Utente 552XXX
Salve, é circa tre anni che soffro di un disturbo particolare,ho delle canzoni in testa per tutto il giorno e non riesco a controllarle. Non sono delle allucinazioni ma è il mio pensiero che ripete la stessa musica in maniera ossessiva senza che io possa controllarlo anzi e talmente invasivo che non riesco molte volte a concentrarmi.La maggior parte dei giorni mi incomincia dopo che mi sveglio altri giorni è già presente nel dormiveglia prima di svegliarmi. Le musiche sn variegate e alcune volte non conosco neanche le parole di quello che il mio
pensiero ripete probabilmente le ascolto durante il giorno.per radio e mi rimangono in testa.
Il sintomo mi è incominciato dopo un periodo molto stressante al lavoro(ho una pizzeria stagionale sul lungomare) a fine stagione ho incominciato ad avere forti attacchi di panico con una parestesia nella parte sinistra del viso e della mano. Dopo qualche mese nei quali gli attacchi si sono andati a calmare hanno incominciato a venirmi questi loop musicale sempre più frequenti.
Adesso sono una vera ossessione ne soffro h 24, durante la giornata in alcuni momenti scompaiono mentre sono concentrato a leggere oppure in una conversazione, oppure mentre pratico dello sport, ma non è sempre uguale delle volte persistono.
Ho fatto tutti gli esami cardiaci e neurologici (elettrocardiogramma,sotto sforzo,tac e risonanza alla testa,elettroencefalogramma, olter al cuore) fortunatamente sono andati tutti bene mi sono rivolto a 4 neurologi sia nella mia città (Pesaro) che a Bologna, tutti mi hanno consigliato di rivolgermi a degli psichiatri,così ho fatto mi sono rivolto a tre psichiatri diversi i quali mi hanno diagnosticato un disturbo da stress curandomi con varie terapie. Non abbiamo risolto niente. Adesso seguo una terapia con Rivotril la sera 5 gocce e alla mattina prendo wellbutrin 300 mg.
Tutti i dottori che ho interpellato non hanno mai avuto un caso come il mio,perciò vanno a tentativi e io porto questa croce da quasi tre anni. La mia domanda è se esistono dei centri che curano la mia patologia, o se si conoscono dei casi simili per potermi confrontare.

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
"un disturbo da stress " però non è una diagnosi. Casi come il suo sono descritti, non saranno frequenti, ma non vedo niente di così nuovo.
Descritto così parrebbe una forma di tipo ossessivo, non so se questa è stata la diagnosi effettiva ricevuta.
Non vedo un nesso con il wellbutrin. Le altre terapie quali sono state ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 552XXX

Il primo farmaco che mi hanno prescritto è stato il risperdal , preso per 5 mesi.
Ho cambiato dottore visto che non abbiamo avuto risultati.
Il secondo psichiatra ha provato con seroquel da 300 e trilafon alla mattina.
Il seroquel era troppo forte non riuscivo a svegliarmi per andare al lavoro perciò mi ha abbassato il dosaggio a 100. Nel frattempo facevo della terapia con uno psicologo una volta a settimana. Questo per più di un anno. Stufo degli scarsi risultati e infastidito dalle medicine ho smesso per un periodo sia la terapia farmaceutica che le sedute settimanali. Comunque tutti e due i dottori mi hanno detto che il sintomo era venuto per problemi di ansia. Mi sono rivolto al mio dottore di base l' unico che mi ha detto di aver visto casi simile al mio e mi ha prescritto il rivotril.Da qualche mese sono in terapia da un terzo psichiatra che mi ha prescritto insieme al rivotril che già assumevo il wellbutrin prima da 150 per poi aumentarmelo a 300. È stato l 'unico che mi ha accennato anche alla supposizione della epilessia perché i loop musicali come i miei possono essere causati da crisi epilettiche. Nella mia vita non ho mai sofferto di epilessia e di covulsioni.Adesso stiamo provando con questi farmaci per curare l' ansia causa scatenante del mio disturbo secondo lui. Io non sto trovando giovamento anzi il sintomo e molto persistente e mi rende difficile svolgere la mia quotidianità sia lavorativa che sociale.
Ho cambiato stile di vita i ritmi di lavoro sono molto più sostenibili e meno stressanti e cerco di prendermi tempo libero per non sovraccaricarmi di stress. Nessun dottore mi ha diagnosticato un disturbo ossessivo fino adesso. Secondo lei come mi devo muovere ha dei consigli da darmi?

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Le terapie sono in effetti contraddittorie. Nel senso che i primi sono antipsicotici, non assurdi certamente ma adatti a quando ci sono allucinazioni, queste che riferisce sono contenuti sonori provenienti dall'interno e intrusivi, indesiderati a cui Lei stesso non attribuisce nessun significato se non quello di una interferenza che non riesce a bloccare. Il terzo farmaco ha un meccanismo praticamente opposto ai primi due, e sarebbe indicato nella depressione.

Io consiglierei di rivedere meglio la diagnosi, specialmente se non è stata fatta, con uno psichiatra.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 552XXX

La diagnosi mi è stata fatta da uno psichiatra, lei ha avuto dei casi simili al mio? Cosa gli ha diagnosticato? Di che disturbo potrei soffrire? Perché questo vivere nell'incertezza è logorante, già sapere che non sono un caso isolato sarebbe un passo avanti.

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Simili in termini di presentazione, sì. E anche non ne avessi avuti, si tratta di un tipo di disturbo descritto in letteratura e nei manuali. Dopo di che, mi pare inutile discutere in termini ipotetici, dico che la diagnosi andrebbe esplicitata al momento della visita e prescrizione, anche per far sì che sia chiaro al paziente che tipo di opzioni si stanno provando.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it