Utente 142XXX
Salve...
Ho 39 anni e da un po' di tempo credo di soffrire d'ansia.
Tutto e' iniziato un anno fa qdo ad un funerale ho notato qualcosa che non andava in mio padre e dalle sucesive visite ed esami bbiamo scoperto una malattia in fase terminale che me lo ha portato via in 2 mesi....
Tutto l'iter diagnostico l'ho seguito io essendo infermiera e quindi ogni brutta notizia veniva data a me ed ogni volta era un forte colpo al cuore...
Non riuscivo a vedere mio padre star male e ho avuto delle crisi..
Incapacità di alzarmi dal letto malumore e paura continua.
Andata dal mio medico curante mi ha detto che soffrivo di crisi d'ansia depressiva.
Fatto cura con paroxetina. .
Da allora non vivo più.
Ho sospeso cura perché credevo di aver superato il tutto , ma tutt'oggi mi ritrovo a vivere con l'ansia...
Vivo con la paura delle malattie..
Ogni sintomo e' per me una "brutta" malattia e soprattutto ho il terrore di fare controlli perché penso sempre che qualcosa non va..
La cosa purtroppo non è solo su me stessa, ma su tutti quelli che mi circondano..
Ho due bimbe ed anche il semplice livido mi fa chiudere lo stomaco..
La mattina mi sveglio con la paura e con un nodo allo stomaco...
Ho più o meno riassunto il tutto anche se lo stato d'animo ormai e' alle pezze..
Cosa posso fare?

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

la diagnosi "crisi d'ansia depressiva." non è chiara, ma comunque la cura con paroxetina, non si è capito bene, aveva funzionato ? Quanto sarà durata ? E adesso che è di nuovo stato male, è tornato dal medico a chiedere una cura o no ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 142XXX

Si con la paroxetina sono stata meglio, infatti gestiva la cosa diversamente.. avrò fatto la cura per 3-4 mesi..
Ora non sono più tornata dal mio medico..
Anche perché e' molto che vivo questa situazione..

[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
La cura è durata pochissimo, giusto il tempo di vedere l'effetto di completarlo. Ovvio che togliendola si è ripresentato il tutto.

Torni dal suo medico e glielo faccia presente, la soluzione non mi pare per niente complicata.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 142XXX

Tempo fa per altri disturbi mi recai dalla mia dottoressa e le dissi che questo stato d'ansia non mi abbandonava soprattutto perché mi prescrive delle analisi da fare ed io stavo di nuovo male..
Lei mi disse che così non potevo vivere perché vivevo male io e chi mi stava intorno e se si ripresenta va un episodio come quello scorso dovevo fare un po' di psicoterapia. ...
Una domanda.. per quanto tempo si dovrebbe fare la cura con paroxetina??
E dopo il giusto periodo, alla sua sospenSion si dovrebbe star meglio???
Lei come definisce il mio stato????

[#5] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Dipende dalla prognosi del disturbo, e senza una diagnosi precisa non è che si possa fare una statistica. Però tre mesi per qualsiasi diagnosi sono poco.
La sospensione è sempre una "prova".
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 142XXX

Ha ragione. .. pensavo di stare meglio e non volevo "dipendere" da farmaci..
Forse e' stato un mio errore..

[#7] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Così facendo dipende dalla malattia, con le sue caratteristiche. Se andasse via subito, saremmo tutti più contenti, ma il ragionamento va fatto su quello che si conosce a proposito del decorso.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it