Utente 503XXX
Buonasera, scusate la stupidità della domanda, ma vorrei chiedere se secondo la vostra esperienza questo disturbo si può guarire o si può solo gestire. E se si gestisce bene si può fare una vita normale? Lo chiedo perchè di questo aspetto della personalità me ne ha parlato la psicologa da poco e documentandomi su internet mi sono sentita proprio scoraggiata.

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Innanzitutto va capito se è una diagnosi o una cosa tanto per dirne una.

Comunque i disturbi di personalità devono essere sempre gestiti anche con terapie farmacologiche.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Utente 503XXX

Certo, ha ragione. Non è una diagnosi, ma solo un aspetto della personalità di cui mi ha parlato psicologa per il fatto che ho avuto una brutta infanzia, molta paura dell'abbandono, rabbia repressa, idee di suicidio, autolesionismo, ecc ma non sono plateale, cerco cose che non si vedono perchè mi vergogno e non voglio dare problemi alla mia famiglia. Ne parlo solo con la psicologa, non è che ricatto tutti con il suicidio, non mi taglio, lavoro, pulisco casa ecc Ho già una diagnosi di un altro disturbo di personalità (evitante) quindi sto chiusa in casa. Sono trattata farmacologicamente e lo sono sempre stata, da quando ero ragazzina, per bulimia, infatti sto meglio, ma niente di paragonabile alla normalità. Grazie comunque per la risposta!