Utente cancellato
salve a tutti e buongiorno oggi vi farò una sola domanda su che cosa si intende per intrusione nel disturbo ossessivo compulsivo (premetto che non ho il doc) . Leggendo su internet intrusione vuol dire che dei pensieri “irrompano da soli” o che sono indipendenti dal flusso di pensieri che li precede , però se irrompono da soli come si fa a saperlo? Cioè la mente che l'ha pensato è tua e questo pensiero viene dalla tua mente quindi l'hai pensato tu è come se per esempio io penso a un avvenimento brutto (che mi può causare anche disagio oppure posso non provare alcun disagio) cioè qualitativamente parlando io (sano) e una persona con doc pensiamo tutte 2 a una cosa brutta che può causare potenzialmente ansia o disagio ,ma allora dove è la differenza, lasciando perdere la frequenza di questi pensieri come discriminanti? (premetto che io non ho mai provato un pensiero intrusivo io ho sempre pensato a ciò che voglio e forse solo da bambino avevo qualche pensiero non voluto, ma è passato troppo tempo per ricordarlo) Allora quale è la differenza ( lasciando perdere il contenuto cioè per esempio io posso pensare al pensiero di poter aver investito qualcuno mentre guido e la stessa cosa chi ha il doc quindi spero che ho reso l'idea ) quali sono le discriminanti e volevo chiedervi un ultima precisazione sull'egodistonia io per esempio persona sana farei ben volentieri a meno di pensare alla morte ,ma la morte o qualunque altra cosa di catastrofico o ripugnante fa parte della vita e quindi anche non volendoci pensare prima o poi ci dovrò pensare anche per un minuto ,ma ci dovrò pensare a meno a che non me ne frega niente e sono così una persona limitata cioè certi argomenti vanno affrontati almeno per amor proprio vedete che questi pensieri non sono in armonia con me e dovrebbero essere egodistonici perchè non voglio morire però li penso anche se non voglio morire ,ma lo voglio pensare ,ora non pensate che il mio problema è che faccio pensieri tristi o poco felici perchè ciò l'ho detto solo per fare un esempio anche se ciò che ho detto accade un pò in tutte le persone normali per esempio una persona può dedicare un pò di tempo a pensieri spiacevoli e questo è egodistonico perchè nessuna persona sana di mente vuole soffrire allora quali sono i fattori discriminanti ,lasciando perdere la frequenza e il contenuto di questi pensieri sempre per quello che ho scritto prima, per dire che un pensiero è intrusivo o meno? spero di essere stato chiaro e vi auguro una buona giornata e vi ringrazio dell'attenzione

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Il servizio non si pone come un servizio con richieste di curiosità o generiche.

Pone sempre domande generiche facendo scarni riferimenti ad una sua condizione.

Se ritiene di avere una qualche patologia, un malessere che deve essere degno di attenzione può rivolgersi direttamente ad uno specialista in psichiatria dal vivo.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it