Utente cancellato
Buongiorno. È da un paio d’anni che mi pongo domande sulla mia salute mentale perché mi preoccupa e non poco.
Ho provato a parlare con i miei genitori, ma dicono che è solo un periodo e passerà...
Un periodo che dura da troppo secondo me.
La mia vita è una alternarsi di periodi accettabili in cui sono piena di speranza e ho voglia di fare un sacco di cose a periodi di tristezza in cui mi chiudo nella mia stanza al buio sperando di morire. Dai 12 ai 15 anni ho passato dei momenti brutti. Il passaggio dall’infanzia all’adolescenza mi segnata parecchio e ricordo quegli anni come i più brutti. Non mi accettavo e cercavo continuamente di farmi del male. Poi ho deciso do smettere e di accettarmi per quello che sono, ma la verità è che ho soffocato la vera me dando vita ad uno dei miei alter ego, una nuova me che davanti agli altri si voleva bene. Per anni sono stata una persona diversa con le persone che mi giravano attorno. A 17 anni mi sono detta di nuovo che era ora di cambiare, volevo divetare più dolce, più come le mie coetanee, ma anche qui ho dato vita ad un’altra parte di me, ad una persona che non sono io.
Non sono me stessa da anni con le persone che conosco, loro pensano di conoscermi, ma io so che nessuno sa chi sono perché credo di non saperlo nemmeno io. In passato ho vissuto momenti di cui mi vergogno, momenti in cui non ero per niente in me, in cui non ero lucida, tornata ad esserlo ricordo di aver avuto paura di me stessa.
Durante l’ultimo anno di liceo ricordo un’ora in particolare, era l’ora di arte, io amavo quella materia, ma non riuscivo a stare attenta perché i miei alter ego litigavano continuamente. Uscita dalla classe non riuscivo a respirare, non riuscivo a capire nulla.

Da due mesetti circa sono chiusa nella mia stanza, non ho voglia di uscire, di camminare... non ho voglia di fare nulla.
Passo un giorno si e uno no pensando alla morte e un giorno si e uno no pensando a quanto sarà bella la mia vita tra un paio d’anni. Mi sto confondendo da sola.
Mia madre non fa altro che urlarmi addosso perché non faccio nulla, dice che sono solo in cerca di attenzioni, che faccio questo da troppo, ma la verità è che io non chiedo nulla a nessuno. Voglio solo stare nella mia stanza al buio e in silenzio. Non mi interessa fare amicizia o cose del genere.

Qualche giorno fa mi sono fatta un taglietto sul braccio, non mi capitava da quattro anni. Ero così fiera di me... fierissima. Ma poi mi son detta che tanto non frega a nessuno se mi faccio o no del male no?

Non so cosa mi stia succedendo. La mia situazione necessita di una visita fisica approfondita o dovrei solo uscire di più e impegnare la mia mente?
Grazie mille e scusate il papiro.

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Deve effettuare una visita psichiatricamente al più presto per una valutazione specifica.


Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
https://wa.me/3908251881139