Utente 508XXX
Buongiorno, chiedo a voi un consulto perché temo il giudizio del mio psichiatra e del mio psicologo e mi vergogno molto del mio problema. Sono una donna di 50 anni cui è stato diagnosticato un disturbo schizoaffettivo di tipo depressivo, fobia sociale e dismorfofobia. Nonostante questo sono riuscita a laurearsi con lode e a vincere due concorsi pubblici. Attualmente svolgo un lavoro che detesto e che non mi dà alcuna gratificazione, anche se tutti dicono che è un bel lavoro. Sono sempre di umore molto depresso,,anche se per non spiacere agli altri ho imparato a nasconderlo e a fingere di essere sempre di buon umore. Sono in menopausa da due anni ma fino a qualche mese fa non mi importava, perché dall'età di 36 anni avevo perso ogni interesse per il sesso opposto. Questo fino a che ho tentato il suicidio. Dopo un ricovero mi hanno cambiato farmaci. Da allora provo una vergognosissima attrazione fisica per un mio collega, coetaneo, che la mia parte razionale giudica un po' stupido, anche se laureato. Credo che lui non solo mi rifiuti, ma che abbia cominciato ad odiarmi, perché deve avere letto nel mio pensiero il mio desiderio per lui.. Questa faccenda mi fa soffrire molto, continuo a piangere di nascosto e mi sento inadeguata e rifiutata dal mondo e dalla vita. Chiedo se non ci sia un farmaco che azzerò ogni libido, ma anche ogni desiderio di affetto e di essere amata da un uomo. Le donne come me non dovrebbero sopravvivere dopo la menopausa. Vorrei che l'eutanasia fosse legale.
Vi ringrazio per la vostra pazienza.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
20% attualità
16% socialità
VITERBO (VT)
TERNI (TR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Non vedo il motivo per cui lei qualifica la sua attrazione come "vergognosissima". Non abbia remore, ne parli con il suo psichiatra che la rassicurerà.
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-

[#2] dopo  
Utente 508XXX

Grazie dottore per la sua risposta. Siccome il desiderio sessuale che provo non è normale per una donna della mia età, in menopausa e che assume psicofarmaci che come è noto dovrebbero deprimere la libido, e poiché non trovo gratificazione dal momento che le donne dopo i 50 anni perdono ogni attrattivita per gli uomini, e di tutto ciò provo una grande sofferenza psichica, chiedo se non potessi ritornare come quando non provavo alcun interesse per il sesso e per gli uomini, con l'aiuto di qualche farmaco, tipo la castrazione chimica. Non mi ero sposata per scelta e non voglio essere considerata come una tardona o zitellona o una vecchia ninfomane

Grazie ancora

[#3] dopo  
Utente 508XXX

Gentili dottori, ringrazio innanzitutto il dr. Carbonetti per la sua autorevole risposta. Vi prego di non tener conto della mia seconda replica rendendosmi conto di avere sragionato e detto cose stupide e oscene. Spero solo che lo staff non mi cancelli, perché in futuro potrei avere ancora bisogno dei vostri consulti per problemi più seri. Chiedo ancora scusa per avervi importunato con quesiti di nessuna importanza psichiatrica.

[#4] dopo  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
20% attualità
16% socialità
VITERBO (VT)
TERNI (TR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Non ha né sragionato, né scritto cose oscene. Sembra che lei abbia la tendenza ad auto-accusarsi. Esistono molti farmaci che,come effetto collaterale, riducono o azzerano la libido come lei vorrebbe. Ma non sarò io a consigliarglieli, perchè nessuno ha mai detto o scritto che conservare la spinta sessuale a 50 anni sia sbagliato o patologico. Ribadisco che deve parlarne con il suo psichiatra o con uno psicologo.
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-

[#5] dopo  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Gentile utente,

in qualità di Sessuologa clinica Le chiedo:
perchè vergognarsi se è riafiorata una pulsione più che naturale?
Fortunatamente è terminata (forse) la fase storica in cui si riteneva che nel post-menopausa finisse anche la sessualità.

Vorrei strapparle un sorriso lieve nel vederLa leggere questo articolo, che, a parte i rischi non secondari per la salute,
evoca dei/delle post-cinquantenni ancora "vivaci":
https://www.medicitalia.it/news/psicologia/4743-50-sfumature-e-infezioni-sessuali-a-50-anni-boom-preoccupante.html .
E se le capita veda il film "Settimo cielo", over 65...

Saluti cordiali.
Dott. Brunialti
Dr. Carla Maria  BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata in Sessuologia Clinica, Psicologa europea.
www.webalice.it/centrodipsicologia

[#6] dopo  
Utente 508XXX

Gentilissima dottoressa Brunialti, la ringrazio moltissimo per il suo insperato e gradito intervento, che sicuramente voleva ridare fiducia alle donne in menopausa e fare sorridere un po'; però ho letto l'articolo, e a prescindere dalle malattie trasmissibili, ho provato solamente disgusto e profonda tristezza. Sono veramente dispiaciuta, ma per me il sesso per una donna over 50 è tabu. Non così per l'uomo over 50, ma con donne più giovani.

[#7] dopo  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Gentile utente,

Le proprie percezioni,
i significati che la persona attribuisce alle esperienze
- sessuali in questo caso -
sono frutto di una storia personale che affonda le radici:
nella famiglia d'origine,
nelle esperienze adolescenziali,
nei tabù sociali interiorizzati purtroppo,
nella rielaborazione personale
ed altro.

E dunque per uno o più di questi motivi, afferma che per Lei
"..il sesso per una donna over 50 è tabu. Non così per l'uomo over 50, ma con donne più giovani..".
Ora contestualizzo più a fondo il motivo del Suo consulto.

Cari saluti.
Dott. Brunialti
Dr. Carla Maria  BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata in Sessuologia Clinica, Psicologa europea.
www.webalice.it/centrodipsicologia