, lo stato non se ne va. Cerco ossessivamente su internet cosa sia, come se avessi bisogno di costanti rassicurazioni.

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Ha già fatto una visita psichiatrica?

Dopo più di un anno sarebbe auspicabile


Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it