Utente 499XXX
buonasera! sono in cura dal lontano 2001 per disturbo bipolare,tanti i farmaci cambiati. terapia attuale: carbolithium 300,zonegran 25,strattera(per adhd) la mattina...carbolithium 300 e quietapina 50 la sera...succede che ad ottobre,dopo accertamenti vari,la bom diagnostica un linfoma marginale splenico.ho milza megalica,linfocitosi assoluta e globuli bianchi che oscillano. l' ematologo che mi ha in cura mi consiglia solo follow up,nessuna terapia,per quello inizialmente non ho ritenuto opportuno informare lo psichiatra( per eventuali interferenze tra terapie). adesso però non sentendomi molto bene(probabilmente la malattia onco ematologica ha influito),sono tornata a visita. il medico mi ha scalato il carbolithium( debbo prenderlo solo la sera),e non sò se in seguito vorrà eliminarlo completamente.mi ha detto che questo farmaco"interferisce" sui globuli bianchi,che è bene procedere così. non ho capito in che modo però.per controlli dovrò fare l' emocromo ogni 3 mesi,e nel bugiardino ho letto che eventualmente può dare severa leucopenia(mai successo). dunque fino ad oggi il farmaco mi ha tenuto"bassi" i valori? il mio timore è di stare male senza il farmaco,l' ultima litiemia era a 0,59...come medici competenti siete d' accordo che il carbolithium non è compatibile con la patologia ematologica? attendo riscontro e ringrazio sin da ora.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
20% attualità
16% socialità
VITERBO (VT)
TERNI (TR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
La "severa leucopenia" di cui lei ha letto sul foglietto illustrativo del Carbolithium è un evento eccezionale. Invece è quasi la regola che questo farmaco induca una leucocitosi, cioè un aumento dei globuli bianchi (mai oltre i 10.000).
A mio avviso dovrebbe essere l'ematologo a stabilire se il litio possa o no interferire sulla sua patologia.
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-

[#2] dopo  
Utente 499XXX

dott Carbonetti,la ringrazio anzitutto della celere risposta. effettivamente lo psichiatra che mi cura si è meravigliato che l' ematologo non abbia detto alcunché,ad ogni modo mi ha scalato una pasticca. sinceramente ho sempre avuto un buon emocromo,da che mi hanno diagnosticato il linfoma hanno "sforato il limite"una volta.il problema è la linfocitosi assoluta,compatibile con questa nuova patologia.vedremo nei prossimi controlli.spero che a questo punto mi venga inserito nuovamente,o che ci sia un farmaco simile che non influisca nella leucocitosi.