Utente cancellato
Salve

Attualmente assumo Quetiapina 50 mg rilascio prolungato per una diagnosi di disturbo borderline di personalità.

Inizialmente mi era stato prescritta Quetiapina a rilascio immediato 25 mg la mattina e 25 mg la sera.
Però circa dopo un paio d'ore dell'assunzione avvertivo una fastidiosssima tachicardia anche a riposo. Specifico che prima di prendere il farmaco non avevo tachicardia.

Il mio curante ha optato per la formulazione a rilascio prolungato e magicamente non ho più la tachicardia.

In questa sede non chiedo un parere sulla terapia e dosaggi perché ho piena fiducia del mio curante.

Più che altro vorrei un parere tecnico, anzi ero indeciso se postare questa discussione in farmacologia.


Vorrei sapere come mai la Quetiapina a rilascio prolungato non mi da tachicardia al contrario del rilascio immediato pur essendo la stessa identica molecola.


Grazie in anticipo a chi mi risponderà.

Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Per due motivi, e cioè
- essendo il rilascio graduale, gli effetti possono non essere così marcati subito dopo l'assunzione, ma "diluiti" nel corso delle 24 ore
- il metabolismo della formualazione a rilascio graduale è diverso, poiché si produce un prodotto (no-r-quetiapina) che ha un'azione in qualche modo di contrasto di alcuni effetti, tipo quello sedativo e anche questo
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
503116

dal 2018
Gentile Dottor Pacini,

È stato chiarissimo.

Grazie

Cordiali saluti.