Sospensione cipralex

Salve, come potete leggere in mie due recenti consulenze, ho preso cipralex per circa 8 mesi, poi ho smesso gradualmente fino a smettere e sono stata due mesi pieni senza prendere niente.. . e sono stata bene. Poi a inizio luglio in seguito a un'operazione al cuore improvvisa di mio padre, ho avuto delle ricadute. Un po' di agorafobia, un a leggera tristezza, così lo psichiatra mi ha detto di ricominciare. Ho ricominciato con una goccia ogni due giorni per poi arrivare a 10, arrivata a 6/7 gocce ho avuto degli effetti collaterali enormi e dopo un po' di giorni sempre il dottore mi ha detto che probabilmente non reggo più cipralex e di smettere, così come ho cominciato. Cosa che ho accettato volentieri, anche presa dal dubbio di aver sbagliato a ricominciare.
So che dovrei fidarmi ciecamente del mio dottore ma ho letto un po' su internet (so che non va fatto) e ho letto che smettere una seconda volta cipralex può portare a ricadute grosse, è anche vero che la seconda volta non l'ho preso nemmeno per 3 settimane ma comunque la paura c'è.
Adesso sono a 4 gocce e sto scalando, effettivamente sto un po' meglio.
Secondo voi è una terapia giusta?
Grazie
[#1]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 41k 1k 63
Probabilmente lei il farmaco non lo voleva assumere per cui alla prima possibilità di toglierlo non vi ha pensato due volte e ha seguito le indicazioni.


Purtroppo se si lamenta in continuazione di un effetto è normale ricevere la sospensione del farmaco mentre è pacifico che sono tutti effetti normalissimi.


Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it

https://wa.me/3908251881139
https://www.instagram.com/psychiatrist72/

[#2]
dopo
Utente
Utente
Ha ragione. Infatti dopo essere stata un po' di giorni ferma a 4 gocce, ho ricominciato a salire, su consiglio dello psichiatra. Il problema è che avendo già sperimentato il farmaco, per quanto faccia stare bene psicologicamente, porta ad altri sintomi come stanchezza, fa ingrassare, gonfiare... e pensare di dover continuare a prendere un farmaco per essere "felice" ti butta un po' giù e arrivi ad avere come una specie di rifiuto. Soprattutto quando hai solo 23 anni. Ma così è la vita.

Grazie per la risposta
Ansia

Cos'è l'ansia? Tipologie dei disturbi d'ansia, sintomi fisici, cognitivi e comportamentali, prevenzione, diagnosi e cure possibili con psicoterapia o farmaci.

Leggi tutto