Utente 522XXX
Salve Dott.
Circa 2 anni fa mentre ero allo stadio, lo scoppio di un petardo esploso a circa 1 metro da me, mi ha causato un distacco di retina, con conseguente intervento d’urgenza.
Qui sorge il problema.
Dal giorno infatti quando vado a vedere la partita della mia squadra del cuore, sempre in quello stadio e in quella curva, non riesco più a stare tranquillo, non mi godo più la partita perchè appunto ho paura che il problema possa ricapitare, visto che lo scoppiare petardi è un’abitudine ormai.
Oltre a questi problemi inoltre, prima della partita e dopo i gol (perchè è probabile che vengano esplose bombe e petardi), sento come una voglia di scappare, mi manca il fiato in certe occasioni e inoltre mi sento le gambe leggere, il tutto ho pensato che sia causato dagli attacchi di panico, anche se non li ho mai avuti in altre circostanze.
Un altro problema è che anche di notte mi capita di fare incubi in cui mi trovo vicino a bombe e petardi, e mi ritrovo ad essere terrorizzato dai boati causati da questi, infatti certe notti questi incubi mi fanno svegliare di sobbalzo.
Il mio problema principale è che per me la mia squadra è tutto, per cui soffro il fatto di non poter più andare in curva e stare tranquillo come prima che succedesse il tutto.
Oltretutto alcune volte l’ansia mi si presenta anche i giorni prima della partita, per cui ultimante sto andando poco allo stadio, ma questo incide sul mio umore perchè appunto non riesco a stare senza stadio.
Come posso risolvere?non chiedo tanto, solo di riuscire a vedermi le partite in curva senza tutte quelle paranoie e senza tutti questi problemi, che influiscono sul mio morale, che da 2 anni a questa parte, ovvero dal giorno dell’intervento subito all’occhio, non è più quello di prima.

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Nicolazzo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

L'episodio potrebbe aver causato qualcosa di simile ad un disturbo post traumatico, nei casi come il suo una terapia che si chiama EMDR, eseguita presso un professionista esperto, potrebbe esserle di concreto aiuto,

Saluti
Dr G. Nicolazzo
Specialista in Psichiatria
Psicoterapeuta