Utente 530XXX
Salve a tutti,
Sto passando un periodo particolare della mia vita perché sto vivendo una relazione (o meglio, una fine di relazione) con una persona Bipolare di tipo I.
So queste cose nello specifico perché è stata diagnosticata già in pre-adolescenza questa patologia a questa persona, che attualmente è in cura.
Premetto che siamo stati insieme per un anno e in questo anno questa persona ha cercato di allontanarsi da me più volte, sostenendo di non saper avere una relazione e di essere fatta per stare sola.
Ovviamente tutti tentativi che andavano bellamente bruciati in quanto neanche 12 ore dopo, la persona in questione si rendeva conto che senza di me non riusciva a stare, ma perché ci amavamo davvero tanto, era un continuo bruciare d'amore per entrambi e passavamo molto tempo insieme o in chiamate al telefono.
Diceva di dover andare via, ma non voleva mai farlo e non riusciva a farlo.
Un giorno successe che lo fece davvero, dicendomi che stava passando un brutto periodo in cui non riusciva ad avere una relazione perché si sentiva instabile, voleva stare sola e non poteva più darmi ciò che mi dava prima.
Continuiamo a vederci.
Ho visto questa persona in una fase depressiva, spenta, apatica.
ma nonostante ciò:
Nulla cambia, baci, amore, sguardi, complicità e rapporti fisici. Ma non si poteva stare insieme.
Più tardi inizia a comparire la figura di una terza persona che inizia a parlare con questa mia ex, si scambiano visioni del mondo e parlano del loro essere (anche questa terza persona con molte cose in comune soprattutto dal punto di vista medico)
ma questa persona è in un altro paese.
Questa mia ex inizia a provare interesse per questa persona nonostante sa che non può crearsi nulla perché è lontana e diciamo che non contraccambia. Ma in questo momento proprio questa persona le da ciò che lei non vuole, una relazione, responsabilità verso una persona e anche comprensione dal punto di vista mentale.
Fin qui? ci siamo, che domande dovrei farmi, sembra tutto chiaro, ha la testa verso questa persona, dovrei mettermi l'amima in pace. Se non fosse che nonostante io abbia provato ad allontanarmi da questa persona lei continui a cercarmi dicendo che le manco e che si sente persa senza di me. Sono due mesi che andiamo avanti così e ogni volta che ci vediamo lei non resiste dal baciarmi, prendemi la mano, guardarmi con occhi d'amore, puncicarmi. Questa persona è totalmente consapevole di tutto, è lucida in ogni azione che compie, sa che non dovremo baciarci, ma lo fa e dice "anche se non dovremmo..".
Dice che vorrebbe avermi nella sua vita lo stesso, non come amici (Sarà perché non riusciamo a passare più di 2 ore senza baciarci, coccolarci e prenderci la mano,forse?) e anche perché mi ha detto che sarebbe gelosa di sapermi magari che mi frequento con un'altra.
Non so come mi vorrebbe, perché ripeto che MI BACIA, MI GUARDA CON GLI OCCHIONI D'AMORE, MI STRINGE, MI CERCA.
Perché? se non prova più amore, come dice
se con me non vuole stare, come dice.

[#1]  
Dr.ssa Flavia Massaro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
MARIANO COMENSE (CO)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Gentile Signora,

una persona che soffre di Disturbo Bipolare è per definizione instabile e contraddittoria, perchè le sue affermazioni e i suoi sentimenti seguono l'andamento dell'umore e i suoi alti e bassi.

Penso che potrebbe esserle utile confrontarsi con chi si occupa specificamente di fornire supporto alle persone vicine ai malati di questo tipo di Disturbo, come l'Associazione Minerva.
A questo link potrà trovare i contatti ai quali rivolgersi: http://www.associazioneminerva.net/disturbo-bipolare/

Un caro saluto,
Dr.ssa Flavia Massaro, psicologa a Milano e Mariano C.se
www.serviziodipsicologia.it