Utente 434XXX
Soffro di depressione. Da 2 mesi sto assumendo Entact 20 purtroppo però con scarsi risultati. Il mio curante ha deciso di passare a Efexor 75 aggiungendolo all'Entact per non lasciarmi "scoperto" prima che l'Efexor faccia effetto per poi scalarlo fino alla completa eliminazione. Inoltre mi ha prescritto 10 iniezioni di Samyr 400. Quello che vorrei sapere è se abbinando Entact 20, Efexor 75 e Samyr non ci possa essere il rischio di una sindrome serotoninergica. Grazie

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

In che senso "possa esserci il rischio" ? Il suo medico secondo Lei non è in grado di valutare questo rischio generico ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 434XXX

Egregio Dottore

Se un utente all'interno di questo sito pone una domanda credo che sia quasi sempre la richiesta di un secondo parere, non crede ? Grazie.

[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Questo, egregio utente, mi pare ovvio.

Ma, come forse non sa, molte domande sono secondi pareri di tipo ansioso, ossessivo, ipocondriaco, e non è detto che ad ogni secondo (o ennesimo) parere su una questione x debba seguire una risposta letterale, che da una parte alimenta eventuali ansie ipocondriache, dall'altra mina il rapporto di fiducia col medico.

Ora, o c'è una ragione per cui uno riceve una prescrizione e si pone i dubbio che il medico compia degli strafalcioni o esponga a rischi inauditi senza rendersi conto...oppure funziona così, che uno riceve una prescrizione, poi va a leggersi un paio di cose, e rimane colpito quasi sempre da cose particolari ma gravi, e si chiede se non vi sia il rischio.

La domanda in questione, presa alla lettera, non può che avere un'unica risposta, che uno sapeva già: sì. Altrimenti che lo scrivono a fare ? Poi, il fatto che uno faccia le cose esistendo per qualsiasi cosa il rischio di qualcosa, è invece una posizione operativa, che spesso si fonda su un rapporto di ruolo, tipo medico-paziente, o insegnante-alunno, o idraulico-cliente.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it